Quali azioni ci espongono al contagio?/ Rischio Covid: lista in base a pericolosità

- Raffaele Graziano Flore

Quali azioni o situazioni ci espongono di più al contagio da Covid? La Texas Medical Association ha redatto una lista di situazioni con un indice di rischio in base alla pericolosità

La lista delle azioni che ci espongono al contagio
La lista delle azioni che ci espongono al contagio (Web, 2020)

Quali sono le azioni quotidiane, le situazioni o i contesti lavorativi in cui si corre maggiormente il rischio di essere esposti al contagio da Coronavirus? A questa domanda prova a dare una risposta concreta la Texas Medical Association che ha redatto di recente una vera e propria lista di luoghi e azioni ordinate in una vera e propria scala del rischio che va “basso” (segnalato con un colore blu) e fino ad arrivare ai colori arancioni e rosso che stanno per quelle situazioni in cui le probabilità di essere contagiati sono considerate rispettivamente “moderate/alte” e “alte”. Ma andiamo con ordine. Il grafico “Know Your Risk” elaborato dall’organizzazione non profit statunitense con sede a Austin (Texas) rappresenta un utile documento che visivamente aiuta a valutare il rischio e la possibile gravità di un’azione in piena fase di convivenza col virus: e così si scopre che ovviamente aprire la posta, fare comodamente benzina o giocare a tennis con un amico presentano un rischio davvero basso, come pure fare camping o sport all’aperto.

QUALI AZIONI CI ESPONGONO AL CONTAGIO DA COVID-19? LA LISTA DELLA TMA

I problemi, o meglio i possibili rischi, cominciano quando invece si va in luoghi frequentati dal pubblico come ad esempio la sala d’aspetto di un medico specialista, una biblioteca o anche il pernottamento in una struttura alberghiera: secondo la TMA texana (qui un link alla versione originale del documento) infatti qui si parla di possibilità di contagio “moderatamente bassa” (colore verde) ancora mentre il campanello d’allarme dovrebbe cominciare a suonare per tutte quelle situazioni colorate in giallo o arancione e che riguardano ad esempio una capatina in spiaggia o la cena fuori a casa di amici, senza dimenticare nemmeno le piscine pubbliche, il fatto di mandare i figli a scuola e anche gli affollamenti di gente che si trovano nei centri commerciali. Il rischio invece diventa “moderatamente alto” se si abbraccia un amico o se ci si bacia, ma anche viaggiando in aereo, andando dal parrucchiere o partecipando a cerimonie pubbliche come matrimoni o funerali, oltre ovviamente a mangiare al ristorante in sale piccole. Infine tra le situazioni di rischio “alto” vengono elencati cinema e teatri (per quando riapriranno ufficialmente) e allo stesso modo in futuro gli stadi, mentre il bollino rosso è riservato pure ai bar alle palestre e alle grandi aggregazioni di persone che consentirebbero gli assembramenti come i concerti all’aperto e le cerimonie religiose con oltre 500 fedeli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA