SILVIO BERLUSCONI SHOW/ Video, Mubarak è lo zio di Ruby e il ‘plastico’ di Dudù.. (Porta a Porta)

- Niccolò Magnani

Silvio Berlusconi show a Porta a Porta: ospite di Bruno Vespa, il cavaliere torna in campo col trash. Mubarak è ancora lo zio di Ruby e il siparietto con Dudù resta bizzarro..

silvio_berlusconi_zoom6_lapresse_2016
Elezioni 2018, Silvio Berlusconi (Foto: LaPresse)

Un Silvio Berlusconi Show ha segnato il suo ennesimo ritorno in campo con l’immancabile presenza… da Bruno Vespa nella puntata di ieri sera a Porta a Porta. Non può infatti esserci vero rilancio del leader eterno di Forza Italia senza il lancio del programma e delle (nuove?) proposte nella Terza Camera del Paese, appunto lo studio del buon Vespa. Peccato che ieri lo show politico sempre comunque sul pezzo, fatto di amministrative mezze vinte, di coalizione del centrodestra non propriamente unita e di possibili larghe alleanze con Renzi, sia stato del tutto sovrastato da un duplice momento-trash che non ha certamente restituito al pubblico un Berlusconi in pienissima forma. Mentre infatti il buon Silvi prova a discutere di emergenza terrorismo e di futuro della Siria, si inerpica in un elenco di dittatori che negli ultimi anni in Medio Oriente e in Africa hanno rappresentato tanti fallimenti e clamorosi flop dell’Occidente. Ebbene, quasi così, come fosse un punto certo e chiaro nel suo ragionamento, il buon Berlusca afferma: «dopo Gheddafi come dittatore, anche lo zio di Ruby, Mubarak….».

Tutti si aspettavano una battuta e una risata autoironia che solitamente Berlusconi ha abituato. E invece no: per lui infatti Ruby Rubacuori è davvero la nipote di Mubarak, l’ex presidente egiziano protagonista suo malgrado dell’inizio famosissimo del processo RubyGate. Chiamando in questura a Milano per fare rilasciare la ragazza – allora minorenne – l’allora premier Berlusconi riferì che in cella appena arrestata c’era la nipote del presidente d’Egitto, rivelatasi poi tutt’altro (per non aggiungere altro…). Ma Berlu, che combini? Se poi il tutto viene concluso dal siparietto col “finto” Dudù che non intende saperne di accettare il biscottino offerto dall’ex cavaliere, il senso di amarezza e di “rimpianto” del periodo delle corna ai capi di Stato e delle barzellette un po’ è sopraggiunto… Qui sotto ecco i due video-trash, con Mubarak e il “plastico” di Dudù, come riporta l’account di Nonleggerlo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori