PRETE SALVA SURFISTA DA SQUALO BIANCO/ “Mi ha dato la forza la grazia di Dio”

- Dario D'Angelo

Un prete cattolico in Australia ha salvato un surfista attaccato da uno squalo bianco nuotando verso di lui: “La grazia di Dio mi ha dato la forza”.

squalo 2019 pixabay 640x300
Immagine di repertorio (Pixabay)

Un prete cattolico in Australia ha aiutato a salvare un surfista dall’attacco di uno squalo. Come? Merito della grazia di Dio. La vicenda, riportata dal The Catolic Leader, risale al pomeriggio del 31 luglio, quando Padre Liam Ryan, surfista di lunga data, si trovava in vacanza in visita al suo migliore amico nell’Australia Occidentale. All’improvviso, però, il sacerdote si è accorto di un surfista in difficoltà. “L’ho visto fuori dalla sua tavola, sembrava davvero perso e c’era mezza tavola che galleggiava”, ha detto Ryan, 33 anni, al giornale dell’arcidiocesi di Brisbane. “E poi abbiamo visto questa enorme breccia. Lo squalo gli è rotolato addosso…e poi è tornato sotto”. Uno squalo bianco stava attaccando Phil Mummert e aveva già strappato a morsi una metà della sua tavola da surf. Stando al racconto della vittima dell’aggressione e di numerosi testimoni, Phil ha utilizzato ciò che era rimasto della stessa per tentare di colpire lo squalo e lo stesso ha fatto a mani nude. Il sacerdote, dal canto suo, si è messo ad invocare aiuto e si è avvicinato a nuoto verso il surfista. Qualcuno lo ha ascoltato: un uomo, Alex Oliver, ha issato sulla sua longboard Mummert, e con l’aiuto del prete lo hanno portato a riva.

PRETE SALVA SURFISTA DA ATTACCO SQUALO BIANCO: “CE L’HO FATTA PER LA GRAZIA DI DIO”

Secondo The Catholic Leader, Mummert stava “sanguinando copiosamente” dopo aver subito profondi morsi di squalo nella parte superiore della gamba. “Appena siamo entrati nelle secche, qualcuno ha stretto la ferita con la mano per rallentare l’emorragia”, ha detto il sacerdote. Una volta che Mummert è stato trasportato in ospedale, il religioso si è preso un “tranquillo momento di solitudine tra le dune di sabbia”. “Ho avuto un piccolo pianto, e ho benedetto il Signore”, ha detto alla guida cattolica. La compagna di Mummert, Misha Wright, ha detto a The Catholic Leader che attribuisce a Ryan il merito di aver salvato la vita di Mummert. “Non solo ha rischiato la sua vita per aiutare a salvare quella di Phil, ma è andato fino alla fine della spiaggia per dirmi cosa è successo e ha fatto uscire tutti gli altri dall’acqua”, ha detto la donna. “Onestamente non so come una persona possa vedere un perfetto sconosciuto che viene attaccato da un grande squalo bianco di quattro metri e nuotare verso di lui per salvarlo, quindi siamo più che grati a tutti quelli che hanno aiutato a salvare la vita di Phil”. Mummert, tornato a casa con le stampelle il 3 agosto, si è riunito con Ryan, Oliver e molti altri che hanno contribuito a salvargli la vita. Il prete dal canto suo ha spiegato così il suo “coraggio”: “Ti trovi faccia a faccia con quella che sarebbe una delle più grandi paure per molte persone, molti surfisti… ma ciò che ti dà forza in quel momento è la grazia di Dio”, ha detto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA