PREMIER CONTE, CONCORSO ‘TRA AMICI’ PER DIVENTARE PROF ORDINARIO?/ Video, Le Iene “è una persona per bene”

- Niccolò Magnani

Premier Giuseppe Conte incalzato da Le Iene sul caso del concorso “tra amici” per diventare Prof Ordinario: video, lo scoop dato dall’avvocato “conoscevo tutti gli esaminatori”

conte_monteleone_concorso_prof_leiene_twitter_2018
Premier Conte intervista da Le Iene

Ancora polemiche sui trascorsi del Presidente del Consiglio Giuseppe Conte, incalzato da Antonino Monteleone nel servizio di questa sera andato in onda alle Iene. Il reporter di Mediaset ha intercettato il premier per chiarire alcuni aspetti del suo curriculum, compresa la collaborazione col professor Guido Alpa per la prestigiosa difesa del Garante della Privacy contro la Rai. Il Presidente del Consiglio non si è sottratto alle domande di Monteleone, ma per la iena i conti non tornano. Così dopo una lunga chiacchierata col premier si è recato direttamente dal professor Guido Alpa, che su Conte si è espresso in questi termini: “Per quanto mi riguarda posso dire che Giuseppe Conte è una persona perbene. Altre interpretazioni non le capisco, quindi non mettetemi in bocca parole che non ho detto”. (Aggiornamento Jacopo D’Antuono)

“CONOSCEVO GLI ESAMINATORI”

In principio fu il curriculum di un premier in pectore che fece scalpore: diversi mesi dopo è sempre un “motivo universitario” a mettere il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte in imbarazzo, almeno presunto. Secondo quanto scoperto dai quotidiani negli scorsi giorni – e come scritto nello stesso CV del premier legastellato – Conte e il professor Guido Alpa hanno lavorato insieme condividendo anche una prestigiosa difesa del Garante della Privacy contro la Rai che aveva impugnato d’urgenza un provvedimento dell’Autorithy. Poi però, e qui l’accusa che vedremo anche questa sera nel servizio de Le Iene di Antonino Monteleone, Conte ha partecipato in un concorso da docente universitario nel quale proprio quell’Alpa fu suo esaminatore e lo promosse come professore ordinario. L’accusa di Repubblica è che i due avvocati siano stati anche soci, il che per legge renderebbe illegittimo il concorso vinto da Conte: in una lunga risposta qualche giorno fa sul quotidiano di Mario Calabresi, lo stesso premier replica che non furono mai soci, come del resto sostenuto anche da Alpa. «Io e il prof. Alpa non abbiamo mai avuto uno studio professionale associato né mai abbiamo costituito un’associazione tra professionisti. Sarebbe bastato ai suoi giornalisti chiedere in giro, senza profondersi in sofisticate investigazioni, per scoprire che Alpa, all’epoca dei fatti, aveva sì uno studio associato, ma a Genova, con altri professionisti. Mentre a Roma siamo stati “coinquilini” utilizzando una segreteria comune, che serviva anche altri studi professionali, tutti collocati nello stesso stabile, come spesso avviene nel mondo professionale», ha spiegato il premier.

CONTE DÀ LO SCOOP ALLE IENE: “CONOSCEVO TUTTI GLI ESAMINATORI”

Ma ora Le Iene provano a riaprire il caso e alzare un nuovo polverone, con le domande insistenti di Monteleone all’avvocato “difensore del popolo italiano”, come in più passaggi ironizza l’inviato Iena. Queste due dichiarazioni, che lo stesso Conte definisce «lo scoop che ti regalo»: «Meglio tra amici che tra nemici», ma soprattutto «Conoscevo anche gli altri quattro commissari che mi hanno esaminato». Come spiega Conte a Monteleone, «Se uno fa ricerca per anni è impossibile non incontrarsi ai convegni, non scrivere anche delle cose insieme». Caso chiuso? Non proprio, visto che secondo Le Iene (e anche Repubblica) il problema consta proprio in quel famoso e discussissimo curriculum: tra le varie sezioni, Conte scrive «Dal 2002 ha aperto con il prof. avv. Guido Alpa un nuovo studio legale dedicandosi al diritto civile, al diritto societario e fallimentare». Al che Monteleone chiede – di fronte alle risposte di Conte che aveva appena finito di dire che non sono mai stati soci e neanche “con interessi economici comuni” (come recita la regola del Consiglio di Stato, ndr) – «Ma se non avete aperto uno studio legale, allora lei nel curriculum ha scritto una cazzata?». Per sapere la risposta non resta che attendere la nuova puntata de Le Iene…



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori