Giacinto della Cananea, chi è il “saggio” dei programmi/ M5s, da Di Maio ruolo chiave per formazione governo

- Silvana Palazzo

Giacinto della Cananea, chi è il “saggio” dei programmi. M5s, da Di Maio un ruolo chiave per la formazione governo: ha il compito di trovare convergenze con Lega o Partito democratico

giacinto_della_cananea
Giacinto della Cananea, chi è il saggio dei programmi

Giacinto della Cananea potrebbe essere l’uomo chiave per la formazione di un nuovo governo. Luigi Di Maio lo ha scelto per studiare i programmi di Lega e Partito democratico con lo scopo di trovare eventuali punti in comune. Ribattezzato il “saggio” dei programmi, è stato tirato in ballo dal capo politico del Movimento 5 Stelle, che ha lanciato un “comitato scientifico di analisi dei programmi” con il compito di individuare le convergenze possibili dei 20 punti M5S con le proposte della Lega o del Pd. Questa la carta da giocare con il capo dello Stato Sergio Mattarella per prendere tempo e dimostrare la volontà di trovare un’intesa. Giacinto della Cananea è ordinario di diritto amministrativo a Tor Vergata e componente del consiglio di presidenza della Corte dei conti. Laureatosi con lode in giurisprudenza alla Sapienza nel 1989, è l’allievo di Sabino Cassese, giudice emerito della Consulta di cui è stato consulente in materia di semplificazione amministrativa quando Cassese era ministro per la Funzione pubblica nel governo Ciampi.

GIACINTO DELLA CANANEA, CHI È IL “SAGGIO” SCELTO DAL M5S

Giacinto della Cananea, classe 1965, ha un profilo europeista, un’altra garanzia in chiave consultazioni. L’esperto, che dal 1997 al 2003 è stato nel Cda di Cassa depositi e prestiti, ha conseguito il dottorato di ricerca in diritto europeo presto l’Istituto universitario europeo di Firenze e insegna anche European Administrative Law anche a Science-Po, a Parigi. Dal 2001 coordina il gruppo italo-tedesco di diritto pubblico, mentre dal 2005 coordina per l’Italia il seminario italo-francese di diritto amministrativo. Come riportato dal Sole 24 Ore, con la giudice costituzionale Marta Cartabia ha fondato l’Italian Journal of Public Law. Ma come si è avvicinato Giacinto della Cananea al Movimento 5 Stelle al punto tale da diventare una tecnico di fiducia di Luigi Di Maio? Il 2 giugno dell’anno scorso è intervenuto al maxi convegno sulla giustizia promosso dal M5S alla Camera, parlando di progressi e problemi della giustizia contabile. A lui i pentastellati si sono rivolti quando bisognava presentare sul blog la riforma dell’amministrazione tributaria. Ora deve scegliere altri “saggi” per individuare convergenze programmatiche possibili e verificare sul campo la fattibilità di un accordo di governo M5S con Lega (con cui comunque l’intesa sembra avanzata) o con il Pd.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori