Probabili formazioni Serie A/ Le scelte per il big match del San Paolo (8^ giornata)

- Claudio Franceschini

Probabili formazioni Serie A: moduli, scelte e mosse degli allenatori per le partite che si giocano nell’ottava giornata, in campo 21 e 22 novembre. Restano tanti i calciatori indisponibili.

De Ligt Juventus delusione lapresse 2020 640x300
Probabili formazioni Serie A, 8^ giornata (Foto LaPresse)

PROBABILI FORMAZIONI SERIE A: IL BIG MATCH DEL SAN PAOLO

Naturalmente il big match all’interno delle probabili formazioni di Serie A è Napoli Milan. La capolista rossonera si presenta al San Paolo con certezze granitiche ma due dubbi fisici, che riguardano Alessio Romagnoli e Alexis Saelemaekers. Senza di loro, Stefano Pioli pensa a Matteo Gabbia e Brahim Diaz, visto che l’ex Real Madrid ha ormai scavalcato Samu Castillejo nelle gerarchie della trequarti; per il resto rimane fissata ogni singola scelta, da Hakan Calhanoglu alle spalle di Zlatan Ibrahimovic alla cerniera di centrocampo nella quale Franck Kessie sarà il “guardiano” del regista Ismael Bennacer. Nel Napoli sono tutti a disposizione tranne Victor Osimhen, che in nazionale si è fatto male al polso: senza di lui il grande ex Gennaro Gattuso potrebbe passare al 4-3-3 con Dries Mertens affiancato da Hirving Lozano (o Matteo Politano) e Lorenzo Insigne, così a centrocampo ci sarebbe spazio per Piotr Zielinski altrimenti sacrificato per ragioni di modulo. In alternativa, spazio ad Andrea Petagna: il vicentino potrebbe addirittura giocare come rifinitore con Mertens davanti a lui, anche se resta più probabile l’inversione dei ruoli. In porta, consueto ballottaggio tra David Ospina e Alex Meret: questa sera potrebbe toccare all’esperto colombiano. (agg. di Claudio Franceschini)

LA FIORENTINA DI PRANDELLI

Uno degli spunti più interessanti nell’analisi delle probabili formazioni di Serie A è certamente il ritorno di Cesare Prandelli: il tecnico di Orzinuovi è il nuovo allenatore della Fiorentina e inizia la sua seconda avventura viola ospitando il Benevento, in una partita che deve necessariamente vincere. Come cambia la squadra toscana con l’esonero di Beppe Iachini e il suo avvento? Il modulo dovrebbe essere il 4-3-3, che anche l’allenatore ascolano aveva utilizzato; senza José Callejon (Coronavirus), Prandelli dovrebbe puntare su Christian Kouamé come esterno destro del tridente ma senza sottovalutare la presenza di Patrick Cutrone, che può allargare il suo raggio d’azione o proporsi come alternativa a Dusan Vlahovic per la maglia di prima punta. Naturalmente il punto fermo sarà Franck Ribéry; per il resto a centrocampo Erick Pulgar dovrebbe essere il metronomo, cosa che apre ad una possibile esclusione di Giacomo Bonaventura che si gioca il posto con Gaetano Castrovilli, visto che ci sarà poi bisogno di un incontrista in Sofyan Amrabat. I terzini potrebbero essere Martin Caceres e Cristiano Biraghi: Pol Lirola, uno degli intoccabili di Iachini, slitta dunque verso la panchina anche se poi bisognerà vedere se queste scelte saranno confermate. (agg. di Claudio Franceschini)

IL PROTAGONISTA

Chiaramente nella lettura delle probabili formazioni di Serie A possono balzare all’occhio tanti protagonisti attesi; noi scegliamo oggi Aleksey Miranchuk, che l’Atalanta ha acquistato dopo sette stagioni nella Lokomotiv Mosca. Un trequartista in grado di giocare anche come esterno, una soluzione tecnicamente e tatticamente simile a quella fatta con Ruslan Malinovskyi e che ha infoltito ancor più il reparto offensivo a disposizione di Gian Piero Gasperini; proprio la positività al Coronavirus dell’ucraino potrebbe concedere una maglia da titolare al russo, che ha iniziato dovendo guardare i compagni dalla tribuna – per smaltire un infortunio – ma poi ha iniziato a giocare, e al momento è protagonista di statistiche eccellenti. Al momento infatti Miranchuk è stato impiegato dal suo allenatore in sole due occasioni, e peraltro sempre a partita in corso: ebbene in entrambi i casi, contro il Midtjylland in Champions League e l’Inter in Serie A, il russo è riuscito a segnare. La sua rete contro i meneghini appena prima della sosta ha portato in dote un pareggio prezioso; Gasperini dunque potrebbe decidere di cavalcarne il momento e lanciarlo dal primo minuto anche a La Spezia, vedremo se sarà effettivamente così. (agg. di Claudio Franceschini)

