Pronostico Giro di Lombardia 2021/ Motta: “Roglic favorito” (esclusiva)

- int. Gianni Motta

Giro di Lombardia 2021, il pronostico di Gianni Motta con i favoriti della Classica delle Foglie Morte che oggi sarà l’ultimo evento clou della stagione.

Ghisallo Lombardia
Il Santuario della Madonna del Ghisallo, punto leggendario del Giro di Lombardia

Pronostico Giro di Lombardia 2021, Motta: gara combattuta!

Il Giro di Lombardia 2021, la classica delle foglie morte, partirà da Como per arrivare a Bergamo dopo 239 km. Dalla salita iniziale del Ghisallo fino a quelle della Roncola, di Berbenno, di Dossena, Zambia Alta e soprattutto il Passo di Ganda. Poi da Selvino la discesa con 19 tornanti e l’arrivo a Bergamo con lo strappo della Città Alta. Un Giro di Lombardia 2021 degno del suo nome. I favoriti sono gli sloveni Primoz Roglic e Tadej Pogacar, il belga Remco Evenepoel, il campione del mondo francese Julian Alaphilippe. Noi italiani puntiamo molto su Gianni Moscon, recente protagonista alla Parigi Roubaix, e magari su Vincenzo Nibali, primo nel 2015 e nel 2017. Per presentare un Giro di Lombardia 2021 che promette spettacolo e grandi emozioni abbiamo sentito Gianni Motta in questa intervista esclusiva per IlSussidiario.net.

Come vede questo Giro di Lombardia 2021? Dovrebbe essere una gara molto bella e combattuta.

Come giudica il percorso? Per fortuna negli ultimi tempi si assiste anche a fughe da lontano. Un aspetto che si era perso da un po’ di tempo e che giudico molto positivo per la bellezza del ciclismo. Il Passo di Ganda è molto duro e potrebbe essere decisivo. Credo in un arrivo di un gruppetto ristretto di corridori o di un solo corridore.

Pogacar, Roglic ed Evenepoel sono i favoriti? Direi proprio di sì, e non dimenticherei il campione del mondo Alaphilippe. Roglic ha vinto la Milano Torino con autorità davanti ad Adam Yates, che metto anche lui tra i favoriti. Potrebbe essere proprio Roglic a vincere il Lombardia.

Spera in un acuto di Nibali, grande protagonista al Giro di Sicilia? Non credo molto in Nibali, potrebbe fare meglio Moscon, già protagonista alla Parigi Roubaix dove abbiamo vinto con un grande Colbrelli. Speriamo naturalmente che i corridori italiani possano sovvertire il pronostico della vigilia.

Ci potrebbe essere qualche sorpresa? Sorprese ce ne possono sempre essere ma penso che il vincitore del Giro di Lombardia sarà tra i favoriti di questa corsa.

La “corsa delle foglie morte” quanto fascino ha? Tanto perché il Giro di Lombardia è l’ultima corsa dell’anno, una gara molto dura, che avvicina anche il ciclismo ai ragazzi dopo tutte le soddisfazioni che ci ha dato nel 2021 questo sport. Como e Bergamo poi hanno fatto la storia del Giro di Lombardia. Rappresentano fino in fondo la tradizione del ciclismo. (Franco Vittadini)

© RIPRODUZIONE RISERVATA