GENTILONI: “ITALIA HA BISOGNO DI MIGRANTI”/ Salvini: “Lui di un medico”. Rosato: “Immigrati una risorsa”

- Silvana Palazzo

Gentiloni: “L’Italia ha bisogno dei migranti”. Salvini all’attacco: “Chiamate un medico”. E Mirabelli replica: “Dimostra di essere capace solo di fare campagna elettorale”

paolo_gentiloni_2_governo_lapresse_2017
Paolo Gentiloni (Foto: LaPresse)

“No euro”, “golpe” e “basta migranti”: la politica rievoca i toni populisti. La questione migranti ha scatenato un nuovo attacco del leader della Lega Matteo Salvini al premier Paolo Gentiloni. Dopo Franco Mirabelli, vicecapogruppo del Pd al Senato, anche Ettore Rosato, esponente Pd vicepresidente della Camera, ha replicato al numero uno del Carroccio. «Se Salvini non vuole seguire il buon senso, almeno sentisse cosa dicono gli imprenditori del suo amato nord est: gli immigrati possono essere una risorsa, anche solo perché pagano e pagheranno le nostre pensioni. Ed è quello che ha detto Paolo Gentiloni». Interviene anche il senatore leghista di origine nigeriana Toni Iwobi per precisare la linea del Carroccio in materia di migranti, rifugiati politici e immigrazione irregolare. Ha lanciato un appello affinché le ambasciate italiane del Centro Africa rilascino a chi vuole raggiungere il nostro Paese i permessi. «Se vogliamo agevolare l’immigrazione regolare non facciamoli arrivare attraverso questi tunnel della morte dove negli ultimi 4 anni sono morte 15 mila persone», ha dichiarato Iwobi, come riportato da Repubblica. (agg. di Silvana Palazzo)

GENTILONI: “ITALIA HA BISOGNO DI MIGRANTI”

L’Italia ha bisogno dei migranti: lo sostiene Paolo Gentiloni, che tira in ballo la demografia per giustificare la sua posizione. Intervenuto al Palazzo Ducale di Genova per il Festival di Limes, il premier ha affrontato l’emergenza immigrazione. «Abbiamo bisogno di migranti nel Nostro paese, a condizione che il flusso sia sicuro, organizzato e non porti a morti nel Mediterraneo». Rendere il numero dei flussi governabile è per Gentiloni l’unica ricetta sensata per un Paese situato di fronte all’Africa. Ma i flussi vanno ridotti «in modo drastico e facendo partire in parallelo un meccanismo di migrazioni legali, sicure e se possibile legate al mercato del lavoro nel paese in cui si va a migrare». Gentiloni ha tal proposito ha evidenziato il fatto che «noi siamo leader di questa questione e ce lo riconosce tutto il mondo». Il presidente del consiglio ha parlato anche degli equilibri all’interno dell’Unione europea e della posizione dell’Italia in questo contesto. «L’Italia non è un paese neutrale che può permettersi di essere fuori o contro l’euro e deve fare la sua politica allineandosi alle politiche dell’Alleanza atlantica o dell’Unione europea. È pericoloso dimenticarsi la nostra scelta di campo».

SALVINI CONTRO GENTILONI: “CHIAMATE UN MEDICO”

«Chiamate un medico!», così Matteo Salvini, leader della Lega, ha commentato su Twitter le parole pronunciate ieri a Genova dal presidente del Consiglio Paolo Gentiloni. Al numero uno del Carroccio ha replicato a stretto giro Franco Mirabelli, vicecapogruppo del Pd al Senato: «Con questa infelice frase contro Gentiloni, Salvini dimostra di essere capace solo di fare campagna elettorale. Dice di essere pronto per salire a Palazzo Chigi, ma prega di non trovare la strada». Mirabelli ha accusato Salvini di aver messo da parte finora la questione dei migranti «per i 60 giorni del balletto inconcludente con cui Lega e M5S hanno tenuto in ostaggio la nostra democrazia. Ora ricompare, con i soliti toni populisti e demagogici». La verità per Mirabelli è un’altra: «I lavoratori migranti sono da tempo una ricchezza per il nostro Paese e le nostre aziende ed è nell’interesse dell’Italia e degli italiani gestire con umanità e legalità il fenomeno migratorio». Intanto la Lega chiede al Viminale i numeri del flusso migratorio verso l’Italia: è la richiesta al centro della interrogazione parlamentare che il senatore del Carroccio Tony Iwobi ha rivolto al ministro dell’Interno, Marco Minniti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori