Raffiche di kalashnikov contro carabinieri/ Video Alessandria: cinque banditi in fuga

- Silvana Palazzo

Alessandria, raffiche di kalashnikov contro carabinieri. Video, sparatoria a Sale: cinque banditi in fuga, ricerche in tutto il Piemonte. Le ultime notizie e gli aggiornamenti

carabinieri_sassi_auto_lapresse_2017
Immagine di repertorio (LaPresse)

Raffiche di kalashnikov contro i carabinieri nella mattinata di oggi, venerdì 22 novembre 2019, in provincia di Alessandria. La sparatoria è avvenuta nei pressi del cimitero di Sale, ma per fortuna nessuno è rimasto ferito. Cinque banditi a volto coperto hanno sparato, poi sono stati messi in fuga dai militari che hanno risposto al fuoco. Stando ad una prima ricostruzione, i banditi volevano rapinare il portavalori di un’azienda della zona che trasporta oro e valori. I malviventi, come riportato dalla Provincia Pavese, sono fuggiti su un’auto dopo che avevano sbarrato la strada alle “gazzelle”. Successivamente sono state trovate due Alfa Romeo Giulietta abbandonate. I malviventi – vestiti di nero e travisati – erano pronti a entrare in azione, ma sono stati sorpresi dai carabinieri. Erano impegnati in un servizio antirapina, ma sono intervenuti dopo la segnalazione ricevuta dal 112. Dopo la sparatoria sono stati allestiti posti di blocco nella zona, ma le ricerche sono state estese a tutto il Piemonte.

ALESSANDRIA, RAFFICHE DI KALASHNIKOV CONTRO CARABINIERI

Qualche particolare in più lo ha fornito Il Piccolo, secondo cui i cinque banditi si erano dati appuntamento a Sale, in zona cimitero, per aspettare un portavalori. Quando però hanno visto i carabinieri, hanno cominciato a sparare. Tre le auto in fuga, ma due poi sono state abbandonate a centro strada per sbarrare la strada, quindi una è riuscita a fuggire. Tutto è partito da una segnalazione arriva alla centrale: erano state viste persone “sospette” nei pressi del cimitero, quindi l’operatore ha fatto convergere le auto d’ordinanza sul posto. Dopo la sparatoria è scattato l’inseguimento, che però è terminato con le due auto usate per sbarrare le strada. Ora è caccia all’uomo, anzi agli uomini, visto che i malviventi coinvolti sono cinque.



© RIPRODUZIONE RISERVATA