SARDEGNA, ELEZIONI SUPPLETIVE CAMERA: VINCE IL PD/ Eletto Andrea Frailis: “Il vento sta cambiando”

Risultati Elezioni Suppletive Sardegna 2019, Collegio Cagliari 1 alla Camera: vince il Pd, eletto Andrea Frailis al posto di Andrea Mura. Sconfitti Salvini e M5s

20.01.2019, agg. il 21.01.2019 alle 12:21 - Niccolò Magnani
Elezioni Suppletive Sardegna
Elezioni Suppletive Sardegna 2019

«Andrea Frailis deputato del collegio di Cagliari. Signori il vento sta cambiando… sta cambiando…», questo il commento di Romina Mura dopo l’elezione del candidato dem Andrea Frailis alla Camera dopo le elezioni suppletive di ieri. Esulta il Partito Democratico, ecco le parole del presidente: Matteo Orfini: «Il centrosinistra vince le suppletive nel collegio di Cagliari. Complimenti ad Andrea Frailis, a tutta la coalizione e al Pd della Sardegna». Questo il commento di Claudia Medda: «Di Maio, Berlusconi e Salvini non sono riusciti a convincere i loro elettori che sono rimasti a casa. Nessuna passerella di leader nazionali per Andrea Frailis che sarà un ottimo parlamentare e non farà ‘vela’!». Infine, l’attacco di Pina Picierno: «A Cagliari Andrea Frailis vince il seggio prendendo il posto di Andrea Mura, parlamentare assenteista M5S. Il centrosinistra vince contro M5S e Lega. Le promesse tradite, i condoni, le continue giravolte cominciano a farsi sentire. Buon lavoro ad Andrea Frailis». (Aggiornamento di Massimo Balsamo)

VINCE IL PD: ELETTO ANDREA FRAILIS

Il Centrosinistra e in particolare il Pd può gioire per la prima vittoria elettorale del 2019, seppur di ridotte dimensioni data l’esigua popolazione chiamata al voto ieri per le Elezioni Suppletive: viene eletto alla Camera Andrea Frailis, giornalista e storico anchorman della tv del gruppo Unione Sarda. Nei risultati finali, a vincere in realtà è stata l’astensione record, con i votanti che sono stati ridotti ieri a Cagliari al minimo col 15% (era stato il 67% alle Elezioni Politiche): Frailis (Progressisti di Sardegna) vince col 40,4% delle preferenze, seguito da Luca Caschili (M5s) al 28,9%, al terzo posto – seppur di poco – la candidata di Salvini e Berlusconi, Daniela Noli (al 27,8%). Ultimo il candidato di CasaPound Enrico Balletto, con il 2,8% delle preferenze: «Ho appena chiamato Andrea Frailis, complimentandomi per la sua vittoria alle elezioni suppletive», ha scritto nella notte il candidato grillino che provava a riprendersi il posto di Andrea Mura, il parlamentare dimessosi per tornare alla sua passione, la vela. Primo commento, piccato, quello di Matteo Renzi: «Pessima l’affluenza in Sardegna. Ma ottima la vittoria di Andrea Frailis. Un velista grillino torna in mare, una persona seria del centrosinistra arriva in Parlamento. Il palloncino populista ha sondaggi, Tg, propaganda: ma prima o poi si sgonfia».

SEGGI CHIUSI, SFIDA A TRE

È cominciato subito dopo le 23 lo scrutinio delle schede per le elezioni suppletive in Sardegna. Le operazioni di voto si sono concluse, quindi è cominciata l’attesa per i risultati. Primi dati in arrivo sulle elezioni. Secondo SardiniaPost c’è un primissimo dato che arriva da una delle otto sezioni di Maracalagonis, la cinque, dove hanno votato in 142 su 887 elettori, quindi il 16,19 per cento. La candidata del centrodestra Daniela Noli ha raccolto 53 preferenze. Luca Caschili del Movimento 5 Stelle ha chiuso a quota 52. Invece 28 voti per Andrea Frailis, in corsa col polo civico-politico di centrosinistra; sei preferenze per Enrico Balletto di CasaPound. Ma Frailis è dato in netto vantaggio nelle sezioni 101 e 128. A Sinnai invece vince Caschili, con Frailis che segue a ruota. Sono 8 i comuni della provincia di Cagliari che hanno votato nel collegio uninominale 01–Cagliari della XXVI circoscrizione Sardegna, dopo le dimissioni di Andrea Mura, deputato Movimento 5 Stelle. (agg. di Silvana Palazzo)

