Truffati dalle banche e beffati dal governo?/ Video Le Iene: Monteleone indaga sul condono tombale del credito

- Silvana Palazzo

Truffati dalle banche e beffati dal governo? Antonino Monteleone indaga per Le Iene sul condono tombale del credito

truffati banche alessio villarosa m5s iene 640x300
Truffati dalle banche e beffati dal governo? Il servizio de Le Iene

Risparmiatori truffati dalle banche e beffati dal governo? A cercare una risposta a questa domanda Antonino Monteleone per “Le Iene”. Suo il servizio sui risparmiatori che hanno perso i loro soldi a causa della recente crisi bancaria. C’è una norma all’interno della legge di bilancio del governo M5s-Lega che beffa gli azionisti. Nella manovra, la norma sui rimborsi ai risparmiatori truffati contiene lo scudo per gli istituti e le autorità di vigilanza, che quindi non possono subire cause. Per il Fatto Quotidiano si tratta del condono tombale del credito. In pratica, la legge garantisce un rimborso del 30 per cento agli azionisti truffati che abbiano viste riconosciute le proprie ragioni. Ma se si accetta il rimborso, bisogna rinunciare a citare in giudizio le banche, Consob o Bankitalia, e quindi rinunciare a recuperare il 70 per cento mancante. Ad accorgersene per primo l’ex senatore Andrea Augello, che ha fatto parte della Commissione d’inchiesta sulle banche. «È una norma anticostituzuionale, un’assurdità», ha dichiarato a “Le Iene”.

TRUFFATI DALLE BANCHE E BEFFATI DAL GOVERNO?

Il mirino di Antonino Monteleone si sposta sul lobbista Gianluca Comin, alludendo alla possibilità che sia stato lui ad occuparsi dello scudo in questione. «C’è un sacco di gente brava in giro», risponde lui quando la Iena allude alla sua mano dietro lo scudo. Monteleone si è recato allora dal sottosegretario Alessio Villarosa del M5s, il quale ha spiegato che quella norma non è legge. «Questo provvedimento doveva per forza entrare nella legge di bilancio. Esiste una norma europea che prevede che tu non possa dare aiuti di Stato, bisogna discutere anche con la Commissione europea. Verrà modificata quella parte e forse anche altre», promette l’esponente del Movimento 5 Stelle. «Sì che la leviamo, abbiamo già trovato una soluzione. Quella norma non è legge», ha proseguito Villarosa. «Credo che sia finito in una cosa più grande di lui. Ci hanno provato… Ma comunque Mattarella una cosa del genere non la firma», ha commentato Andrea Augello. Clicca qui per il video del servizio de Le Iene.



© RIPRODUZIONE RISERVATA