Recovery Fund, spunta piano deposito scorie nucleari/ “A fine 2020 mappa siti idonei”

- Silvana Palazzo

Recovery Fund, spunta un progetto per creare un deposito unico nazionale di scorie nucleari. “A fine 2020 mappa dei siti potenzialmente idonei”. Questa la crescita sostenibile?

scorie nucleari pixabay 640x300
Scorie nucleari (Foto: Pixabay)

Un deposito unico nazionale di scorie radioattive. Il vecchio progetto di Carlo Jean da Mondovì ritorna d’attualità perché il Governo starebbe pensando di realizzarlo con i soldi del Recovery Fund. Lo rivela un’inchiesta dell’Unione Sarda, secondo cui è il ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli a rilanciarlo. Lo chiama “parco tecnologico per la gestione sicura dei rifiuti radioattivi”, ma non è altro che un deposito di scorie nucleari provenienti dalle dismissioni delle centrali atomiche italiane e ogni altro materiale radioattivo. Quel progetto del Generale non andò in porto anche per la strenua opposizione della Sardegna, ma 17 anni dopo spunta un dossier, che è stato trasmesso a Palazzo Chigi nei giorni scorsi con l’ambizione della riservatezza, che annovera i punti salienti della proposta, indicando anche stanziamenti e tempi di realizzazione. D’altra parte, Mauro Pili sulle colonne del quotidiano sardo sottolinea che “da Jean in poi, tutti i ministri del rimpallo nucleare, quello dell’Ambiente e dello Sviluppo Economico, sono stati protagonisti indefessi della fiera infinita degli annunci”.

RECOVERY FUND, UN PROGETTO PER DEPOSITO SCORIE NUCLEARI

Sono passate settimane, poi mesi e pure ministri, ma di quel deposito unico nazionale di scorie radioattive non si è fatto nulla finora. Se da una parte hanno pesato anche i timori di sommosse popolari, dall’altra le lobby del nucleare non si sono mai arrese. A tal proposito, l’Unione Sarda spiega che l’occasione ora è rappresentata dal Recovery Fund. Si parla di ben 350 milioni di euro dal 2021 al 2026 per “la progettazione, analisi, e soprattutto campagne di comunicazione a favore del deposito unico”. Il quotidiano rivela che a pagina 19 del piano ministeriale si sostiene che “il progetto fa parte delle misure per la crescita sostenibile, in quanto consente una gestione razionale e sicura dei rifiuti radioattivi provenienti dalle ex centrali e da vari settori, ricerca, sanità e industria”. Secondo questo dossier, il parco tecnologico è una “soluzione prevista dal programma nazionale adottato con il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri il 30 ottobre dello scorso anno”. A fine 2020 dovrebbe essere pubblicata la mappa dei siti potenzialmente idonei. Sarà probabilmente il momento in cui rimonteranno le proteste.

© RIPRODUZIONE RISERVATA