PROBABILI FORMAZIONI ZORYA ROMA/ Quote, Chris Smalling in evidenza

- Claudio Franceschini

Probabili formazioni Zorya Roma: le quote per il pronostico e le scelte dei due allenatori per la partita che si gioca per la Conference League, trasferta ucraina per la squadra giallorossa.

El Shaarawy Roma gol Conference League lapresse 2021 640x300
I giocatori della Roma (Foto LaPresse)

PROBABILI FORMAZIONI ZORYA ROMA: IL PROTAGONISTA

Quale potrebbe essere il protagonista nelle probabili formazioni di Zorya Roma? Chris Smalling ha iniziato la terza stagione con la maglia giallorossa, e non nel migliore dei modi: a causa di un infortunio alla coscia lo si è visto in campo per la prima volta a metà settembre, proprio in Conference League nel 5-1 al Cska Sofia. Quella è stata l’unica partita in cui il centrale inglese è stato titolare: in campionato infatti sono arrivate tre apparizioni ma sempre con degli spezzoni, per un totale di appena 42 minuti sul terreno di gioco.

Da titolare inamovibile a riserva (di Roger Ibanez) il passo è stato breve, ma Smalling sa bene che quando tornerà al 100% della condizione potrà giocare un ruolo molto importante nella stagione della Roma; con José Mourinho aveva lavorato per due stagioni e mezza al Manchester United e aveva giocato abbastanza come titolare, venendo però condizionato da un problema al piede che, nel 2016-2017 poi conclusosi con la vittoria dell’Europa League, lo aveva tenuto fuori per qualche partita. Al momento dunque lo Special One ha in mente una coppia centrale formata da Gianluca Mancini e Ibanez; Smalling potrà sfruttare, come Carles Pérez, l’Europa League per provare a guadagnare minuti e tornare a essere un titolare anche in Serie A, al momento il principale palcoscenico sul quale si esprimono i giallorossi. (agg. di Claudio Franceschini)

L’OCCASIONE

Le probabili formazioni di Zorya Roma ci consegnano una possibile occasione da sfruttare per Carles Pérez: il ragazzo parte indietro nelle gerarchie di José Mourinho, anche perchè in quella zona di campo l’allenatore portoghese sta decisamente dando fiducia, nel tentativo di recuperarlo al 100% della condizione, a Nicolò Zaniolo che è reduce dallo stesso, grave infortunio subito due volte e che lo stesso Mourinho ha immediatamente considerato come calciatore da cui ripartire.

Carles Pérez era emerso nel Barcellona B giocando un’ottima stagione nel 2018-2019, e si era guadagnato l’accesso in prima squadra con Ernesto Valverde; si era imposto all’attenzione generale insieme ad Ansu Fati, ma se quest’ultimo è rimasto in Catalogna diventando una potenziale star (al netto del grave infortunio che gli ha fatto saltare 10 mesi, ma è già tornato con gol e ha ereditato la numero 10 di un certo Leo Messi), Carles Pérez è finito a Roma nel gennaio 2020. Con i giallorossi 55 partite e 5 gol; Paulo Fonseca gli aveva dato abbastanza spazio nel post-lockdown, con Mourinho le cose sono cambiate ma il giovane spagnolo può sfruttare la Conference League per convincere il suo allenatore a dargli più minuti anche in campionato. (agg. di Claudio Franceschini)

ASSENTI

Ancora una volta nelle probabili formazioni di Zorya Roma bisogna parlare dell’assente di casa giallorossa: Leonardo Spinazzola è costretto a saltare la partita di Conference League, ma ormai non è una novità visto che il grave infortunio risale al quarto di finale degli Europei (contro il Belgio) e si è saputo subito che per l’esterno giallorosso i tempi di recupero sarebbero stati lunghi. Recentemente Spinazzola ha parlato di fine novembre come data in cui si aspetta di tornare in gruppo; nella lista degli assenti potremmo citare anche i giocatori che José Mourinho ha immediatamente considerato fuori dal progetto tecnico, ricordiamo per esempio che di Davide Santon lo Special One aveva detto che non sarebbe stato reintegrato nemmeno con l’emergenza a sinistra, preferendo eventualmente puntare sul classe 2002 Filippo Tripi pur di non tornare sui suoi passi.

A proposito di calciatori fuori rosa: la Roma ha definito l’addio di Steven Nzonzi, che lascia (senza buonuscita) dopo due stagioni in prestito – con Galatasaray e Rennes – e 39 apparizioni in giallorosso (un gol). Il centrocampista francese ha trovato l’accordo con l’Al Rayyan: nei giorni scorsi la squadra qatariota aveva accolto anche James Rodriguez. (agg. di Claudio Franceschini)

PROBABILI FORMAZIONI ZORYA ROMA: CHI GIOCA QUESTA SERA?

