“Pronti tamponi fai da te a 2-3 euro”/ Rigoli (lab. Veneto): “come test gravidanza”

- Niccolò Magnani

Rigoli (laboratori Regione Veneto) conferma l’annuncio di Zaia: “in 20 giorni l’arrivo dei tamponi fai da te, costeranno 2-3 euro in farmacia”. Cosa sono e come funzionano

luca zaia veneto conferenza stampa 640x300
Luca Zaia, Presidente Regione Veneto in conferenza stampa

Lo aveva annunciato già ad inizio ottobre il Governatore della Regione Veneto Luca Zaia, oggi arriva però la conferma – sul Gazzettino – del direttore dell’unità complessa di Microbiologia e Virologia di Treviso, nonché coordinatore della rete dei 14 laboratori pubblici del Veneto Roberto Rigoli: «Tempo 15-20 giorni e avremo i primi test in auto-somministrazione: questo ci cambierà la vita». Il tampone ‘fai da te’ potrebbe seriamente rivoluzionare la prevenzione e il controllo della pandemia da Covid-19 vede ormai la luce con l’arrivo possibile nelle farmacie ad un costo assai ridotto, sui 2-3 a pezzo. «Naturalmente i colleghi di medicina generale dovranno essere messi in condizione di svolgere questa operazione in maniera sicura e semplice rimarca Rigoli quindi occorrerà dotarli dei necessari dispositivi di protezione individuale e bisognerà evitare di complicare le procedure, perché ci rendiamo conto dell’impegno che ricadrà sulle loro spalle. Al giorno siamo passati dai 2.000-3.000 tamponi molecolari di marzo, ai 10.000-11.000 di adesso, che con i test rapidi arrivano a 30.000: una quantità elevatissima», spiega ancora il professore illustrando le prossime settimane con l’arrivo dei nuovi test che si aggiungono alle già diverse modalità di tracciamento e ricerca del contagio.

ZAIA “IL TEST FAI DA TE RIVOLUZIONERÀ LA RICERCA DEL COVID”

È ancora il Governatore Zaia a rimarcare la potenziale novità positiva del nuovo tampone “rapido” in arrivo: «presto arriveremo all’auto-somministrazione. Non sono io a dirlo, è il mercato, che grazie all’evoluzione tecnologica ha già permesso di passare dai bastoncini lunghi dentro naso e gola, agli stecchini corti che vanno infilati solo in bocca, ai test salivari per cui basta masticare un cotoncino. La nuova frontiera sarà il fai-da-te»». L’orizzonte è molto vicino, con il professor Rigoli che ancora al Gazzettino spiega come in 20 giorni si dovrebbe essere pronti ormai: «I produttori più avanti sono ancora una volta i coreani: hanno delle capacità produttive molto elevate e sono in grado di fare le modifiche richieste durante la sperimentazione in maniera molto veloce». Cambierà la vita di medici, sanitari e degli stessi cittadini, con l’inizio in Veneto e poi se entra a regime anche nel resto del Paese: «Avranno la libertà di sapere se sono o no positivi, direttamente a casa loro, con la stessa facilità del test di gravidanza e con un costo veramente contenuto. Parliamo di prodotti che in farmacia saranno venduti a 2 o 3 euro».

© RIPRODUZIONE RISERVATA