Reddito Cittadinanza, accordo Campania-Anpal/ De Luca “ok 471 navigator in Regione”

- Niccolò Magnani

Reddito di Cittadinanza, intesa raggiunta tra Anpal e Campania per l’assunzione di 471 navigator in Regione. Ok Di Luca anche per concorso assunzioni

Accordo Anpal-De Luca
Navigator Campania, accordo Anpal-Di Luca (Facebook, 2019)

Il Ministro del Lavoro Nunzia Catalfo ha annunciato in giornata l’intesa raggiunta tra Anpal e Regione Campania in merito al tira/molla delle scorse settimane sull’assunzione dei navigator vincitori della selezione pubblica sul Reddito di Cittadinanza: «Raggiunta l’intesa fra Anpal servizi e regione Campania sull’assunzione, da parte di Anpal servizi, dei 471 navigator vincitori della selezione pubblica, che offriranno assistenza tecnica ai cittadini campani, beneficiari di Reddito di cittadinanza e non solo». Sempre la titolare del Lavoro, nonché “madrina” della legge sul Reddito di Cittadinanza, esprime apprezzamento nella nota del Governo ricordano che «prima da presidente della Commissione Lavoro del Senato e poi da ministro del Lavoro ho incontrato più volte i navigator, per questo oggi sono molto contenta per loro. Ringrazio le istituzioni coinvolte», conclude la Catalfo. Erano tre mesi che i 471 navigator attendevano il via libera per il “veto” posto dal Presidente Campania Vincenzo De Luca, il quale chiedeva maggiori garanzie a Governo e Inps circa la non-precarizzazione sia dei navigator che degli altri dipendenti pubblici operanti in Campania. Il Governatore sosteneva ancora lo scorso luglio – scatenando l’ira di Di Maio e di tutto il M5s – «Abbiamo un bacino di precariato con 3700 Lsu, 400 tavoli di crisi, 80 procedure di licenziamento collettivo oltre ai disoccupati storici. Se con i navigator facciamo altri serbatoi di precariato e comitati di lotta, allora dico di no. Dopo due anni di formazione i navigator verranno mandati a casa. È un Paese serio questo?».

REDDITO DI CITTADINANZA, L’OK DELLA REGIONE CAMPANIA

Ebbene oggi, dopo diverse resistenze e trattative fra Anpal e Regione Campania, il via libera di Di Luca è giunto: sono servite le proteste dei navigator e anche lo sciopero della fame di alcuni di loro per ottenere quel posto guadagnato tramite selezione pubblica. Soddisfatto il Governo ma anche il Presidente Di Luca che in una nota afferma «Si è svolto un cordiale incontro con il presidente di Anpal Domenico Parisi. La Regione ha sollecitato la stabilizzazione dei lavoratori precari presenti in Anpal da oltre un decennio e la contrattualizzazione dei navigator con un’assunzione piena ed esclusiva di responsabilità da parte di Anpal. La Regione ha sollecitato anche un impegno ad affrontare e risolvere altre emergenze occupazionali». Ancora il Governatore rilancia al termine della nota, «ha ribadito la posizione di sempre: lotta al precariato e superamento delle situazioni di emergenza occupazionale. Si è concordato un lavoro di lungo periodo per concludere vicende antiche, partendo dall’impegno di non creare più aree di precariato». Nello stesso post rilanciato su Facebook da Vincenzo De Luca viene ricordato come sarà bandito a breve il nuovo concorso per 650 nuove assunzioni stabili nei Centri per l’Impiego (quindi oltre ai 471 navigator): «si sta lavorando all’ultimo respiro per avviare a conclusione già entro quest’anno il primo concorso bandito dalla Regione per i primi tremila giovani da mandare a lavorare nei Comuni. Stiamo aprendo davvero una stagione straordinaria per il #Lavoro».

Ecco qui la sigla ufficiale dell’intesa Regione Campania-Anpal sul Reddito di Cittadinanza

© RIPRODUZIONE RISERVATA