RIFORMA PENSIONI/ Ganga e le misure che servono per le donne (ultime notizie)

- Lorenzo Torrisi

Riforma pensioni, secondo Ignazio Ganga è sempre più evidente che la previdenza non è amica delle donne e occorrono quindi interventi correttivi

ufficio_lavoro_lapresse
(LaPresse)

RIFORMA PENSIONI, LE PAROLE DI GANGA

Secondo Ignazio Ganga, il Rendiconto sociale presentato dal Comitato di indirizzo di vigilanza dell’Inps, “tra i vari interessanti dati esposti, ha messo ancora una volta in evidenza come la previdenza non sia amica delle donne”. Questo perché, evidenzia il Segretario confederale della Cisl, “da un lato gli importi medi dei trattamenti pensionistici delle lavoratrici si confermano decisamente più bassi rispetto a quelli degli uomini e questo gap previdenziale è destinato ad aggravarsi con la crisi determinata dalla pandemia in corso che incide in modo pesantissimo sul lavoro delle donne, dall’altro le riforme degli ultimi anni, con il forte incremento dei requisiti pensionistici, hanno reso sempre più difficile per molte donne accedere alla pensione”. Un trend che è cominciato a partire dalla Legge Fornero.

GLI INTERVENTI PER LA PREVIDENZA DELLE DONNE

Per Ganga “è evidente che mancano ancora meccanismi compensativi e servizi efficaci che effettivamente consentano a molte donne di accedere ad attività lavorative adeguate e adeguatamente remunerate per accedere ad una pensione dignitosa”. Il sindacalista ricorda quindi che “la previdenza delle donne è uno dei temi che vorremmo discutere con il Ministro del lavoro nel quadro complessivo di interventi sul sistema previdenziale che deve guardare all’accesso flessibile alla pensione dopo quota 100, ma anche alla pensione contributiva di garanzia per chi ha carriere discontinue e con basse retribuzioni, alla necessità di tutelare chi svolte lavori gravosi e lavori di cura, all’esigenza di sostenere il potere di acquisto per chi è già oggi in pensione”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA