Righeira, perché si sono separati Michael e Johnson?/ “Non abbiamo più niente da condividere”

- Jacopo D'Antuono

Righeira, perché si sono separati Michael e Johnson? “Soldi dilapidati e nulla da condividere”. I veri motivi della rottura del famoso duo musicale…

righeira 640x300

Perché i Righeira si sono separati? Ogni volta che si parla del famoso due musicale, popolare soprattutto negli anni ottanta, la domanda sorge spontanea. Infatti dopo essere stati insieme per molti anni, i Righeira hanno deciso di sciogliersi e separarsi, evidentemente perché sentivano di aver dato il massimo come coppia. Nel 2016 hanno annunciato la loro separazione definitiva, dopo i primi campanelli di allarme e il calo della popolarità.

Mentre Stefano Righi non si è mai allontanato davvero dal panorama musicale, Stefano Rota, l’altro componente dei Righeira, ha deciso di cambiare vita e si è trasferito in un paesino nei dintorni di Vicenza. Ma andiamo a scoprire qualcosina in più sul loro percorso nella musica, ripercorrendo le tappe principali della loro carriera, fino alla separazione.

Righeira, perché Stefano Righi e Steano Rota si sono separati?

In arte Johnson e Michael, Stefano Righi e Stefano Rota hanno conosciuto la popolarità sul finire degli anni settanta. Le canzoni che li hanno accompagnati al successo somo state, tra le altre, Vamos a la Playa, No Tengo Dinero, in lingua spagnola, e L’estate sta finendo, lanciata nel 1985 e con cui vinsero il Festivalbar. Tra gli altri brani di successo dei Righeira spiccano anche Innamoratissimo e Companero.

In una recente intervista al Corriere della Sera, Johnson Righeira, ovvero Stefano Righi, ha poi fatto chiarezza sul rapporto con l’altro componente, spiegando i veri motivi della rottura ed escludendo un possibile ritorno sul palco insieme. “Sono gli stessi motivi, con aggravanti. Non abbiamo più niente da condividere“, le sue parole. “Sono riuscito a dilapidare i soldi man mano che li guadagnavo. Andava tutto così veloce, ma adesso io e lui non abbiamo più nulla in comune”.



© RIPRODUZIONE RISERVATA