REFERENDUM 2011/ Legittimo impedimento. Scheda verde. Quando e per cosa si vota

- La Redazione

Il referendum, promosso dall’Italia dei Valori, propone l’abrogazione della legge che consente al premier di chiedere il rivio di udienza penali in cui è coinvolto se legittimamente impedito

Giustizia_MartellettoR400
Immagine: Fotolia

Che cos’è, anzitutto, il legittimo impedimento? Si tratta di una legge che consta di due articoli e prevede che il presidente del Consiglio possa invocare il legittimo impedimento a comparire, laddove imputato, in un’udienza penale «in caso di concomitante esercizio di una o più delle attribuzioni previste per leggi o dai regolamenti e delle relative attività preparatorie e consequenziali, nonché di ogni attività, comunque, coessenziale alle funzioni di Governo» (art.1, comma 1). Per i ministri, invece, è legittimo impedimento «l’esercizio delle attività previste da leggi e regolamenti che ne disciplinano le attribuzioni» (art.1, comma 2). La legge è stata emanata il 7 aprile del 2010 per assicurare il «sereno svolgimento delle funzioni attribuite dalla Costituzione e dalla legge» al Presidente del Consiglio dei ministri e ai Ministri  ed ha il limite di 18 mesi dall’entrata in vigore.

Nel medesimo periodo, dopo la bocciatura del lodo Alfano da parte della Corte Costituzionale, l’esecutivo si è impegnato all’approvazione di una riforma costituzionale in materia. Il 13 gennaio 2011 la Corte Costituzionale ha abrogato parte della legge laddove non ritenuta compatibile con il principio di eguaglianza dei cittadini di fronte alla legge e in base all’articolo 138 (riserva di legge costituzionale) della Costituzione. In particolare ha ritenuto che non fosse lecito il potere che la legge attribuiva alla Presidenza del Consiglio di decidere cosa fosse legittimo impedimento e cosa non lo fosse e l’obbligatorietà per il giudice di rinviare l’udienza. Il referendum, promosso dall’Italia dei Valori, propone, in pratica, di abrogare il resto della legge. Va detto che, dal momento che in Italia il referendum è abrogativo, votando “Sì” si esprime la volontà di annullare la legge o al parte di legge espressa nel quesito, votando no si mantiene la legge invariata. Si vota Si vota  domenica 12 giugno dalle 8 alle 22 e lunedì 13 dalle 7 alle 15

IL TESTO DEL QUESITO – CLICCA > QUI SOTTO

Il testo del quesito 

«Volete voi che siano abrogati l’articolo 1, commi 1, 2, 3, 5, 6 nonché l’articolo 2 della legge 7 aprile 2010 numero 51 recante “disposizioni in materia di impedimento a comparire in udienza”?».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori