Probabili formazioni Shakhtyor Soligorsk Torino/ C’è cautela per Izzo

- Michela Colombo

Probabili formazioni Shakhtyor Soligorsk Torino: le scelte dei due allenatori per il match di Europa League, focus su alcuni singoli dei granata.

andrea_belotti_2_torino_lapresse_2017
Probabili formazioni Shakhtyor Soligorsk Torino (LaPresse)

Prudenza nelle probabili formazioni di Shakhtyor Soligorsk Torino: abbiamo detto che questa sarebbe stata la parola chiave per Walter Mazzarri, come è pure giusto che sia in una partita di ritorno nella quale i granata ripartono dalla vittoria per 5-0 nella sfida d’andata, a maggior ragione questo vale per Armando Izzo, reduce dalla brutta botta alla coscia rimediata all’andata: “Izzo farà un provino nelle ore precedenti la partita, aveva detto l’allenatore dei granata, ma difficilmente Mazzarri prenderà il rischio di far giocare Izzo. La decisione dell’ultima ora dovrebbe dunque essere soltanto se portare il giocatore partenopeo in panchina, a disposizione dunque in caso di necessità a partita in corso, o se spedirlo direttamente in tribuna per evitare ogni possibile rischio verso altre partite che saranno certamente più importanti. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

IL JOLLY OLA AINA

Non lo abbiamo inserito nelle probabili formazioni di Shakhtyor Soligorsk Torino, ma di certo potrebbe essere l’asso nella manica per Mazzarri nella sfida di questa sera per l’Europa league: ci riferiamo a Ola Aina, che pure è stato convocato per la trasferta. Il terzino destro, appena tornato solo pochi giorni fa dalla sua esperienza in prestito con il Chelsea è quindi stato subito preso in considerazione da parte di Mazzarri, benché abbia appena solo 4 allenamenti nelle gambe. Una mossa non solita ma che ben si spiega considerando le necessità nel reparto arretrato del Torino. Come abbiamo ricordato ieri, non sono certo al top della condizione Izzo e N’Koulou e benche li abbiamo inseriti come possibili titolari, non è da escludere che diano presto forfait. In questo senso potrebbe quindi essere il nome di Aina a risollevare le sorti: di certo siamo impazienti di vederlo in campo.

IL PROTAGONISTA ZAZA

Nome di spicco nelle probabili formazioni di Shakhtyor Soligorsk Torino non può che essere quello di Simone Zaza che davvero ha iniziato questa nuova stagione con la maglia granata nel migliore dei modi. L’attaccante infatti ha subito convinto fin dal primo match di Europa League, dove pure pareva una scelta obbligata considerata l’assenza di Iago Falque. In questi primi turni di coppa però Zaza è diventato punto fermo dello schieramento di Mazzarri, mostrando un grande stato di forma e feeling con il Gallo Belotti (che pure ha già segnato 4 gol in 3 partite). Pure, per stasera il nome di Zaza è in dubbio, sia dal primo minuto che nella ripresa, considerato il possibile cambio di modulo. Come riferito prima infatti, l’attaccante ha già rimediato due cartellini gialli e risulta diffidato: un altro ammonimento questa sera e Zaza potrebbe saltare il match di play off contro il Wolverhamptons, sfida a cui certo sarebbe bene che prendesse parte valutato il valore dell’avversario.

I BALLOTTAGGI GRANATA

Come riferito appena prima, per le probabili formazioni di Shakhtyor Soligorsk Torino, non sono pochi i dubbi a cui è posto davanti Mazzarri. Il tecnico infatti ha sempre detto di voler tenere alta la tensione in campo, puntando sui big, ma considerando il calendario e il valore del singolo match (i granata hanno di fatto in mano già la qualificazione dopo il 5-0 segnato all’andata) pare ben necessario optare per un poco di turnover. Dopo tutto anche chi è arrivato in ritardo in ritiro ha raggiunto un buono stato di forma e ha bisogno di spazio e pure gli assenti annunciati costringeranno qualche big a un nuovo sforzo. Tenuto conto di tali fattori ecco che Mazzarri potrebbe davvero scombinare le carte, inserendo nomi dalla panchina, ragazzi della primavera ma pure cambiando il modulo di partenza, virando sul 3-5-2, che per esempio introdurrebbe dal primo minuto Rincon e Lukic e risparmierebbe Zaza, diffidato.

