PUPI AVATI SORPRESA PER KATIA RICCIARELLI AL GF VIP/ “Meritata tutta la mia amicizia”

- Mirko Bompiani

Katia Ricciarelli questa sera festeggia il suo 76esimo compleanno, a farle gli auguri durante la puntata è intervenuto un suo amico, il regista Pupi Avati con cui ha collaborato nel 2005

Pupi Avati
Pupi Avati

Katia Ricciarelli ha festeggiato il suo compleanno in diretta durante la puntata del Grande Fratello Vip 2021. In occasione del compleanno della soprano Alfonso Signorini ha voluto mostrare un video messaggio di auguri da parte di un suo caro amico: Pupi Avati, il regista con il quale la soprano ha collaborato nel 2005 cimentandosi per la prima volta nel ruolo di attrice nel film “La seconda notte di nozze” con Antonio Albanese e Neri Marcorè.
Il regista ha voluto ricordare il momento delle riprese del film che hanno portato Katia Ricciarelli a vincere il nastro d’argento ricordando anche come l’approccio della donna alle riprese sia stato caratterizzato da: “Coraggio, dedizione, disciplina e acume per cui quel nastro d’argento che vincesti te lo sei meritato. E hai meritato tutta la mia amicizia che ancora oggi continua e continuerà per sempre”. Katia Ricciarelli, commossa da questa sorpresa ha ringraziato il regista per questa sorpresa, ricambiando il suo sentimento d’affetto. (Agg. Adriana Lavecchia)

Pupi Avati a sorpresa al Grande Fratello Vip 2021

Parterre ricco di ospiti per la puntata del Grande Fratello Vip in onda questa sera, lunedì 17 gennaio 2022, su Canale 5. Tra le diverse sorprese preparate da Alfonso Signorini e dalla sua squadra per i “vipponi” c’è anche Pupi Avati: il celebre regista, infatti, sarà presente in diretta per festeggiare il compleanno di Katia Ricciarelli, datato 18 gennaio 2022. Ma perché, allo scoccare della mezzanotte, spunterà il cineasta bolognese?

Il motivo è molto semplice: Pupi Avati ha regalato a Katia Ricciarelli l’esordio sul grande schermo, una collaborazione che ha permesso loro di instaurare un grande rapporto di amicizia. Il regista, infatti, nel 2005 ha diretto il film “La seconda notte di nozze”, che ha segnato l’esordio come interprete al cinema della cantante lirica. Una “prima” incredibile per la Ricciarelli: la sua interpretazione ha stregato critica e pubblico, tanto da guadagnarsi il Nastro d’argento alla migliore attrice protagonista.

PUPI AVATI AL GF VIP PER KATIA RICCIARELLI

Presentato in anteprima al Festival di Venezia 2005, “La seconda notte di nozze” di Pupi Avati ha raccolto diversi riconoscimenti, molti dei quali legati a Katia Ricciarelli. Oltre alla vittoria del Nastro D’Argento, la cantante è andata vicina alla vittoria della Coppa Volpi e ha ottenuto numerose candidature per i premi secondari. Come già accennato in precedenza, Pupi Avati e Katia Ricciarelli hanno instaurato una bellissima amicizia dopo l’avventura sul set de “La seconda notte di nozze” e il regista, ospite a Cinemarcord, ha rivelato qualche retroscena: «Giravamo in Puglia, in questa masseria. Primo giorno di lavorazione. Io non ho la minima idea di chi fosse questa donna, perché l’avevo vista solo alla prova costumi. Vedo che lei era molto agitata … Decisi quindi di girare subito, senza prove. “Motore … Azione!” Antonio Albanese dice la sua battuta benissimo. Neri Marcorè gli risponde benissimo. La zia, Marisa Merlini, intonatissima. Katia Ricciarelli … un gorgheggio agghiacciante!».

L’esperienza di Katia Ricciarelli non è iniziata nel migliore dei modi, dunque, e Pupi Avati ha proseguito: «Lei capisce che c’è un’aria pesantissima, misteriosa, ma non capisce a cosa sia dovuta. La portiamo via e lei ci dice: “Ma è morto Pippo Baudo?”. E noi: “Peggio!” Andammo alla roulotte e le spiegammo che recitare è diverso dal teatro, che lì c’era una squadra messa apposta per farla segnare, che non doveva pensare a cosa dire, ma ascoltare gli altri attori. Ebbene, questa donna ha dimostrato un’intelligenza e una umiltà così assolute che in due giorni ha capito come comportarsi. Non le dovetti più dire nulla. E con La seconda notte di nozze vinse poi il Nastro d’Argento, battendo attrici come Margherita Buy e Vittoria Mezzogiorno», riporta Il Cineocchio.







© RIPRODUZIONE RISERVATA