Le probabili formazioni di Zorya Roma ci conducono a parlare della partita per il gruppo C di Conference League 2021-2022: è la seconda giornata e si gioca alle ore 18:45, impegno abbordabile per i giallorossi che, vittoriosi nella prima uscita internazionale con un 5-1 al Cska Sofia, cercheranno di confermare il loro primato sapendo che superare questo girone è quasi una formalità, visto che certamente le partite sono tutte da giocare e nascondono insidie ma il livello della concorrenza è decisamente inferiore, detto con tutto il rispetto per queste realtà.

La Roma oggi dovrà anche riscattare la sconfitta nel derby, che ha frenato la corsa in campionato; l’avversaria di Conference League è una squadra che all’esordio ha perso 3-1 contro il Bodo/Glimt ma, visto l’equilibrio con le altre, potrebbe anche aspirare a proseguire la sua corsa. Ora noi aspettiamo che la partita di questa sera si giochi, e intanto proviamo a fare qualche valutazione circa le scelte che verranno operate dai due allenatori, leggendo insieme le probabili formazioni di Zorya Roma.

QUOTE E PRONOSTICO

L’agenzia Snai ha tracciato tra le altre il pronostico su Zorya Roma, con i giallorossi che partono nettamente favoriti: la loro vittoria è regolata dal segno 1 e secondo questo bookmaker ha un valore di 1,42 volte la puntata, mentre per il successo esterno degli svizzeri (segno 2) il guadagno corrisponderebbe a 6,75 volte quanto messo sul piatto. Abbiamo poi l’eventualità del pareggio, identificata dal segno X: in questo caso la vincita ammonterebbe a 4,50 volte la vostra giocata.

PROBABILI FORMAZIONI ZORYA ROMA

LE SCELTE DI SKRYPNYK

Viktor Skrypnyk conferma il 4-1-4-1 per Zorya Roma: questo modulo sta diventando una sorta di riferimento in Ucraina e viene utilizzato spesso anche da Andriy Shevchenko per la nazionale. Qui, in porta avremo Matsapura che sarà protetto da due centrali difensivi che saranno Cvek e Vernydub; sulle fasce laterali, nella linea di retroguardia, avremo Khomchenovskyi a destra e Snurnitsyn a sinistra, a completare le catene esterne dovrebbero essere rispettivamente Kochergin e Gromov, quest’ultimo utilizzabile anche sulla corsia destra e reduce da un ottimo momento, perchè ha segnato in Europa League e ha fatto la differenza anche nell’ultima di campionato. Avremo poi i due trequartisti centrali che saranno Buletsa e Kabaev con Nazaryna qualche passo indietro, a rappresentare il frangiflutti davanti alla difesa; Raymond Owusu si gioca il posto come centravanti ma la sensazione è che il favorito per iniziare questa partita contro la Roma sia ancora Sayyadmanesh.

GLI 11 DI MOURINHO

Naturalmente José Mourinho farà turnover per Zorya Roma, anche se la cosa riguarderà solo alcuni ruoli vista la coperta corta. Ecco allora che in porta ci sarà comunque Rui Patricio con Karsdorp che praticamente è obbligato a giocare sull’esterno destro, dall’altra parte invece torna titolare Calafiori (che nel derby aveva lasciato il posto a Matias Vina, rientrato dal problema fisico). In mezzo Smalling potrebbe essere titolare con Kumbulla, dunque andranno in panchina Gianluca Mancini e Ibanez che fino a questo momento hanno sempre giocato, e giustamente avranno un turno di riposo nella partita di Conference League; così anche Veretout e Cristante che in mezzo al campo saranno sostituiti da Villar e Amadou Diawara, mentre Lorenzo Pellegrini avendo saltato il derby (per squalifica) sarebbe titolare in posizione centrale, assistendo la prima punta che uscirà dal ballottaggio tra Shomurodov (favorito) e Borja Mayoral (con Carles Pérez e El Shaarawy esterni), tenendo presente che l’uzbeko arrivato dal Genoa potrebbe anche giocare qualche passo indietro.

IL TABELLINO

ZORYA (4-1-4-1): Matsapura; Khomchenovskyi, Cvek, Vernydub, Snurnitsyn; Nazaryna; Kochergin, Buletsa, Kabaev, Gromov; Sayyadmanesh. Allenatore: Viktor Skrypnyk

ROMA (4-42-3-1): Rui Patricio; Karsdorp, Kumbulla, Smalling, Calafiori; A. Diawara, Villar; Carles Pérez, Lo. Pellegrini, El Shaarawy; Shomurodov. Allenatore: José Mourinho

© RIPRODUZIONE RISERVATA