PRIMARIE PD 2017/ Confronto, diretta streaming video SkyTg24: Emiliano “Alitalia? Abbiamo salvato le banche..”

- Niccolò Magnani

Diretta Primarie Pd 2017, in streaming video Sky Tg24 del confronto tra Renzi, Orlando ed Emiliano. Ultime notizie, gli attacchi e i regolamenti della contesa in diretta tv

renzi_pd_assemblea_nazionale_lapresse_2017
Assemblea Nazionale Pd (LaPresse)

L’attesissimo Confronto tra Matteo Renzi, Michele Emiliano e Andrea Orlando a SkyTg24 è cominciato. In vista delle primarie, i candidati al ruolo di segretario del Partito Democratico stanno discutendo di diversi temi, ma non potevano non cominciare dalle previsioni in vista della votazione. «Spero nel 50% più uno, perché questo vuol dire vincere al primo turno», ha dichiarato l’ex premier in merito alla questione relativa alla partecipazione alle primarie. Sulla stessa lunghezza d’onda il ministro della Giustizia, mentre il presidente della Regione Puglia non si sbilancia: «Per me, che mi sono candidato per salvare il Pd ed evitare che ci fosse un confronto tra loro due, va bene qualunque cosa». Il dibattito si è fatto incandescente parlando di Alitalia. Applausi nello studio milanese di SkyTg24 per Michele Emiliano quando ha dichiarato: «Sono stati spesi soldi per salvare le banche, si può salvare Alitalia». (agg. di Silvana Palazzo)

In una delle ultime interviste rilasciate da Andrea Orlando prima delle Primarie Pd 2017 in programma domenica prossima – e a poche ore dal primo e ultimo confronto tv con Renzi ed Emiliano – il punto da affermare è chiaro: è in svantaggio e la partita è difficilissima, se non compromessa, allora meglio iniziare a fissare i paletti per il post-voto, quelli in cui bisognerà organizzare il Partito Democratico verso il complesso voto delle Politiche, con una distanza ancora alta dai grillini che va radicalmente colmata. «Letta parla di primarie morte? Se si limitano a essere una conta per rilegittimare il leader è questo il pericolo. Se si vincono le primarie senza garantire una competitività elettorale si fa la fine di Hamon in Francia», afferma Orlando nell’intervista a Il Fatto Quotidiano di questa mattina. Il ministro-candidato segretario va oltre e punzecchia Renzi ancora sul fattore Francia, «Macron non ha fatto le primarie ed è un uomo nuovo non assimilato con la conduzione del potere, come Renzi tre o quattro anni fa. E mi risulta che Macron non abbia mai tolto la bandiera europea alle sue spalle mentre parlava». Sui punti programmatici, quello di Orlando è chiarissimo e ripetuto praticamente in tutte le occasioni in cui è intervenuto prima di queste Primarie: «La diseguaglianza sociale: il 25 per cento della ricchezza concentrato nelle mani dell`un per cento. Se non capiamo questo, non capiamo la fortuna dei populisti. A furia di parlare dell’Italia dell’eccellenza non abbiamo saputo raccontare l`Italia che non ce la fa».

Questa sera alle ore 21.15 andrà in scena il primo e forse ultimo confronto in tv per le Primarie Pd 2017 tra i tre candidati segretario che il prossimo 30 aprile si sfideranno in piazza per ottenere l’investitura popolare verso il Congresso dem. Matteo Renzi, Michele Emiliano e Andrea Orlando scendono nell’arena di Sky Tg24 con Fabio Vitale che farà da moderatore tra domande, proclami e appelli, con il consueto rigido regolamento in atto già in passato per le elezioni Amministrative e Politiche. Alle ore 21.15 diretta in tv sul canale 100  500 di Sky ma anche sui canali del digitale terrestre di Sky Tg24 e Tv8, con anche la diretta streaming video sul sito online; risposte scandite da un countdown da 1 minuto e 30 secondi al massimo, tre possibilità di replica da 30 secondi ciascuna, domande incrociate tra i candidati e dai supporter degli avversari e un appello finale L’agone della battaglia vedrà per la prima volta tutte e tre insieme i candidati a pochi giorni dalle Primarie, con il super favorito Renzi che vorrà cercare di limitare i danni per mantenere l’ampio vantaggio dimostrato finora. Novità di quest’anno, al termine del dibattito andrà in onda un approfondimento, condotto da Federica de Sanctis in cui verrà compiuto un fact checking di tutte le affermazioni e dati proposti dai candidati segretari Pd per poter verificare appieno la veridicità delle loro proposte.

È da tutti considerato il candidato sfavorito alle Primarie Pd, con Renzi e anche Orlando che avrebbero ampio vantaggio sul Governatore Puglia (come visto durante le Primarie dem nei circoli Pd di tutta Italia). Michele Emiliano però non ci sta e punta un obiettivo già più realistico dell’oggettivamente utopica vittoria: «Quanto spero di prendere alle primarie Pd? In questa fase preliminare sarebbe bello se Renzi rimanesse sotto il 50% e il resto fosse diviso equamente tra me e Orlando», ha raccontato ieri il Governatore pugliese ad un Giorno da Pecora, su Radio1. Per lui il successo maggiore sarebbe quello di raggiungere il 25% visto che significherebbe una decisa perdita di terreno (e consensi) dell’ala dem renziana. «Renzi capirebbe di far parte di una squadra e di non esser un giocatore solo. La politica è uno sport di squadra, come il calcio, Renzi invece pensa di giocare a tennis o di fare la canoa singola». Questa sera nel confronto in tv su Sky Tg24 ci sarà il primo e probabilmente ultimo scontro diretto tra i due candidati, assieme al ministro della Giustizia, Andrea Orlandi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori