PROBABILI FORMAZIONI MILAN JUVENTUS/ Quote: Bonucci e Higuain due grandi ex

- Claudio Franceschini

Probabili formazioni Milan Juventus: le quote del match e le scelte dei due allenatori per la semifinale di andata della Coppa Italia, si gioca a San Siro e le due squadre sono spuntate.

Bennacer Matuidi Milan Juventus lapresse 2020
Probabili formazioni Milan Juventus, andata semifinale Coppa Italia (Foto LaPresse)

Naturalmente nelle probabili formazioni di Milan Juventus spiccano anche altri ex: sia Leonardo Bonucci che Gonzalo Higuain hanno trascorso una stagione con la maglia rossonera, a un anno di distanza. Il difensore, oggi capitano in pectore dei bianconeri vista l’assenza prolungata di Chiellini, nell’estate 2017 ha deciso di superare l’amarezza per la finale di Champions League persa a Cardiff cambiando casacca: trasferimento clamoroso per i trascorsi sotto la Mole (sette stagioni) e l’attaccamento alla Juventus. Bonucci, che aveva avuto parecchi screzi con Massimiliano Allegri, contro la Juventus aveva anche segnato (a Torino, esultando con il suo tradizionale gesto) in una partita persa, nel 2018 è tornato indietro in uno scambio con Mattia Caldara, che al Milan ha avuto vita brevissima. Higuain, in quella stessa estate, è stato ceduto ai rossoneri per liberare spazio: arrivava Cristiano Ronaldo, il Pipita che pure avrebbe voluto restare era finito alla corte di Vincenzo Montella ma, dopo 6 gol in campionato e poche partite convincenti, era andato al Chelsea da Maurizio Sarri, poi tornato alla Juventus per mancato riscatto. La società lo aveva messo sul mercato ma non è riuscita a venderlo e oggi Higuain, rigore sbagliato ed espulsione qui a San Siro nell’unica partita rossonera contro i campioni d’Italia, cerca nuovo riscatto. (agg. di Claudio Franceschini)

IL DUELLO TRA IBRAHIMOVIC E BUFFON

Sarà interessante scoprire il duello nelle probabili formazioni di Milan Juventus: non sappiamo ancora se saranno effettivamente titolari, ma Zlatan Ibrahimovic e Gianluigi Buffon si ritrovano faccia a faccia dopo essere stati compagni di squadra in bianconero, ma anche avversari di tante battaglie. L’esperienza nella Juventus l’hanno condivisa tra il 2004 e il 2006, il biennio dei due scudetti revocati: Ibrahimovic era un giovane attaccante la cui esplosione si doveva ancora verificare – sarebbe arrivata con l’Inter – mentre Buffon era arrivato nel 2001 a vestire la maglia bianconera ed era già il titolare della nazionale, tanto che agli Europei 2004 lo stesso attaccante svedese gli aveva segnato un meraviglioso gol con il tacco, decisivo per la nostra eliminazione al primo turno. In seguito, il goleador e il portiere si sono ritrovati di fronte in parecchie occasioni: Ibrahimovic è passato all’Inter e poi ha giocato una prima volta nel Milan – contendendo a Buffon, perdendolo, lo scudetto 2012 – mentre nelle esperienze con Manchester United e Psg non ha mai avuto modo di ritrovare l’estremo difensore come avversario. L’ultima partita con entrambi in campo, uno contro l’altro, è il 2-0 (doppietta di Claudio Marchisio) dell’ottobre 2011: nella sfida di ritorno, passata alla storia per il gol fantasma di Sulley Muntari, Ibrahimovic era squalificato. (agg. di Claudio Franceschini)

I GRANDI NUMERI DI DYBALA CONTRO IL MILAN

Uno dei grandi protagonisti nelle probabili formazioni di Milan Juventus, anche se non è chiaro se sarà titolare nella semifinale di andata di Coppa Italia, è sicuramente Paulo Dybala. Lo dicono i numeri: non tanto quelli stagionali che sono comunque positivi (5 gol in campionato, 3 in Champions League e 2 in Coppa Italia, oltre a quello illusorio in Supercoppa per un totale di 11 marcature in 29 partite) quanto il bilancio delle partite contro i rossoneri. Quando Dybala incrocia il Milan, è spesso e volentieri decisivo: ha infatti segnato la bellezza di 7 gol contro la squadra che la Juventus affronta questa sera, e con la maglia della Juventus ha risolto personalmente in due occasioni. Nel 2015-2016 la sua rete di sinistro aveva sancito un 1-0 nel corso della fantastica striscia di 15 vittorie consecutive con rimonta scudetto da parte della squadra di Massimiliano Allegri, lo stesso è accaduto lo scorso novembre con la rete al 77’ per sbloccare una gara complicata. Nel 2016-2017 invece Dybala aveva trasformato un contestatissimo rigore (fallo di mano di Mattia De Sciglio) al 97’, dopo i gol di Mehdi Benatia e Carlos Bacca; inoltre l’argentino ha segnato anche nel 3-1 del marzo 2018 (aprendo i conti dopo 7 minuti) e contro il Milan ha realizzato 2 gol con la maglia del Palermo: uno di questi a San Siro, nel novembre 2014, in un 2-0 rosanero aperto dall’autorete di Cristian Zapata. (agg. di Claudio Franceschini)