AFFLUENZA BASSA, PRIMI DATI IN ARRIVO

Seggi chiusi in Sardegna per le elezioni suppletive per il collegio uninominale di Cagliari. I cittadini dei comuni di Cagliari, Burcei, Maracalagonis, Monserrato, Quartu, Quartucciu, Sinnai e Villasimius hanno avuto la giornata di oggi, domenica 20 gennaio 2019, per esprimere la propria preferenza sul candidato da sostituire ad Andrea Mura, il velista del MoVimento 5 Stelle dimissionario dalla Camera e successivamente espulso dai grillini per le troppe assenze. Tra pochi minuti inizieranno ad arrivare i primi risultati: quel che si può dire, in attesa del dato definitivo sull’affluenza, è che la partecipazione del 12,05% alle ore 19 non lascia presagire nulla di buono soprattutto per quei partiti che non hanno una grande tradizione in caso di affluenza bassa. Il riferimento è soprattutto al MoVimento 5 Stelle, chiamato al difficile compito di confermare il suo seggio vacante nonostante il caso Mura e storicamente in difficoltà in presenza di una bassa percentuale di elettori alle urne. I dati delle suppletive della Sardegna per il collegio uninominale di Cagliari invertiranno questo trend? Lo scopriremo tra poco… (agg. di Dario D’Angelo)

AFFLUENZA ORE 19 AL 12,05%

Mancano ancora poche ore alla chiusura dei seggi negli 8 Comuni chiamati al voto per le Suppletive e i dati che giungono sull’affluenza delle ore 19 per il Collegio di Cagliari confermano il trend ampiamente prevedibile: è flop degli elettori ai seggi, sale dal 4,3% delle 12 solo al 12,05% delle ore 19. La rilevazione si riferisce a 305 sezioni degli otto Comuni chiamati alle urne per trovare il sostituto dell’espulso ex grillino: intanto proprio oggi nei tribunali sardi sono partite le prime liste presentate per il rinnovo del Consiglio regionale, in vista delle Elezioni Regionali del prossimo 24 febbraio. Giovedì 24 in Corte d’Appello a Cagliari dalle 8 alle 12 dovranno essere presentate le candidature dei sette aspiranti presidenti della Regione: mentre oggi la sfida per le Suppletive è tra quattro candidati, per le Regionali Sardegna 2019 saranno in sette a concorrere al ruolo di Governatore. Massimo Zedda per il centrosinistra, Christian Solinas per il centrodestra, Francesco Desogus del Movimento 5 stelle, Paolo Maninchedda per il Partito dei Sardi, Andrea Murgia per Autodeterminazione, Mauro Pili per Sardi liberi e Vindice Lecis per Rifondazione-Comunisti Italiani-Sinistra Sarda saranno della “partita” tra poco più di un mese.

AFFLUENZA ORE 12 AL 4,38%

Alla fine il Comune di Cagliari e la Prefettura hanno comunicato il primo dato sull’affluenza parziale alle Suppletive e come previsto è assai “minimo”: crollano i voti negli otto Comuni chiamati al voto per sostituire l’ex deputato Mura, alle ore 12 nelle 305 sezioni elettorali si e’ recato alle urne il 4,38% degli aventi diritto. In tutto, hanno votato nella prima parte della giornata solo 11mila elettori su oltre 251mila: ricordiamo che alle Elezioni Politiche del 4 marzo scorso nel collegio uninominale di Cagliari si era registrata, sempre alle ore 12, l’affluenza del 19,26% giusto per far capire l’impietoso paragone. «Tra gli 8 Comuni dell’hinterland Cagliaritano il dato più alto si registra a Monserrato con il 4,99% dei votanti, quello più basso a Maracalagonis con 3,48%», spiega l’Ansa Cagliari, precisando come l’affluenza nel Capoluogo sardo è del 4,5% degli aventi diritti al voto. Per gli altri comuni al voto in queste Suppletive per la Camera dei Deputati, a Quartu Sant’Elena 2.479 i votanti (4.04%), a Quartucciu 534 (4,72%), a Sinnai 624 (4.19%), a Burcei 85 (3.59%), a Villasimius 150 (4.52%).

INCOGNITA AFFLUENZA

Sul sito del Comune di Cagliari non sono indicati gli orari delle varie registrazioni dell’affluenza che dovrebbero essere tenuti, come ogni elezione ufficiale, in tre orari durante le operazioni di voto: è disponibile comunque questo link al Ministero degli Interni per scoprire l’esatto numero di affluenza alle Suppletive per il posto da parlamentare nella Camera dei Deputati, collegio Cagliari 01. In attesa di capire se saranno comunicati o meno i dati “parziali” prima della conclusione con tutti i risultati ufficiali di queste Elezioni, ricordiamo che l’appuntamento delle Suppletive è stato introdotto dall’ultima legge elettorale, il cosiddetto “Rosatellum bis”: se a dimettersi è un deputato eletto nel listino proporzionale, gli subentra il candidato primo dei non eletti. Ma se, come nel caso di Andrea Mura, il deputato è stato eletto in un collegio maggioritario uninominale, allora si deve procedere ad Elezioni Suppletive. Nel frattempo, le urne sono aperte e i cagliaritani si stanno già recando alle urne per dirimere la scelta tra i 4 candidati che dovranno sostituire il deputato dimissionario: come ricorda l’analisi di YouTrend, a rendere ancora più particolare tale elezione nel Collegio Sardegna 01, «più del 75% della popolazione vive nei due comuni più grandi, Cagliari e Quartu Sant’Elena, il che lo rende un collegio molto più urbano rispetto agli altri collegi sardi».

