QUANTO COSTA IL LOCKDOWN?/ 1.000 euro a italiano (più il rischio disoccupazione)

- Paolo Annoni

Bloomberg ha calcolato il costo delle restrizioni alle attività in Italia, cui andrebbero aggiunti altri fattori negativi importanti

lockdown sedie lucchetto lapresse720 640x300
Lapresse

Il lockdown “light” per ora è limitato a un numero circoscritto di regioni ma sembra sempre più probabile un’ulteriore stretta e un’estensione territoriale delle misure. L’altro ieri Bloomberg ha pubblicato un piccolo “scoop” sul costo del lockdown; secondo la società di informazione finanziaria, che sembra riportare il parere di “tecnici”, il lockdown costerebbe circa 10 miliardi di euro al mese necessari per aiutare le società e i lavoratori colpiti dalle restrizioni. Bloomberg assume che le misure non finiranno prima di marzo 2021 e quindi moltiplica la cifra per cinque arrivando a 50 miliardi di euro. Questa cifra è in aggiunta a quella già pagata per le chiusure di marzo e si traduce in circa 1.000 euro a italiano; pochissimo per molti e tantissimo per altri, soprattutto per le famiglie. Per una famiglia di quattro persone, assumendo che nessuno abbia perso il lavoro, sono 4.000 euro. Questo conto si limita a considerare solo il costo “vivo” delle misure nella fase dell’emergenza ed è quindi assolutamente per difetto.

Non si considerano, infatti, almeno due fattori. Il primo è che il lockdown, finito a marzo 2021 in misura più o meno restrittiva, difficilmente finirà in una data puntuale a partire dalla quale tutto tornerà come nel 2019. L’ultima estate, nel 2020, è stata, tutto sommato, una buona approssimazione della normalità sia sociale che economica. Assumere però che il lockdown finisca e non lasci strascichi su regole e divieti è improbabile ed è altrettanto improbabile che non lasci strascichi sulle abitudini delle persone che nel frattempo hanno smesso di andare al centro commerciale, al ristorante o di volare.

Il secondo fattore, ben più importante, è che il costo vivo del lockdown non include i fallimenti e la cessazione di migliaia di attività; un fenomeno che è già osservabile e misurabile prima ancora delle nuove restrizioni. C’è un costo vivo e poi c’è un costo duraturo che si renderà evidente nel numero di disoccupati.

A prescindere da quello che ognuno pensi debba succedere domani queste cifre ci mettono davanti a una realtà inequivocabile. Il lockdown come “misura d’elezione” per la gestione della pandemia è semplicemente insostenibile se non al prezzo di produrre un tale sconvolgimento economico e finanziario che alla fine si tradurrà in uno sconvolgimento sociale e nei rapporti tra cittadino e Stato che legittima le preoccupazioni più fosche. L’invasione dello Stato, per salvare le aziende fallite sussidiare i disoccupati e per riscuotere le tasse necessarie a coprire i buchi, nell’economia e nella vita delle famiglie aprirebbe scenari complicati.

L’altro pezzo di realtà con cui si deve fare i conti è quello delle alternative al lockdown. Se esiste un modo per “convivere” con la pandemia senza chiusure, per esempio raddoppiando o triplicando i posti in terapia intensiva per tempo, questo è certamente e di gran lunga più economico e meno distruttivo dal punto di vista sociale.

Fare i conti con 50 miliardi solo per il costo vivo del secondo lockdown non è un esercizio matematico per insensibili o per gretti materialisti perché questi numeri dipingono una realtà insostenibile nel lungo termine anche dal punto di vista sanitario oltre che da quello sociale. Quando si prendono o non si prendono decisioni politiche bisognerebbe considerare tutti gli elementi. Il lockdown è la misura più facile di tutte: non richiede programmazione, non espone a rischi immediati di sottovalutazione “sanitaria”, rimanda il costo finanziario a un futuro indeterminato dando nel frattempo a tutti l’illusione che sia un tempo sospeso. Poi i conti arrivano e fanno paura per il prezzo finanziario e soprattutto per quello sociale che alla fine comportano.



© RIPRODUZIONE RISERVATA