Renata Polverini passa con Renzi?/ “In Italia Viva valori assenti in Forza Italia”

Da Forza Italia a Italia Viva, Renata Polverini potrebbe salutare Silvio Berlusconi per abbracciare Matteo Renzi: “Le mie posizioni sono sempre quelle”.

renata polverini
Renata Polverini a Non è L'Arena

Renata Polverini potrebbe essere il “nuovo acquisto” di Matteo Renzi. Dopo essersi autosospesa dal gruppo parlamentare di Forza Italia, atto motivato da contrasti sullo ius culturae, l’ex presidente di Regione Lazio venerdì è stata “beccata” alla convention “Festival delle città”, presente ad ascoltare l’intervento del leader di Italia Viva. Una mossa che non è passata inosservata a nessuno e che potrebbe segnare l’ennesimo addio a FI. «Le mie posizioni sono sempre quelle, non sono io che mi avvicino a Italia Viva ma è Forza Italia che si distanza sempre più da quelle che erano le sue posizioni. Le parole d’ordine che Renzi ha messo in campo con il suo movimento arrivano dritte a quello che è l’elettorato di Forza Italia più moderate», le sue parole ai microfoni de Il Fatto Quotidiano…

RENATA POLVERINI LASCIA BERLUSCONI PER RENZI?

Dopo aver rivestito un ruolo di primo piano in Forza Italia, dunque, Renata Polverini potrebbe lasciare gli azzurri per abbracciare la nuova avventura di Matteo Renzi. «La parte liberale di Forza Italia è rimasta ancora a quella che è Forza Italia, l’altra ala si sta radicalizzando su posizioni che non appartengono alla nostra storia: oggi coloro che farebbero meglio a iscriversi alla Lega ed a Fratelli d’Italia vorrebbero scalzare quelli che sono ancorati ai valori originari di Forza Italia», spiega Renata Polverini ai microfoni di Radio Cusano Campus, aggiungendo poco dopo: «Io sono in attesa di capire cosa intende fare il mio partito rispetto allo ius culturae. Berlusconi è sempre stato molto attento al tema dei diritti: io ho votato per le unioni civili e mi batterò sul tema del fine vita. Non lascio questi temi alla sinistra». E rincara la dose: «In Italia Viva ci sono valori che in Forza Italia non ci sono più».



© RIPRODUZIONE RISERVATA