Riaperture? Non giustificate da numeri/ Peggiori rispetto a fine prima ondata Covid

- Silvana Palazzo

Perché le riaperture non sono giustificate dai numeri? L’epidemia c’è ancora: i dati sono peggiori rispetto a fine prima ondata Covid e dello scorso autunno

Bar riapertura Fase 2 lapresse 2020 640x300
Lapresse

L’Italia riapre, ma senza né aver raggiunto una buona copertura vaccinale né avere numeri rassicuranti sul contagio. Con meno decessi di quelli registrati ora lo scorso autunno è stato introdotto il coprifuoco e lanciato il sistema dei colori. Peraltro, la situazione è pure peggiore rispetto alla fine della prima ondata. Dietro le riaperture che sta per varare il Governo Draghi c’è, dunque, il pressing della politica? Questa l’ipotesi di Domani, visto che i numeri mostrano che l’epidemia è ancora fuori controllo e il sistema sanitario è vicino al punto critico. Dunque, non siamo nella stessa situazione di un anno fa, quando uscivamo dal primo lockdown. Mentre ora abbiamo una media di 427 decessi al giorno e le terapie intensive sono oltre la soglia critica, con quasi 3.600 ricoverati, nella seconda settimana di maggio 2020, quando sono stati riaperti bar e ristoranti, c’erano 181 decessi al giorno in media e 828 persone in terapia intensiva.

La situazione era migliore anche in autunno, all’inizio della seconda ondata. Nella prima settimana di novembre i decessi medi erano 349 al giorno e i ricoveri in terapia intensiva erano 2.288.

RIAPERTURE? L’ALLARME DEI MEDICI

La differenza importante tra oggi e lo scorso autunno è rappresentata dai principali indicatori del contagio, che erano in rapido peggioramento, mentre ora sono stabili o in lento miglioramento. Dunque, in poche settimane l’epidemia potrebbe diventare più gestibile, ma non è detto che le cose vadano in questa direzione, soprattutto anticipando l’allentamento delle restrizioni. La Francia, che ha allentato le restrizioni lo scorso dicembre, è tornata in lockdown lo scorso 31 marzo. In Germania, dove è stato approvato poche settimane fa un piano di graduali riaperture, la situazione è peggiorata anziché migliorare. Qualcosa di simile è accaduto in Sardegna, che è tornata in zona rossa dopo l’esperienza della zona bianca. Medici e operatori sanitari sono, dunque, preoccupati e guardano con timore alle riaperture.

Chiediamo alla politica di ascoltare le decine e decine di migliaia di colleghi che da tredici mesi lavorano senza tregua nell’emergenza territoriale e negli ospedali”, scrivono i principali sindacati del settore in un comunicato in cui esprimono “perplessità e amarezza” per il dibattito in corso. Quindi, ricordano il “rischio di un prolungamento della pandemia e di una persistente elevata mortalità tra i cittadini non ancora protetti con la vaccinazione”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA