MINACCE CONTRO SALVINI/ Con errori grammaticali. “Ai tre albanesi puntati su di te”

Matteo Salvini ha ricevuto una lettera di minacce e ne ha pubblicato sui social il contenuto. Nel testo della missiva anche degli errori ortografici

01.12.2018 - Bruno Zampetti
matteo_salvini_15_lapresse_2018
Matteo Salvini (LaPresse)

LETTERA DI MINACCE A SALVINI

Matteo Salvini ha ricevuto una lettera di minacce e ne ha pubblicato sui social il contenuto, con un post in cui ha scritto: “Letterina di minacce, soprattutto alla grammatica italiana, arrivata al Ministero… Si tira dritto, baci e abbracci! Sabato prossimo, 8 dicembre alle 11 a Roma in piazza del Popolo, risponderemo con i sorrisi di un mare di italiani perbene!”. “Finocchio Salvini  ai 3 albanesi puntati su di te. Sarai giustiziato”, questi l’inizio del testo, scritto in stampatello maiuscolo, cui seguono una serie di insulti conditi anche da errori ortografici. Nella foto postata dal ministro dell’Interno si vede anche la busta in cui è stato scritto semplicemente, e sempre in stampatello maiuscolo “Per Matteo Salvini Lega Roma”. Il timbro postale è del 22 novembre scorso e riporta il nome della città di Bologna.

I PRECEDENTI

Giovedì sera Matteo Salvini è stato anche oggetto di una tentata aggressione da parte di un cittadino yemenita. Secondo quanto riportato dalle agenzie di stampa, il ministro si trovava all’Auditorium Parco della Musica di Roma per assistere a un concerto quando un uomo con una lunga barba gli si è avvicinato e cominciato a urlargli contro insultandolo. Gli uomini della scorta del ministro sono intervenuti subito bloccando l’uomo e consegnandolo poi ai poliziotti in servizio nella zona che lo hanno successivamente portato negli uffici della Digos in Questura, dove è stato denunciato per resistenza a pubblico ufficiale. A metà settembre, invece, erano comparse scritte sui muri del comune di Campagna contro il ministro. Il quale a fine giugno, quindi di fatto appena insediato, aveva detto di aver ricevuto già più di 50 minacce di morte.



© RIPRODUZIONE RISERVATA