LETIZIA LAURENTI/ Morta la moglie di Enrico Berlinguer: sabato i funerali (28 giugno)

- Dario D'Angelo

Letizia Laurenti: è morta la moglie di Enrico Berlinguer. Con l’ex segretario Comunista aveva dato alla luce 4 figli, ma mai si iscrisse al Partito guidato dal marito. 

enrico_berlinguer_letizia_laurenti_facebook
Enrico Berlinguer (LaPresse)

Si terranno sabato i funerali di Letizia Laurenti, moglie di Enrico Berlinguer e madre di Bianca, Maria, Marco e Laura. La cerimonia funebre verrà celebrata alle 10 nella parrocchia San Bellarmino ai Parioli. La vedova del segretario del Partito Comunista, morta ieri notte, aveva 89 anni. Dopo la scomparsa del marito, nella primavera del 1984, si era ritirata ancor di più. La sera di quel 7 giugno lo raggiunse a Padova dopo il comizio in cui il segretario del Pci si sentì male. Entrò in coma, colpito da una gravissima emorragia cerebrale, e dopo quattro giorni di agonia morì. La moglie lo accompagno nello storico funerale di Piazza San Giovanni per l’ultimo saluto. Dal giorno in cui morì Enrico Berlingue, Letizia Laurenti prese ancora di più le distanze dal resto del mondo, non dando mai il pretesto per apparire su giornali e riviste. Del resto la sua ritrosia ad apparire in pubblico era perfettamente in linea con l’austero modo di fare del marito. (agg. di Silvana Palazzo)

Una donna fedele e vicina al grande leader Enrico Berlinguer: “donna” Letizia Laurenti se n’è andata ieri, nello stesso giorno di Paolo Limiti, che con lei condivide solo un elemento ovvero la profonda stima e benevolenza di quasi tutti quelli che l’hanno conosciuta. Una protagonista nelle retrovie delle dinamiche politiche di 30 anni di storia italiana, con la scomparsa del marito divenne sempre più nell’ombra, vicina alla famiglia e ai 4 figli che ha allevato e cresciuto amorevolmente. Tra i più grandi amici e persone vicini alla famiglia Berlinguer è stato Giorgio Napolitano, due volte Presidente della Repubblica che con la moglie Clio ha passato molti momenti nel passato vicinissimo ai coniugi Enrico e “donna” Letizia:

«Io e mia moglie Clio abbiamo appreso con profondo dolore la triste notizia della scomparsa di Letizia Berlinguer. Ci ha legato una lunghissima amicizia che ci ha permesso di conoscere i tratti umani, l’intelligenza e l’ironia della sua personalità indipendente e discreta e del suo rapporto di affetto e collaborazione con Enrico, di dedizione senza limiti alla loro famiglia. Abbracciamo Bianca, Maria, Marco e Laura con intensa partecipazione per la loro dura perdita», sono le parole rilasciate in una nota per la scomparsa di Letizia Laurenti. (agg. di Niccolò Magnani)

Se n’è andata nella notte Letizia Laurenti, moglie di Enrico Berlinguer e madre dei suoi 4 figli: Bianca, già direttrice del Tg3, Maria, Marco, giornalista ed esponente di Rifondazione Comunista, e Laura, giornalista Mediaset. Con l’ex segretario del Partito Comunista si era sposata 60 anni fa: era il 1957, Berlinguer di anni ne aveva 35, lei 29. In Campidoglio si dissero sì, ed era strano pensare che per un po’ di tempo, dopo essersi conosciuti a casa di parenti, si fossero quasi ignorati, tanta era forte il legame che sarebbe scaturito da quella vacanza in Valle d’Aosta che si rivelò galeotta. 

Letizia Laurenti, a differenza di quanto spesso accade se si ha accanto un partner dalla forte personalità come poteva essere quella di Enrico Berlinguer, ha sempre avuto la forza di restare sé stessa. Descritta come bella, solare e allegra, ha sempre avuto la forza di rivendicare la sua indipendenza, anche politica. Come riporta Tiscali, citando il libro di Chiara Valentini, non era insolito sentirla apostrofare il marito con un pungente, quanto ironico e amorevole “voi comunisti!”, quasi a volersi smarcare da quel Partito che mai aveva amato tanto da non volersi mai iscrivere. La sua opinione non mancava mai di farla sentire, tanto che – sostiene Valentini – “fino all’ultimo polemizzerà con Enrico, anche di fronte agli amici…”. Ma sui valori morali e sociali l’intesa era perfetta: non si sarebbero amati così tanto Letizia ed Enrico, altrimenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori