Sondaggi Elezioni Comunali 2018/ Analisi Ballottaggi: 109 Comuni ‘superiori’, il trionfo del Centrodestra

- Niccolò Magnani

Sondaggi Elezioni Amministrative 2018, i ballottaggi delle Comunali: crollo del Pd e regioni che da rosse diventano blu. I dati del secondo turno: M5s vince solo al Sud (e Imola)

elezioni_comunali_amministrative_voto_scheda_lapresse_2018
Immagini di repertorio (Foto da Lapresse)

YOUTREND (25 GIUGNO): I RISULTATI DEI 109 COMUNI “SUPERIORI” CELEBRANO IL CENTRODESTRA

Osservando l’analisi dei risultati condotta da YouTrend nel maxi report sondaggistico sui ballottaggio delle Amministrative, si scorge un duplice dato molto interessante sull’attuale situazione politica territoriale: rispetto alle scorse Elezioni, il Centrodestra trionfa – e questo ormai lo abbiamo capito – ma la seconda crescita esponenziale è quella delle liste civiche che passano dal controllare 28 Comuni nel 2013 ai 39 di queste Comunali 2018, ben 11 in più nel giro di pochi anni. I dati prodotti su fonte Viminale conducono alla profonda riflessione del Centrosinistra e del Pd, decisamente sotto ogni aspettativa: partivano dai 57 vinti nel 2013 (15 erano capoluoghi) e si ritrovano con soli 25 Comuni, di cui 5 capoluoghi. Per quanto riguarda il Movimento 5 Stelle invece la crescita territoriale è decisamente più statica rispetto a quella nazionale: solo un Comune in più rispetto  5 anni fa, la grande vittoria di Imola. Il resto del piatto, quello più ricco, se lo prende il Centrodestra a trazione leghista: 20 “poltrone” vinte nel 2013, ben 40 nell’ultima tornata, con una crescita netta del 100% che dà il segno dell’attuale condizione politica in Italia. 

TECNÈ (20 GIUGNO): CENTRODESTRA CRESCE ANCORA

Mentre si appresta a terminare anche quest’ultima tornata elettorale di questa prima metà del 2018, interessanti risultano gli ultimi sondaggi politici pubblicati da Tecnè (lo scorso 20 giugno, come riportato dal sito ufficiale della Presidenza del Consiglio) sullo stato attuale delle coalizioni in ambito nazionale. Ebbene, attendendo i risultati delle Amministrative per questi ballottaggi in 75 Comuni al voto, si può osservare come parallelamente il Centrodestra unito su scala nazionale porterebbe risultati ancora più ampi dell’ultima rilevazione del 4 marzo scorso: il 43,5% per Lega, Forza Italia, NcI e Fratelli d’Italia sarebbe una affermazione ancora più roboante che ricaccia il Movimento 5 Stelle sotto il 30% (attualmente è al 27,5%, mentre alle Politiche aveva preso il 32,7%) e che porta alla luce il trionfo di Matteo Salvini degli ultimi due mesi di caos politico e sociale. Il Centrosinistra rosicchia terreno e recupera, salendo al 23,7% (22,8% il 4 marzo scorso) confermando così i dati non troppo in crisi del primo turno Comunali di due settimane fa. Calano le altre liste, dato in controtendenza rispetto alle Amministrative dove invece assistiamo ad una crescita esponenziale delle liste civiche in alcuni importanti capoluoghi di provincia (Imperia su tutte).

Qui le ultime notizie per Ballottaggi Elezioni Amministrative 2018affluenza – come si vota

PIEPOLI (24 GIUGNO): “LEGA ANCORA STACCATA DA M5S”

