Riceve stipendio 330 volte per errore/ Operaio sparisce nel nulla: caccia all’uomo

- Josephine Carinci

In Cile un uomo riceve lo stipendio 330 volte per errore e scappa, sparendo nel nulla con i soldi ricevuti. Caccia all’uomo

pos_bancomat_carta_credito_pixabay
(Pixabay)

In Cile un uomo ha visto aumentare a dismisura il proprio stipendio senza alcuna ragione. Un vero e proprio miracolo della moltiplicazione dei pesos quello a cui il 27enne ha assistito sul proprio conto. Alla fine del mese, l’operaio cileno, che lavorava in un centro carni, prosciutti e salumi, guadagnava una cifra che in Italia corrisponde a 500 euro. Uno stipendio davvero molto basso, che però in un solo istante si è moltiplicato per magia.

Improvvisamente, sul conto dell’uomo sono comparsi 165 milioni di pesos, ovvero 330 volte lo stipendio che normalmente l’operaio prendeva a fine meseL’azienda di carni nella quale l’uomo lavorava ha fatto un errore macroscopico, accreditandogli uno stipendio 330 volte superiore al suo. Una cifra che l’uomo avrebbe guadagnato in 27 anni. Non appena ha visto sul proprio conto una somma simile, l’uomo ha deciso di approfittarne, scappando con quei soldi.

Riceve lo stipendio 330 volte: operaio scomparso nel nulla

Inizialmente, dopo aver ricevuto 330 volte il suo stipendio, l’uomo ha scelto di restituire all’azienda la cifra ottenuta per errore. Ha dunque scelto di “denunciare” l’errore all’azienda, spiegando di aver ricevuto una somma sbagliata e di molto più alta sul proprio conto. L’operaio ha promesso che sarebbe andato a stornare il denaro in banca per restituirlo. Il 27enne, però, in banca è andato per un altro motivo.

L’uomo si è recato in filiale alla sua banca e ha ritirato la somma, fuggendo con le tasche piene di soldi. Nel frattempo ha inviato una lettera di dimissioni alla propria azienda, ha raccolto le sue cose ed è sparito nel nulla, non lasciando alcuna traccia. L’operaio cileno è stato denunciato per appropriazione indebita e la polizia lo starebbe cercando ovunque, come rivela il Corriere, senza però successo. Di lui, infatti, si sono perse le tracce.







© RIPRODUZIONE RISERVATA