ALTRO FORFAIT PER LUCAS BIGLIA

Chi di certo non sarà tenuto in considerazione da Stefano Pioli per fissare le probabili formazioni di Milan Juventus è certo Lucas Biglia, finito ancora una volta nell’infermeria rossonera, questa volta perchè recente vittima della distorsione del ginocchio destro. Non vi è dunque pace per il regista argentino che, vista la gravità dell’infortunio (vi è pure l’interessamento del legamento collaterale mediale) potrebbe rimanere fermo ai box ben più dei classici 15 giorni e anzi in questi giorni è stato pure messo in dubbio il suo finale di stagione, oltre che esperienza sotto le strisce del diavolo. Non serve ricordare ai tifosi del Milan le pochissime presenze messe nelle gambe dallo stesso giocatore, che ha visto certo l’infermeria più spesso che il campo: solo 7 presenze in Campionato per lui e 525 minuti di gioco oltre che prestazioni dimenticabili. L’argentino ha cominciato infatti la stagione 2019-2020 di Serie A dovendo ancora smaltire un problema agli adduttori, ma subito poi si è fermato nuovamente dopo capodanno per un guaio al bicipite femorale: con l’ultimo KO ci appare difficile che lo rivedremo a disposizione di Pioli molto presto. Lo stesso allenatore ormai pare ben abituato a dover fare i conti con l’assenza dell’argentino. (agg Michela Colombo)

LA POSSIBILE SORPRESA: ALEXIS SAELEMAEKERS

La grande sorpresa nelle probabili formazioni di Milan Juventus potrebbe essere la titolarità dell’ultimo arrivato in casa rossonera. Alexis Saelemaekers, esterno destro classe ’99, proviene dal florido vivaio dell’Anderlecht: colpo a sorpresa per la società meneghina che lo ha prelevato in prestito con diritto di riscatto. Ha già messo a segno una presenza in Serie A entrando a San Siro contro il Verona; naturalmente si pensa che il suo acquisto, sempre che venga riscattato, sia più in prospettiva futura che per una metà stagione nella quale, comunque, Stefano Pioli potrebbe concedergli qualche opportunità per iniziarne un percorso di maturazione che nell’Anderlecht era già cominciato, viste le 64 presenze in un anno. Come detto Saelemaekers è un laterale che può giocare a centrocampo ma eventualmente avanzare il suo raggio d’azione, e a volte è stato impiegato anche come mezz’ala; essendo molto giovane la sua evoluzione tattica è ancora in divenire e sarà interessante valutare in che modo Pioli deciderà eventualmente di utilizzarlo. Intanto anche lui, in nome del turnover, si candida ad avere un posto da titolare in Coppa Italia ma, vista l’importanza della partita e il livello dell’avversario, è più facile che questa sera a giocare dal primo minuto sia Samu Castillejo, che sta garantendo qualità e assist. (agg. di Claudio Franceschini)

INFO E ORARIO

L’analisi delle probabili formazioni di Milan Juventus ci danno l’occasione per approfondire il discorso sulla partita che, alle ore 20:45 di giovedì 13 febbraio, si gioca per la semifinale di andata della Coppa Italia 2019-2020. Perso il derby della Madonnina, il Milan si deve mangiare le mani per aver disputato un grandissimo primo tempo ma non essere riuscito a portare a termine l’impresa, scottato dal rapido uno-due dell’Inter e poi travolto sul piano fisico ed emotivo. I rossoneri sono dunque tornati a incassare una sconfitta in campionato dopo cinque turni, non facendo quel salto di qualità che sarebbe stato importante; non sta certo meglio la Juventus, ko nella seconda trasferta consecutiva e nuovamente rimontata. I bianconeri sono stati raggiunti dall’Inter e hanno la Lazio ad un solo punto, non il modo migliore per entrare in un periodo nel quale torna anche la Champions League e alcune delle certezze di inizio stagione sono evaporate. Ora però vediamo nel dettaglio su quali giocatori i due allenatori potrebbero puntare per questa semifinale di andata, leggendo insieme in maniera più approfondita le probabili formazioni di Milan Juventus.

