Pulsossimetro o saturimetro, cos’è/ E come funziona per misurare saturazione ossigeno

- Silvana Palazzo

Pulsossimetro o saturimetro, cos’è e come funziona: strumento utile per misurare la saturazione dell’ossigeno, un valore chiave per dispnea, uno dei sintomi del coronavirus

pulsossimetro saturimetro yt 640x300
Pulsossimetro o saturimetro (Foto: da YouTube)

Dopo la smartphone, il pulsossimetro (o saturimetro) è ormai l’accessorio da non dimenticare. Nella lista degli oggetti da non dimenticare ci sono anche quelli anti-contagio, tra cui appunto questo strumento che permette con molta semplicità di misurare la saturazione dell’ossigeno nel sangue arterioso, la frequenza cardiaca e l’indice di perfusione. Nei mesi della fase più acuta dell’emergenza coronavirus, quelli del lockdown e in cui la curva dei contagi era in salita, il pulsossimetro era uno degli apparecchi medicali più cercati. Ad esempio, ha permesso a Roberto Giacobbo di scoprire di essere affetto dal Covid-19. A lockdown terminato, quando è arrivato il momento delle vacanze, questo piccolo e leggero apparecchio, indicato soprattutto per le persone con insufficienza cardiaca, malattie polmonari croniche e asma bronchiale, è finito in valigia. In commercio ci sono diversi modelli basic, anche a partire da 30 euro, mentre chi vuole un prodotto più performante può ottenere segnalazioni di parametri fuori norma, usarlo durante attività sportive o vedere le rilevazioni sul proprio smartphone.

PULSOSSIMETRO O SATURIMETRO, BOOM DI ACQUISTI ONLINE

In questi mesi online è andata in scena la caccia all’acquisto del pulsossimetro da dito, chiamato anche saturimetro da dito. Questo presidio, usato principalmente in ambito sanitario come ospedali, Rsa e ambulanze, ha la funzione di misurare la quantità di ossigeno presente nel sangue. Il valore normale di ossigenazione del sangue sta tra i valori 95 e 100%. Questo strumento può mettere in guardia da un’eventuale dispnea, uno dei sintomi della presenza del coronavirus nell’organismo. Un valore tra 90 e 95% indica una parziale assenza di ossigeno, mentre se si è al di sotto del 90% c’è da preoccuparsi. Molti italiani hanno cercato online di acquistare il pulsossimetro, causando un aumento dei prezzi, ma con il passare delle settimane la situazione si è gradualmente normalizzata. Anzi non mancano le offerte su Internet: su Amazon, ad esempio, nei giorni scorsi lo si trovava a partire da 16,99 euro.



© RIPRODUZIONE RISERVATA