Proposta di matrimonio, denunciato per procurato allarme/ Il fatto a Reggio Emilia

- Matteo Fantozzi

Proposta di matrimonio, denunciato per procurato allarme: 20enne extracomunitario aveva finto un malore per permettere a un conoscente di fare la sua richiesta.

Omicidio Cologno al Serio
Immagine di repertorio (Pixabay, 2018)

Una proposta di matrimonio a Reggio Emilia è finita male con un uomo che è stato denunciato per procurato allarme. Questi infatti voleva stupire la sua fidanzata, salvando un giovane che aveva finto un malore. I protagonisti sono un ragazzo di 30 anni e un extracomunitario di 20 con quest’ultimo che era stato sorpreso a terra per cercare di far fare bella figura a un conoscente. Il personale medico era arrivato sul posto con il ragazzo che sussurrava agli stessi medici la messa in scena, una scelta che ha poi portato alla chiamata della polizia. La ragazza si sarebbe dovuta avvicinare, secondo i piani dei due, per poi ricevere la proposta di matrimonio. Peccato che quest’ultima aveva scelto di non scendere dalla macchina, rendendo dunque il piano impossibile.

Proposta di matrimonio, denunciato per procurato allarme: la confessione

A confessare tutto è stato l‘extracomunitario di 20 anni che aveva finto un malore per inscenare una proposta di matrimonio, cosa che aveva portato alla denuncia per procurato allarme. L’uomo che aveva inscenato il tutto era rimasto spiazzato quando la sua fidanzata aveva scelto di non scendere dalla macchina, così aveva deciso di chiamare l’ambulanza pregando il ragazzo, dietro una ricompensa di 50 euro, di farsi accompagnare al Pronto Soccorso. Una cosa che però quest’ultimo aveva rifiutato con l’arrivo sul posto di una squadra volante. Al termine di tutti gli accertamenti il ragazzo era stato denunciato in stato di libertà. Una storia che sembra uscita da un film, ma che purtroppo appartiene alla realtà.



© RIPRODUZIONE RISERVATA