In una intervista esclusiva al IlSussidiario.net, il vicedirettore dell’Istituto Piepoli ci racconta nel giorno dei Ballottaggio alle Amministrative in ben 75 Comuni in tutta Italia come la “partita” tutta interna al governo al momento vede ancora qualche distacco tra la Lega e il M5s, a differenza di quanto vanno dicendo alcuni sondaggi da qualche giorno a questa parte. Di certo il caso Ong e migranti ha fatto salire e di molto il partito di Salvini nelle intenzioni di voto, in più il M5s è dato calante rispetto a qualche mese fa: eppure ad oggi vi sarebbe ancora una distanza, almeno a livello nazionale, fra Di Maio e Salvini. Già, perché sul fronte territoriale il Centrodestra a trazione Lega va ancora fortissimo e si appresta ad un’altra campagna “felice” in questi Ballottaggi, almeno guardando i dati nazionali e i risultati del primo turno. «I 5 Stelle sono scesi verso il 30%, la Lega è salita verso il 26, quindi c’è ancora un certo distacco», spiega Alessandro Amadori al nostro quotidiano, riflettendo si quanto il caos immigrazione stia pesando e non poco sulla politica nazionale e internazionale. Ma le opposizioni? «Pd e Forza Italia sono stazionari, tutta la situazione politica è stazionaria. C’è un rafforzamento della Lega e un lieve indebolimento di 5 Stelle, Forza Italia è ferma al 13,5% e il Pd al 18,5. E’ tutto stazionario, la Lega prende i punti che perdono i 5 Stelle ma soprattutto ha il merito di aver riportato alla voglia di votare molti elettori delusi del centrodestra», conclude Amadori.

YOUTREND (13 GIUGNO): BIPOLARISMO È ANCORA VIVO

Nelle analisi post Elezioni Comunali tra sondaggi e dati reali, emerge un risultato su tutti, nel giorno in cui oggi si decidono 75 sfide Amministrative con i Ballottaggi: il Bipolarismo “tradizionale”, almeno a livello territoriale, è ancora vivo e forse non era mai stato “ucciso”. Stando alle analisi di YouTrend sui risultati del Primo Turno delle Amministrative, il Centrodestra nei 109 Comuni “superiori” ha ottenuto in questo 10 giugno il 34,6% complessivo, facendo meglio del 30,1% delle ultime Amministrative. Interessante il dato del Centrosinistra-Pd che 5 anni fa faceva il 35,6%, oggi fa il 23% un crollo netto e deciso che deve far riflettere. Il Movimento 5 Stelle, attenzione, compie questo strano (neanche tanti) percorso: Comunali 2013 al 9,2%, Politiche 2018 (il 4 marzo) al 40,5% in quegli stessi Comuni e oggi, tre mesi dopo, torna all’11,5%. Questo si spiega perché a livello territoriale la debolezza dei grillini è ancora forte nonostante la crescita enorme sul piano nazionale. Se entriamo nel dettaglio dei partiti, scopriamo che la Lega di Salvini in quei 109 Comuni passa dall’1,7% delle scorse Amministrative al 10,9% del 10 giugno: il Pd crolla dal 18,8% al 13,6%, mentre Forza Italia-Pdl va dal 10,6% delle ultime Comunali al 6% di oggi.

SONDAGGI EUROMEDIA (20 GIUGNO): LE ULTIME INTENZIONI DI VOTO

Come è noto i sondaggi per le Elezioni Comunali nella settimana che precede i ballottaggi non possono essere condotti e pubblicati: in alternativa, un ragionamento interessante sull’andamento “nazionale” dei principali partiti politici è offerto dal sondaggio elettorale condotto da Euromedia Research (lo scorso 20 giugno, come riporta il portale del Governo) dove di chiede agli elettori qualora vi fossero elezioni politiche domani, quali sarebbero i “desiderata”. Ebbene, la Lega di Matteo Salvini è al momento il primo partito in Italia con il 28,3% e una scia vincente dalle ultime Politiche fino alle prime settimane di Governo. Il Movimento 5 Stelle cala fino al 28%, complice anche il risultato negativo del primo turno alle Elezioni Comunali; per il Centrodestra unito, ad oggi, a livello nazionale varrebbe il 45,2% grazie anche ai voti di Forza Italia (12,4%), Fratelli d’Italia (4,2%), Noi con l’Italia (0,3%). Il Pd vale il 16,8%, mentre +Europa (1,8%) e Altri di Centrosinistra non alzano di molto il dato unitario del 19,5% di coalizione, meno della metà dei rivali di Centrodestra. Chiudiamo con Liberi e Uguali (3%) e l’astensione nazionale che si attesta al 22% (ma rischia di aumentarsi in maniera prevedibile nei ballottaggi delle Amministrative di oggi).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori