Prato, figlio con 15enne: processo rinviato/ Donna in aula col marito “è provata ma…”

- Emanuela Longo

Rinviato il processo al tribunale di Prato per la donna accusata di aver avuto un figlio da un 15enne e il marito

prof prato figlio con 15enne
Prato, figlio con 15enne (La Vita in Diretta)

Sarebbe dovuto iniziare oggi il processo alla donna di Prato la quale ha avuto un figlio con un 15enne, suo allievo e con il quale ha avuto una relazione sessuale. La mamma 31enne dovrà rispondere davanti al tribunale della cittadina toscana dell’accusa di violenza sessuale e atti sessuali sul minore. Nella giornata odierna, tuttavia, il processo è stato subito rinviato al prossimo 23 settembre per un cambio del collegio del tribunale di Prato. A processo anche il marito della donna, accusato di falsa attestazione di stato civile per aver riconosciuto come suo il bambino. Lo riferisce l’agenzia di Stampa Ansa riportando la spiegazione del difensore della coppia Mattia Alfano: “Sono già state calendarizzate tutte le udienze, due ottobre e due a novembre”. Secondo quanto appreso, il processo è ora stato assegnato a un collegio che si occupa solo di casi con detenuti, così da garantire tempi più veloci. Lo stesso legale ha infatti reso noto che la richiesta di far tornare la sua assistita (attualmente ai domiciliari) in libertà è stata rigettata e per questo è stato presentato ricorso al tribunale della libertà.

PRATO, FIGLIO CON 15ENNE: PROCESSO RINVIATO

La donna, mamma del figlio avuto da un 15enne, oggi era in aula insieme al marito. Ai giornalisti, come riferisce Sky Tg24, proprio l’uomo ha rilasciato alcune dichiarazioni commentando: “Cerchiamo tutti di affrontare questo processo che speravamo di iniziare prima, ma così è. Ho visto mia moglie tranquilla, provata ma tranquilla. Continuiamo a affrontare questa cosa come abbiamo fatto fin dall’inizio e vogliamo che venga fuori la verità”. Ovviamente non ha negato il suo supporto alla 31enne: “essendo mia moglie la supporto, non approvo magari altre cose, ma il supporto c’è sempre stato”, ha aggiunto. Ora il legale della coppia ha fatto sapere di aver già preparato “una istanza per proseguire il percorso terapeutico che la signora sta già intraprendendo”. Questa sarà depositata in cancelleria nella giornata odierna. Il riferimento è al ricorso al tribunale della libertà dopo che la richiesta di liberazione è stata rigettata: “penso che verrà fissata udienza prima della fine dell’estate”, ha proseguito il difensore.



© RIPRODUZIONE RISERVATA