ELEZIONI A CAGLIARI: ECCO PERCHÈ

Oggi domenica 20 gennaio si tengono le Elezioni Suppletive 2019 in Sardegna, atte a trovare il candidato parlamentare per sostituire il “velista” Andrea Mura dimissionario dalla Camera (ed espulso dal Movimento 5 Stelle per le troppe assenze) nei mesi scorsi. Tutti gli schieramenti si sono presentati per la corsa al seggio vacante nel Collegio di Cagliari, primo di nove appuntamenti elettorali nel 2019 che comprendono oltre alle Suppletive a Cagliari, le Elezioni Regionali in Abruzzo il prossimo 10 febbraio, le Regionali in Sardegna il 24 febbraio, le Regionali in Basilicata a fine marzo, le Europee con le Regionali in Piemonte il 26 maggio, le Amministrative in 4mila città nel mese di giugno e le Regionali in Calabria ed Emilia Romagna in autunno. Primo test elettorale post-Manovra e Decretone per il Governo gialloverde, con la possibilità di “stimare” il polso della situazione nei rapporti di forza tra Lega e M5s, oltre che l’interesse nel vedere le opposizioni muoversi in vista del cruciale appuntamento di Primavera con le Elezioni Europee. Ricordiamo che lo scorso 4 marzo 2018, alle Politiche il collegio di Cagliari (Sardegna 01, 240mila elettori, distribuiti in 8 comuni ovvero Cagliari, Burcei, Maracalagonis, Monserrato, Quartu, Quartucciu, Sinnai e Villasimius) aveva visto trionfare il Movimento 5 Stelle 38,4% dei voti andati al candidato poi eletto Andrea Mura; al secondo posto Ugo Cappellacci (Forza Italia) al 32,6%. Oggi però, con le dimissioni dal Parlamento del velista ex grillino, si attende un sostituto che uscirà dalla rosa di quattro candidati presentati da tutte le compagini politiche per il ruolo di parlamentare. Si tratta di Luca Caschili (M5S), Daniela Noli (centrodestra), Andrea Frailis (centrosinistra) e Enrico Balletto (Casapound).

I QUATTRO CANDIDATI

Per il Centrodestra unito con Lega, Forza Italia e Fratelli d’Italia, corre per le Elezioni Suppletive di Cagliari Daniela Noli, forte candidata di Silvio Berlusconi, psicoterapeuta, ex dipendente del partito Forza Italia a livello nazionale. L’ex Cav ha tirato la volata alla campagna elettorale in questi ultimi giorni, dove ha tra l’altro ufficializzato la sua candidatura alle Elezioni Europee 2019, un ritorno eccellente dopo le ben note vicende della Legga Severino. Per il Centrosinistra corre alle Suppletive sarde il giornalista Andrea Frailis, che ha lavorato per il gruppo Unione Sarda e che si presenta sotto il simbolo di Progressisti di Sardegna. LeU, Pd e altre sigle di sinistra si sono unite in Sardegna, eccetto il Centro Democratico, sotto il nome di Frailis; per il Movimento 5 Stelle, che “scotta” le dimissioni di Mura, si presenta Luca Caschili, 46 anni, Ingegnere ambientale, assessore all’Urbanistica del Comune di Carbonia. La curiosità che lo riguarda è che ha presentato la sua candidatura con il simbolo M5s in Corte d’Appello praticamente pochi minuti prima della scadenza dei termini ufficiali. Da ultimo, Enrico Balletto di CasaPound, allenatore di pallavolo del Sarroch, già candidato nell’uninominale al Senato in occasione delle Politiche 2018.

COME SI VOTA ALLE SUPPLETIVE SARDEGNA 2019

Quattro candidati in lizza per un unico seggio alla Camera dei Deputati: le Elezioni Suppletive del collegio di Cagliari si tengono oggi, con urne aperte dalle ore 7 alle 22 e con spoglio dei risultati subito dopo la fine delle votazioni. Per quanto riguarda questa prima tornata elettorale che anticipa le imminenti Regionali in Sardegna, non è previsto alcun quorum (anche perché i partiti sono concordi nel prevedere una bassa affluenza alle urne). Solo 8 Comuni chiamati al voto, con un unico precedente di queste Suppletive sull’Isola: nel 2000 quando Giovanni De Murtas, deputato ogliastrino dei Comunisti italiani, perse la vita sulla vecchia statale 125, vicino a San Gregorio. Ma la legge è cambiata, visto che Andrea Mura ora va sostituto con le Elezioni Suppletive perché per effetto della legge elettorale in vigore da unico eletto non aveva sostituti. Le sezioni elettorali sono le medesime di tutti gli appuntamenti elettorali e le modalità del “come si vota” sono identiche: ai seggi bisogna presentarsi con la scheda elettorale e un documento d’identità, l’elettore vota per un candidato uninominale tracciando con la matita copiativa un segno sul contrassegno del candidato prescelto o comunque nel rettangolo che lo contiene.

© RIPRODUZIONE RISERVATA