Di Maio sui vitalizi “questa settimana li aboliamo alla Camera”/ Ministro del lavoro insiste su pensioni d’oro

- Carmine Massimo Balsamo

Di Maio sui vitalizi “questa settimana li aboliamo alla Camera”: il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico insiste sulle pensioni d’oro, ultime notizie

luigi_dimaio_3_lapresse_2017
Luigi Di Maio (Lapresse)

Luigi Di Maio sui vitalizi, “questa settimana li aboliamo alla Camera”: il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico insiste sul taglio dei privilegi e delle pensioni d’oro. Il capo politico del Movimento 5 Stelle ha annunciato nel corso de “L’intervista” di Maria Latella su Sky Tg 24: “Credo che questa settimana si aboliranno i vitalizi agli ex parlamentari alla Camera e mi auguro che si muova rapidamente anche al Senato: sarebbe strano che il Senato arrancasse su questo punto”. Luigi Di Maio ha poi sottolineato: “Questa settimana nella commissione Lavoro del Senato calendarizzeremo la proposta di legge sul taglio alle persone: d’ora in poi chi prende in Italia una pensione sopra i 4-5 mila euro netti al mese e non ha versato i contributi per questa cifra. Vedrete anche quanti soldi recupereremo: dico a quelli che dicono che si tratta solo di un gruzzo residuale che si tratta innanzitutto di giustizia sociale”.

LUIGI DI MAIO SUI VITALIZI

Il ministro del Lavoro e dello Sviluppo Economico ha poi parlato del tema Reddito di cittadinanza: “Subito, entro quest’anno: è la nostra priorità. Essendo io una persona leale, ho firmato un contratto che prevede inoltre flat tax e l’abolizione della Legge Fornero, lavorerò giorno e notte per raggiungere questi obiettivi”. Il leader pentastellato ha poi analizzato a Sky Tg 24 la situazione del debito: “C’è chi pensa che la prossima legge di bilancio sarà la stessa legge di bilancio degli ultimi anni. Ma noi siamo in un momento in cui l’atteggiamento dell’Italia sulla migrazione, sarà l’antipasto di quello che faremo in Ue sull’economia. L’altro giorno ci siamo detti chiaramente che non vogliamo una legge di bilancio in cui l’Ue ci dice tutto quello non si può fare. Vogliamo un trattamento uguale agli altri con investimenti, riduzione della povertà e margini di bilancio”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori