RIFORMA PENSIONI/ L’appello dei giornalisti al Governo per l’Inpgi (ultime notizie)

- Lorenzo Torrisi

Le misure di riforma pensioni varate dall’Inpgi non bastano a metterne in sicurezza i conti. Occorre un intervento del Governo

giornali giornale quotidiano pixabay 640x300
Pixabay

RIFORMA PENSIONI, LE PAROLE DI MACELLONI

Marina Macelloni riconosce che le misure di riforma pensioni varate dal cda dell’Inpgi non sono certo sufficienti a risolvere i problemi dell’Istituto nazionale previdenziale dei giornalisti, “ma l’unica cosa che riporta i conti dell’istituto in ordine è un ingresso importante di nuovi contribuenti. Abbiamo presentato al governo diverse proposte di allargamento della platea ma ad oggi non c’è l’interesse a discuterne seriamente ne la volontà politica che l’Istituto resti nell’ambito della previdenza privata”. “Le nostre proposte consentirebbero all’Istituto di restare autonomo e di fare il suo lavoro come ha sempre fatto. Abbiamo editori che fanno ricorso ai prepensionamenti e al posto dei giornalisti in uscita assumono i webmaster, figure professionali che non versano contributi all’Inpgi. Come può l’istituto risanarsi in queste condizioni?”, aggiunge Macelloni.

LA RICHIESTA DI LORUSSO

“I giornalisti italiani chiedono al governo un cambio di passo e l’apertura di un confronto a tutto campo, per individuare le misure necessarie per garantire il rilancio del settore, la ripresa dell’occupazione e la messa in sicurezza dell’Inpgi. Prima di parlare di previdenza si deve parlare di mercato del lavoro: aumentano infatti i colleghi sfruttati e prepensionati. È importante convocare un tavolo con il Governo che comprenda anche il tema delle nuove figure professionali che partecipano al sistema dell’informazione e che contribuiscano alle entrate dell’Inpgi”, evidenzia invece il Segretario generale della FNSI, Raffaele Lorusso. Vedremo se dall’esecutivo arriveranno risposte a queste sollecitazioni.

— — — —

Abbiamo bisogno del tuo contributo per continuare a fornirti una informazione di qualità e indipendente.

SOSTIENICI. DONA ORA CLICCANDO QUI



© RIPRODUZIONE RISERVATA