Sondaggi Politici/ Elezioni 2018: M5s & Di Maio in testa al 28%, crollo Renzi al 20%

- Niccolò Magnani

Sondaggi Politici Elettorali, intenzioni di voto e ultime notizie Elezioni 2018: Berlusconi-Salvini al top, centrodestra al 39%. Pd-Radicali, l’accordo in coalizione divide l’elettorato

elezioni_voto_schede_elettorali_2_lapresse_2016
Elezioni Comunali Amministrative 2018, Toscana e Umbria (LaPresse)

TECNÈ, CROLLO DI RENZI APPENA SOPRA IL 20%

Sondaggio choc che arriva da Tecné: guardando le intenzioni di voto raccolte solo con l’espressione del proporzionale (dunque senza calcoli di possibili coalizioni), il Partito Democratico “paga” un pesante crollo di consensi rispetto ad un mese fa (un netto -3%) lasciando il Movimento 5 Stelle sempre più in testa e verso il 30% e con un centrodestra che vede salire ancora la forbice tra Forza Italia e Lega Nord in favore di Berlusconi. Scendendo nelle pieghe dei numeri, si scopre che Di Maio ad oggi raccoglierebbe un 28,1% alle urne, mentre il Partito Democratico rimane al 20,7%, dunque ai minimi storici. Dietro tutti gli altri, con Berlusconi al 18%, Lega Nord attorno al 12,6% su scala nazionale e Liberi e Uguali che in volata atterrebbe la Meloni per 6,7% vs il 5,3% di FdI. In coda gli altri, con la quarta gamba del centrodestra – Noi con l’Italia – al 2,6%, altri di centrosinistra al 4,35 e altri di centrodestra invece fermi allo 0,7%. 

EMG, ALLEANZA PD-RADICALI: ELETTORI DIVISI

La coalizione di centrosinistra è tutt’altro che un organismo fatto e finito a meno di tre mesi dalle elezioni: lo sforzo di Renzi è quello di raggruppare più “anime politiche” possibili per contrastare l’avanzare del centrodestra che in termini di coalizione, almeno ora, sembra imbattibile nonostante gli screzi forti tra Salvini e Berlusconi. Renzi invece paga il suo carattere poco conciliante, anche a livello politico, e finora è riuscito a raccogliere uno sparuto gruppo centrista (Civica Popolare e Insieme) e punta all’accordo con i Radicali di Emma Bonino, presenti alle elezioni grazie al “regalo” del simbolo di Centro Democratico dell’ex Dc Bruno Tabacci, col nome Più Europa. Ebbene, gli elettori sui sondaggi prodotti da Emg Acqua mostrano totale divisione: chi si dice di centrosinistra è convinto che l’accordo si debba fare per il 43,6%, mentre il 23,1% dice “no”, con una largo “non saprei” al 33,3% su scala nazionale. Chi invece si dice di sinistra e quindi si allontana dall’idea di coalizione di Matteo Renzi e del Pd odierno, la pensa esattamente al contrario: Sì all’accordo con i Radicali per il 25,7%, no al 40,1% e “non saprei” al 3,42%. C’è divisione, ma del resto la sinistra di stampo italiano da sempre si “accompagna” con questa situazione assai bizzarra..

PIEPOLI, REGIONALI LOMBARDIA: FONTANA AL 31%

Secondo i sondaggi stilati da Nicola Piepoli per le prossime Regionali in Lombardia il centrodestra non avrebbe perso i favori del pronostico, anche se i numeri si sono sensibilmente abbassati rispetto ad una nuova candidatura di Roberto Maroni. Guardando le stime proposte dallo studio di sondaggistica, gli elettori lombardi sarebbero pronti a premiare il volto nuovo Attilio Fontana con il 31% dei consensi, nettamente davanti al centrosinistra di Giorgio Gori (24% e alle prese con la difficile partnership con la sinistra radicale) e Dario Violi, candidato del Movimento 5 Stelle che seppur in svantaggio al 20% non è ancora del tutto tagliato fuori dai giochi per le prossime Regionali lombarde. Al momento la corsa al Pirellone vede Fontana in vantaggio ma bisogna vedere come sarà in grado di entrare subito nell’agone politico difendendosi da chi lo accuserà di non essere in grado di gestire un impegno così gravoso come quello di Governatore della più grande e ricca regione italiana. Vedendo il putiferio scatenato dalla prima vera intervista da candidato governatore – con la gaffe sulla “razza bianca” e i migranti – non ha pare proprio abbia cominciato con il piede giusto..

EMG, CENTRODESTRA AL 39%: RENZI PERDE IL 2%

Nelle analisi di voto studiate dai sondaggi Tecnè, sul fronte del maggioritario la sfida tra le tre principali coalizioni è alquanto netta e stabilita: in testa il centrodestra e non di poco, poi il Movimento 5 Stelle e il centrosinistra che riesce a rimanere incollato ai grillini pure perdendo il 2% in solo un mese. Guardando i numeri si scopre che rispetto a fine 2017, Lega-Forza Italia-FdI guadagnano ancora e vanno al 39,2% su scala nazionale, mentre i grillini guadagnano il 2% e volano al 28,1%, ancora però troppo lontani da Salvini & Berlusconi. Chiude Renzi che con Pd, Udc e “Insieme” resta sul 25% e si allontana da sogni di possibili recuperi, almeno stando alle intenzioni di voto fino a questi primi giorni del 2018. Per Liberi e Uguali con Pietro Grasso, da ultimo, si vede già una netta flessione, 6,7% rispetto al 7,8% di un mese fa, complice probabilmente le proposte sulle tasse tolte all’Università e gli attriti col Pd in Lazio e Lombardia per le Regionali. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori