Emma Bonino, +Europa fuori da Parlamento/ Lei entra in Senato: la beffa, i voti passano al Pd (Elezioni 2018)

Emma Bonino, lista fuori dal Parlamento, flop clamoroso di + Europa alle elezioni politiche 2018: sotto al 3 per cento, ma lei può ottenere un seggio al Senato

emma_bonino_2_lapresse_2018
Emma Bonino, leader di + Europa (LaPresse)

C’è poco da stare allegri oggi dalle parti di +Europa. Non solo il partito di Emma Bonino non ha superato la soglia di sbarramento, ma poi è arrivata la beffa, perché i voti raccolti dalla lista al proporzionale sono confluiti al Partito democratico. E questa non può che essere ritenuta una beffa per chi ha votato i radicali pensando di inviare un segnale a Matteo Renzi. Invece hanno dato una mano, seppur inutile, al Pd. “Abbiamo preso voti da parte di molte persone che volevano un partito che guardasse verso l’Europa e il futuro”, il commento della rappresentante dei radicali Giulia Simi, secondo cui la situazione al Sud ha giocato un ruolo chiave, soprattutto con le proposte della FlatTax e del reddito di cittadinanza. “Spero che il voto ricevuto dalle persone che hanno vinto serva per far governare, trasformando il voto di protesta in un voto di proposta”, ha aggiunto Simi, esprimendo preoccupazione per il possibile comportamento ostile del nuovo governo nei confronti dell’Unione Europea. (agg. di Silvana Palazzo)

“ABBIAMO SBAGLIATO”

Una lunga, lunghissima notte per Emma Bonino e tutto il quartier generale di +Europa che a Roma ha sperato fino all’ultimo di poter entrare in Parlamento ma al momento, verso la chiusura degli scrutini, la situazione si fa alquanto complessa per la piccola lista sostenuta dai Radicali. Alla Camera è al 2.6, al Senato invece al 2,4%: l’unica possibilità ormai certa di vedere +Europa in Parlamento riguarda l’elezione certa di Emma Bonino stessa, vincitrice del suo collegio uninominale a Roma. Falliscono invece gli altri candidati, con Riccardo Magi e Benedetto Della Vedova che non possono che dirsi delusi dalla situazione che si profila: «Siamo speranzosi. Aspettiamo i risultati definitivi, non siamo delusi. In questo contesto un punteggio pari a 2.7 mi viene da dire che sia un risultato comunque straordinario», aveva detto Della Vedova prima delle proiezioni del Senato. Poi lo sconforto in casa radicali, con tutti, compresa la Bonino, che preferiscono non commentare quel dato che sfiora il 3% ma viene “sbarrato” a poche centinaia di migliaia di voti dall’elezione. «Abbiamo sbagliato», a parlare è Mina Welby che a voce sommessa abbandona il quartier generale, simbolo di una sconfitta che, nonostante l’esposizione medianica forte in queste ultime settimane, non dà scampo alla lista +Europa con Bonino. (agg. di Niccolò Magnani)

+EUROPA FUORI DA PARLAMENTO, EMMA BONINO IN SENATO

La lista della Bonino fuori dal Parlamento, clamoroso flop per + Europa. La formazione europeista nata il 23 novembre 2017 dalla convergenza con la lista Forza Europa di Benedetto Della Vedova, esentata dalla raccolta firme dalla messa a disposizione del simbolo di Centro Democratico da parte di Bruno Tabacci, era considerata tra le possibili sorprese delle elezioni politiche tenutesi nella giornata di ieri, ma lo scrutinio dei voti dice il contrario: il partito di Emma Bonino è sotto il 3 per cento sia alla Camera che al Senato, 2,67 per cento alla Camera e 2,43 al Senato, ed è ad un passo dal rimanere fuori dal Parlamento. Non sembra aver convinto gli elettori il programma dell’ex esponente del Partito Radicale che, come sottolineato dal nome del partito, chiedeva più Europa per l’Italia, politiche soft per quanto concerne l’immigrazione e altre innovazioni alquanto confuse, basti pensare alla questione della Tassa Imu sulla casa. E ora cosa accadrà per + Europa in caso di non raggiungimento del 3 per cento?

EMMA BONINO, LISTA FUORI DAL PARLAMENTO

Tutto il Centrosinistra sta raccogliendo dei risultati molto inferiori alle attese, basti pensare al Partito Democratico, e ora + Europa difficilmente entrerà al Parlamento. Secondo le ultimissime proiezioni, come vi abbiamo spiegato, il partito di Emma Bonino oscilla attorno al 2,5 per cento sia alla Camera che al Senato. Come sottolinea Libero, senza il 3 per cento, tutti i voti di + Europa andranno al Partito Democratico. Un flop clamoroso per Emma Bonino, protagonista di una campagna elettorale aspramente criticata dalla stampa per modi e proposte. Al momento nessuno del Comitato ha deciso di metterci la faccia di fronte alle telecamere, in attesa di inaspettate novità dai grandi seggi, basti pensare a Roma e Milano. Ma, come riporta l’Huffington Post, la Bonino potrebbe ugualmente entrare in Parlamento, più precisamente al Senato: attualmente è in testa con il 38,74 per cento delle preferenze (72.710 preferenze) nel collegio uninominale Senato di Roma 1, con l’esponente del Centrodestra Federico Iadicicco fermo al 32 per cento (60.033 preferenze).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori