SONDAGGI POLITICI/ La7, Pd vicino a M5s: 19,8% per Zingaretti, Di Maio cade al 22,1%

- Niccolò Magnani

Sondaggi politici, le ultime notizie e intenzioni di voto: Lega al 31,4%, crisi M5s quasi raggiunto dal Pd dopo le Primarie dem vinte da Zingaretti

matteo_renzi_luigi_dimaio_m5s_pd_duello_portaaporta_lapresse_2017
Lapresse

LA7 (4 MARZO), RIDOTTA FORBICE PD-M5S

Dopo le Primarie dem vinte da Nicola Zingaretti nei nuovi sondaggi politici espressi da La7 questa sera durante il Tg diretto da Mentana (prodotto da Emg Acqua e disponibile da dopo le ore 20.30) pare che qualcosa sia cambiato e non poco nella “forbice” di distanza tra il Partito Democratico e il Movimento 5 Stelle. Stando alle anticipazioni fatte da Huffington Post in merito al sondaggio di La7, i dem salgono al 19,8% mentre Di Maio crolla fino al 22,1%: una forbice assai ridotta che conferma da un lato la crescita (lenta) del Pd e dall’altro l’avanzata della Lega di Matteo Salvini che “ruba” voti e consensi ai grillini in netta difficoltà dopo le ultime Regionali. In un altro sondaggio espresso da Tecnè in questi giorni, è stato chiesto agli elettori intervistati quali misure avrebbe dovuto prendere dopo la debacle elettorale il M5s per cambiare passo: ebbene, il 10% ritiene si debba “cambiare leader/dirigenti”, il 26% punta tutto sul cambiamento dello statuto, dell’organizzazione e di Rousseau mentre ben il 44% crede che il vero problema sia lo sviluppo della rete territoriale da porre con assoluta centralità nei prossimi anni.

EMG (EMG 28 FEBBRAIO): LE INTENZIONI DI VOTO

Le ultime intenzioni di voto inserite nei sondaggi politici di Emg danno due importanti notizie su tutte: la Lega è sempre in testa (e non è una novità) anche se le cifre aumentano ancora secondo il sondaggio di Emg Acqua di una sola settimana precedente; il Centrosinistra, tutto insieme (come visto del resto in Abruzzo e Sardegna) ad oggi supera il Movimento 5 Stelle in costante crisi e caduta libera nei consensi. I dati numerici di fatto confermano i trend elettorali di queste ultime settimane in cui le Elezioni Regionali l’hanno fatta da padroni, a volte “spostando” sull’impressione nazionale alcuni evidenti crolli locali. La Lega è al 31,4% mentre Di Maio non va oltre il 23,8%, un calo di un punto percentuale in soli 7 giorni: l’intero centrosinistra, fatto di Pd (18,2%), +Europa (3%) e gli altri partiti Mdp, Leu, SI, SUE-Rosa, Verdi Italia in Comune, Civica Popolare e Svp (4%) danno un complessivo 25,3% che supera nei fatti il Movimento 5 Stelle. Chiudiamo le intenzioni di voto con gli altri partiti di Centrodestra (16,3% senza la Lega di Salvini): Forza Italia in leggera crescita al 10,7%, Fratelli d’Italia al 5% e Noi con l’Italia allo 0,6%.

EMG (EMG 28 FEBBRAIO): PRIMARIE PD, ZINGARETTI VERSO LA GUIDA

Per quanto riguarda invece i sondaggi politici che si sono espressi a pochi giorni dalle Primarie del Partito Democratico, lo scorso 28 febbraio i dati di Emg davano per certa l’elezione di Nicola Zingaretti anche se il dato importante sarà la percentuale dei suoi elettori ai circoli e gazebo dem. Al momento, mentre tra l’altro sono in corso le votazioni, il Governatore del Lazio è dato attorno al 58%, in aumento rispetto ai sondaggi di inizio febbraio. mentre Maurizio Martina è sempre più in calo attorno al 32%. Il terzo candidato nonché outsider (anche se probabilmente frutto dell’ala più renziana del Partito Democratico) Roberto Giachetti non va oltre quota 10%, anche se in rialzo dopo le prime settimane di campagna elettorale. Ora i voti sono in corso con i risultati che solo in nottata potranno dare l’esito esatto della probabile vittoria di Zingaretti: se sopra il 50% sarà subito segretario, se sotto sarà ballottaggio probabilmente con Martina direttamente all’Assemblea Nazionale del 17 marzo prossimo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA