Requiem di Verdi, cos’è?/ Composizione dedicata ad Alessandro Manzoni

- Alessandro Nidi

Cos’è il Requiem di Verdi? La composizione fu eseguita per la prima volta a Milano nel 1874 e fu scritta per commemorare l’autore de “I Promessi Sposi”

Giuseppe Verdi wikipedia 640x300
Giuseppe Verdi (foto: Wikipedia)

La Messa da Requiem di Giuseppe Verdi, che sarà riproposta questa sera in diretta video streaming sul sito internet del Teatro Massimo di Palermo, con l’orchestra diretta eccezionalmente da Riccardo Muti, è una composizione sacra per coro, voci soliste e orchestra che affonda le sue radici nella storia d’Italia. Risale infatti al 1874 ed è dedicata a un letterato famoso in tutto il mondo, autore del capolavoro che ancora oggi viene studiato nelle scuole italiane: stiamo parlando de “I Promessi Sposi” e di Alessandro Manzoni.

A dire la verità, prima di arrivare alla stesura dell’opera, Verdi stava effettuando elucubrazioni attorno a composizioni di tale natura ormai da parecchi anni, tanto da avere promosso, nel 1869, l’organizzazione di una messa di requiem a più mani per la scomparsa di Gioacchino Rossini. L’occasione per scrivere qualcosa di suo pugno, però, gli fu offerta dalla morte dello scrittore Manzoni, datata 22 maggio 1873, con il quale condivideva i valori risorgimentali di libertà e di giustizia, che condussero pochi anni prima all’unità d’Italia (1861).

REQUIEM DI VERDI: PRIMA ESECUZIONE NEL 1874

Il Requiem di Verdi nacque dunque in seguito alla dipartita di Alessandro Manzoni, come si evince dalla lettera indirizzata il 3 giugno seguente a Tito Ricordi dallo stesso musicista: “Io pure vorrei dimostrare quanto affetto e venerazione ho portato e porto a quel grande che non è più e che Milano ha tanto degnamente onorato. Vorrei mettere in musica una Messa da morto da eseguirsi l’anno venturo per l’anniversario della sua morte. La Messa avrebbe proporzioni piuttosto vaste, ed oltre ad una grande orchestra ed un grande coro, ci vorrebbero anche (ora non potrei precisarli) quattro o cinque cantanti principali”. La prima esecuzione del Requiem di Verdi, ottenuta l’autorizzazione dell’allora sindaco di Milano, Giulio Bellinzaghi, è datata 22 maggio 1874, nella chiesa di San Marco. Come riportano fonti del periodo, a dirigere l’orchestra fu proprio Giuseppe Verdi e i quattro solisti selezionati furono Teresa Stolz (soprano), Maria Waldmann (mezzosoprano), Giuseppe Capponi (tenore) e Ormondo Maini (basso). Ottenne un successo enorme e la composizione divenne di fama divenne internazionale.



© RIPRODUZIONE RISERVATA