LA SFIDA DI QUESTA SERA

Si accenderà solo questa sera alle ore 19,00 in terra bielorussa la partita tra Shakhtyor Soligorsk e Torino, valida come ritorno del terzo turno preliminare di Europa league, ed ora è tempo di considerare da vicino anche le probabili formazioni del match. Lo abbiamo già detto ieri: considerato il 5-0 fissato nel turno di andata, è facile che Mazzarri dia spazio a qualche turnover se non proprio a nuovi esprimenti tattici, anche se di certo il tecnico non farà a meno dei suoi big, per tener sempre alta l’attenzione in campo. Sarà invece uno schieramento tutto titolare per la squadra bielorussa: con il pesante KO dell’andata da recuperare, il tecnico Tashuev per disegnare le probabili formazioni di Shakhtyor Soligorsk Torino non può permettersi alcun errore. Andiamo quindi ad esaminare da vicino le mosse dei due allenatori per le probabili formazioni del match di questa sera di Europa league.

QUOTE E PRONOSTICO

Per la sfida di ritorno del terzo turno preliminare di Europa league tra Shakhtyior Soligorsk Torino, il pronostico non può che andare a favore dei granata, che pure saranno ospiti. Il portale di scommesse snai infatti nell’1×2 ha fissato a 1,53 il successo dei piemontesi, contro il più elevato 5,50 dei bielorussi: il pari vale 4,00.

LE PROBABILI FORMAZIONI SHAKHTYOR SOLIGORSK TORINO

LE MOSSE DI TASHUEV

Come riferito prima, per le probabili formazioni di Shakhtyor Soligorsk Torino, il tecnico Tashuev non si può esimersi dal mettere in campo l’11 ufficiale, con la speranza, trascinato dal tifo di casa, di metter a segno almeno un gol. Sarà quindi il 4-3-1-2 il modulo di base con Kovalev e Bakaj titolari in attacco, con il supporto di Ebong. Toccherà quindi a Burko, Khadarkevich e Balanovich agire dal primo minuto in mediana, mentre in difesa scalpitano Matvejchik, Rybak, Sachivko e Antic: non mancherà di certo Klimovich, fedele tra i pali.

LE SCELTE DI MAZZARRI

Qualche novità in più invece la potremmo vedere nello schieramento di Mazzarri, combattuto dalla necessità e volontà di turnover (per dare fiato ai big e far mettere minuti nelle gambe agli ultimi arrivati) e l’obbiettivo di tenere alta la tensione in campo. Non è da escludere che almeno al via lo schieramento sia quello base dei giorni scorsi: ci sarà spazio nella ripresa per fare i cambi. Con il 3-4-3 vedremo quindi Sirugu tra i pali e di fronte il terzetto Izzo (non in forma), Bremer e N’Koulou: in mediana ecco spazio dal primo minuto per Ansaldi, Meite, Baselli e de Silvestri, pur con Rincon e Lukic pronti dalla panchina. Per l’attacco si fanno avanti Berenguer, Belotti e Zaza, ma qui la situazione è meno netta. Rimane sempre a disposizione Millico e pure Zaza potrebbe andare verso la panchina dato che ha già a suo carico due cartellini gialli. Non è infine da escludere il passaggio al 3-5-2 come modulo, fin dal fischio d’inizio.

IL TABELLINO

SHAKHTYOR SOLIGORSK (4-3-1-2): Klimovich; Matvejchik, Rybak, Sachivko, Antic; Burko, Khadarkevich, Balanovich; Ebong; Kovalev, Bakaj All. Tashuev
TORINO (3-4-3): Sirigu; Bremer, N’Koulou, Izzo; Ansaldi, Meite, Baselli, De Silvestri; Berenguer, Belotti, Zaza All. Mazzarri

© RIPRODUZIONE RISERVATA