QUOTE E PRONOSTICO

Le quote che l’agenzia di scommesse Snai ha stabilito per Milan Juventus indicano nei bianconeri i favoriti, ma la situazione è comunque equilibrata: il segno 2 che identifica la vittoria degli ospiti vi permetterebbe di guadagnare una somma pari a 2,10 volte la puntata, siamo invece a 3,50 volte quanto messo sul piatto per il segno 1, sul quale dovrete scommettere in caso di successo dei rossoneri. Il pareggio, eventualità regolata dal segno X, porta in dote una vincita corrispondente a 3,45 volte la giocata con questo bookmaker.

PROBABILI FORMAZIONI MILAN JUVENTUS

LE SCELTE DI PIOLI

Stefano Pioli non ha troppe scelte a disposizione per Milan Juventus: c’è anche la squalifica di Andrea Conti, e dunque Calabria si riprenderà il posto in difesa mentre Musacchio potrebbe sostituire Kjaer, con la conferma del portiere Gigio Donnarumma e del terzino sinistro Théo Hernandez. Già a centrocampo la coperta è più corta: in un ideale 4-3-3 giocatori come Bonaventura e Paquetà potrebbero tornare utili, il nuovo 4-4-1-1 invece dovrebbe maggiormente aprire a una coppia centrale formata da Kessie e Bennacer ed eventualmente una delle due mezzali di cui sopra che potrebbero prendere il posto di Rebic. Tuttavia la soluzione più probabile resta quella di vedere Rafael Leao sul versante sinistro, mandando Calhanoglu alle spalle di Ibrahimovic che dovrebbe giocare; la maglia di esterno destro sarà di Castillejo, le condizioni precarie di Lucas Biglia e il recente infortunio di Krunic hanno tolto interessanti alternative per il centrocampo e dunque adesso Pioli dovrà fare di necessità virtù.

I DUBBI DI SARRI

Anche Maurizio Sarri deve fare i conti con gli infortuni: quelli di Bernardeschi e Douglas Costa sono gli ultimi della lista, il primo potrebbe recuperare almeno per la panchina mentre sarà forfait per il secondo. Con il brasiliano out si potrebbe rivedere il 4-3-1-2: a giocare da trequartista sarebbe Ramsey con Dybala che si riprenderebbe la maglia da titolare in luogo di Higuain, pronto Cristiano Ronaldo che aveva già giocato contro la Roma nei quarti. Il centrocampo, tecnicamente, dovrebbe essere quello con Matuidi da interno ma potrebbe riposarsi Pjanic, dunque Bentancur scalerebbe davanti alla difesa come playmaker e a quel punto ci sarebbe la conferma di Rabiot, aspettando Khedira che non dovrebbe averne per troppo tempo (almeno secondo le ultime tabelle). In difesa giocheranno quasi certamente De Sciglio e Rugani: da capire chi starà fuori in mezzo (probabilmente De Ligt) e sugli esterni (il candidato è Cuadrado), in porta tutto lascia intendere che ci sarà Buffon ma la partita interna contro il Brescia potrebbe portare Sarri a “invertire” il turnover e far giocare il veterano in campionato.

IL TABELLINO

MILAN (4-4-1-1): G. Donnarumma; Calabria, Musacchio, Al. Romagnoli, T. Hernandez; Castillejo, Kessie, Bennacer, Rafael Leao; Calhanoglu; Ibrahimovic
A disposizione: Begovic, An. Donnarumma, Kjaer, Gabbia, Saelemaekers, Lucas Biglia, Brescianini, Bonaventura, Paquetà, Diego Laxalt, Rebic
Allenatore: Stefano Pioli
Squalificati: A. Conti
Indisponibili: Duarte, Krunic

JUVENTUS (4-3-1-2): Buffon; De Sciglio, Rugani, Bonucci, Alex Sandro; Rabiot, Bentancur, Matuidi; Ramsey; Dybala, Cristiano Ronaldo
A disposizione: Szczesny, Pinsoglio, Cuadrado, Coccolo, De Ligt, Pjanic, Bernardeschi, Higuain, Olivieri
Allenatore: Maurizio Sarri
Squalificati:
Indisponibili: Danilo, Demiral, Chiellini, Khedira, Douglas Costa

© RIPRODUZIONE RISERVATA