M5s, Di Battista/ Video, “anche se siamo al Governo partirò per gli Usa. La sinistra sta scomparendo”

- Carmine Massimo Balsamo

M5s, Di Battista pronto a partire per gli Usa nonostante il governo “del cambiamento” che sta nascendo con la Lega: ecco le parole dell’esponente pentastellato a Non è L’Arena

alessandro_dibattista_luigi_dimaio_m5s_camera_grillini_vitalizi_lapresse_2017
Alessandro Di Battista e Luigi Di Maio, M5S (LaPresse)

Nonostante il Governo “del cambiamento” tra Movimento 5 Stelle e Lega stia nascendo, Alessandro Di Battista non ha intenzione di tornare sui suoi passi. L’esponente pentastellato è pronto per partire per gli Stati Uniti d’America, dove condurrà una ricerca e trarrà ispirazione per il suo nuovo libro: “Se io adesso tornassi sui miei passi, in un certo senso tradirei quello che ho detto e perderei di credibilità, e la credibilità è un fatto importante”. Continua Alessandro Di Battista intervenuto a Non è L’Arena su La7: “Sì, tra nove giorni parto sul serio. Andrò anche se tra nove giorni saremo al Governo di questo Paese: ho presto questa decisione per la mia felicità e sono felice di aver portato tanti voti al Movimento 5 Stelli. Partirò per San Francisco e poi per Panama: sarà un viaggio molto bello, farò una ricerca sui diritti civili”. Poi una battuta sul fatto che partirà nel momento in cui prenderà vita il progetto 5 stelle: “Giletti, ha parlato con mia madre che mi dice le stesse cose?”.

DI BATTISTA: “LA SINISTRA STA SCOMPARENDO”

Continua Alessandro Di Battista, facendo il punto sulla Sinistra: “Lo dico da ex elettore di sinistra: la sinistra sta scomparendo in tutto il mondo anche perché la classe di intellettuali ha pregiudizi ed è interessata esclusivamente ai diritti civili. Per me i diritti civili sono importanti, io ho votato convintamente per il biotestamento: questo però è il momento di garantire al popolo italiano diritti economici e sociali. Ora è il tempo di questi diritti”. Prosegue l’esponente pentastellato, parlando della situazione europea: “Siamo stati accusati di essere contro l’Europa: io mi sono sempre sentito cittadino europeo. io credo che un’Europa debole si lascerebbe distruggere dagli Usa dal punto di vista economico, dall’India e dalla Cina. Non voglio un’Europa forte, ma ci deve essere un’Europa forte nei diritti economici e sociali. Se l’Europa sta per crollare, è colpa del M5s che ha preso il 32% o di politiche che hanno distrutto politiche economiche e sociali a vantaggio delle grandi compagnie assicurative sui privati, ecc”. Clicca qui per vedere il video.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori