Riforma pensioni 2024/ Fornero più penalizzante, come e su cosa influisce? (22 novembre 2023)

- Danilo Aurilio

Sulla riforma pensioni 2024, i sindacati e le opposizioni avrebbero molto da ridire. A partire dalla Legge Fornero, che è stata critica per via delle modifiche che verranno attuate

Pensioni_Fornero_Cartello_Lapresse Pensioni, protesta contro la Riforma Fornero (Lapresse)

Sindacati e opposizioni credono che la riforma pensioni del 2024 possa peggiorare la Fornero, piuttosto che abrogarla come si pensava e anche sperava.

Le parole espresse nei confronti delle misure adottate e che si vorrebbero applicare a partire dal prossimo anno, dimostrano il palese dissenso: «Il governo ha peggiorato la legge Fornero, altro che cancellarla».

Si tratterebbe però, più di uno “slogan” politico da dover approfondire, dato che in questi anni sono state integrate delle misure molto flessibili (da Opzione Donna all’Ape Sociale).

Riforma pensioni 2024: come cambia e cosa c’entra la Fornero?

La riforma pensioni 2024 doveva in un certo senso, eliminare definitivamente la Fornero, nata nel 2012, quando allora presidiava il nostro Bel Paese, Mario Monti, insieme all’ex ministra del lavoro, Elsa Maria Fornero.

Tutt’oggi, la pensione di vecchiaia può essere concessa avendo versato almeno 20 anni di contributi previdenziali, e al compimento dei 67 anni d’età anagrafica.

Quanto alla previdenza sociale anticipata, la misura prevede che si può ricorrere ad essa a patto di aver versato 42 anni e 10 mesi di contributi (per gli uomini), 41 anni e 10 mesi di contributi previdenziali per le donne.

Grazie a queste misure, dall’anno 2012 ad oggi, sono andati in pensione 600.000 lavoratori, per un totale di 25 miliardi di euro.

Il focus su cui inciderà direttamente la Legge Fornero, si basa sul regime contributivo puro, che viene applicato ai lavoratori che hanno iniziato l’attività dopo il ’95. A tal proposito abbiamo un miglioramento e un peggioramento.

Nel caso specifico: la complessità più grande si baserebbe proprio sulla possibilità di anticipare la pensione sfruttando il sistema contributivo, basandosi allo stesso tempo sulle ulteriori 3 manovre: la finestra di 3 mesi a partire dalla maturazione dei requisiti; la soglia massima dell’importo dell’assegno previdenziale (massimo fin a 5 volte il minimo) e il nuovo adeguamento rispetto alla speranza di vita.

Non resta che attendere la conferma sulla riforma pensioni 2024 e sulle possibilità di abrogare o prorogare, la precedente Legge Fornero.





© RIPRODUZIONE RISERVATA

Ultime notizie di Riforma pensioni

Ultime notizie