PROBABILI FORMAZIONI SERIE A: IL RITORNO

Come abbiamo già detto nelle probabili formazioni di Serie A, per Juventus Cagliari Andrea Pirlo potrà salutare il ritorno in campo di Matthijs De Ligt: la sua ultima partita risale all’amaro ritorno degli ottavi di Champions League, poi il difensore olandese si è operato alla spalla che gli dava fastidio da tempo ed è stato costretto a saltare tutta la prima parte di stagione. Il suo rientro capita a fagiolo, in un momento in cui sono indisponibili Giorgio Chiellini (sul quale ormai, purtroppo, non si può fare troppo affidamento dal punto di vista fisico) e Leonardo Bonucci: sulla carta Pirlo dovrebbe tornare a giocare con la difesa a tre ma non è escluso che lanci invece la coppia formata da De Ligt e Merih Demiral, quella che di fatto è stata individuata come centrale nel progetto futuro della Juventus. In tal caso, si riproporrà il ballottaggio tra Gianluca Frabotta e Danilo per la fascia sinistra; De Ligt, che l’anno scorso era partito in sordina ma poi è esponenzialmente cresciuto segnando anche 4 gol in campionato, è comunque pronto a fare la sua parte riprendendo per mano la difesa bianconera, che all’inizio della stagione ha dimostrato di soffrire parecchio. (agg. di Claudio Franceschini)

CHI SCENDE IN CAMPO?

Le probabili formazioni di Serie A riguardano questa volta l’ottava giornata del massimo campionato di calcio: si torna in campo sabato 21 novembre con tre anticipi, di mezzo c’è stata la sosta per le nazionali e questo è sicuramente un aspetto da considerare quando si parla delle scelte da parte degli allenatori, perché alcune società si sono trovate costrette a lavorare con rose ridotte ai minimi termini e comunque senza giocatori importanti, avendo ora pochi giorni per preparare le loro partite. Chi ha a disposizione gruppi più competitivi potrà valutare turnover ampi e soluzioni alternative, altri però saranno costretti ai salti mortali tra infortuni, squalifiche e positività al Coronavirus; comunque noi andiamo a valutare in che modo le squadre potrebbero essere schierate sui vari campi, iniziando la nostra analisi approfondita sulle probabili formazioni di Serie A.

PROBABILI FORMAZIONI SERIE A: CROTONE LAZIO

Giovanni Stroppa schiera il consueto 3-5-2, modulo speculare a quello di Simone Inzaghi, con la speranza di portare almeno in panchina Rivière e Benali; fuori causa Molina per il Coronavirus, saranno Pedro Pereira e Reca a percorrere le corsie laterali mentre davanti Junior Messias affiancherà Simy, classico ballottaggio Zanellato-Vulic in mezzo. La Lazio ritrova Immobile ma non Strakosha: c’è ancora Reina tra i pali, per il resto formazione titolare con Manuel Lazzari che correrà a destra e Fares che ormai è diventato la prima scelta sull’altro versante, in mezzo Inzaghi ha a disposizione i suoi tre alfieri.

PROBABILI FORMAZIONI SERIE A: SPEZIA ATALANTA

La lista degli infortunati in casa ligure è lunghissima: Vincenzo Italiano dovrebbe schierare un 4-3-3 con Nzola supportato da Gyasi e Agudelo nel tridente offensivo, in mezzo invece gran momento per Pobega e mediana tutta italiana con Maggiore e Matteo Ricci a completarla. Gian Piero Gasperini perde Malinovskyi, positivo al Coronavirus: potrebbe essere l’occasione di Aleksey Miranchuk, dato titolare al fianco di Alejandro Gomez alle spalle di Duvan Zapata. Se così fosse, solo panchina per Muriel; torna De Roon, che però potrebbe lasciare spazio a Pasalic almeno nella formazione titolare.

PROBABILI FORMAZIONI SERIE A: JUVENTUS CAGLIARI

Senza Bonucci e Chiellini, Andrea Pirlo saluta il ritorno di De Ligt ma potrebbe tornare alla difesa a tre: Danilo e Demiral gli altri due, in alternativa il brasiliano o Frabotta a sinistra e l’arretramento di Cuadrado. Da valutare Federico Chiesa: senza di lui sarà Kulusevski a giocare titolare sulla trequarti, con Cristiano Ronaldo e Morata che spingono ancora Dybala in panchina. Il Cagliari di Eusebio Di Francesco gioca con un 4-3-3: spazio a Zappa e Lykogiannis come terzini, ovviamente davanti vanno Giovanni Simeone e Joao Pedro e il dubbio riguarda la terza maglia nel tridente, con il ballottaggio tra Ounas e Riccardo Sottil reduce dalle fatiche con l’Under 21.

© RIPRODUZIONE RISERVATA