Rino Gaetano, come è morto/ Le teorie sull’incidente e la profezia della sua canzone

- Silvana Palazzo

Rino Gaetano, come è morto il cantante il 2 giugno 1981. Le tante teorie sull’incidente stradale e l’agghiacciante profezia della sua canzone, “La ballata di Renzo”

rino gaetano lapide lapresse
Rino Gaetano (LaPresse)

Rino Gaetano aveva solo 31 anni quando è morto il 2 giugno 1981 in un tragico incidente stradale a Roma. Il cantautore ha lasciato un vuoto lungo 38 anni, nei quali si sono allungate delle ombre. È stato vittima di un malore improvviso o di una distrazione? Forse ha avuto un colpo di sonno? Tante le domande attorno alla morte di Rino Gaetano. Di certo c’è che perse il controllo della sua Volvo 342, finendo contromano dall’altra parte della strada. In quel momento arrivava un camion in senso contrario: l’impatto fu violentissimo. La fiancata della macchina del cantante venne colpita, schiacciata e spinta lontano dall’autocarro. Mancavano pochi minuti alle quattro: Rino Gaetano, dopo aver trascorso la serata con gli amici, stava tornando a casa sua, in via Nomentana Nuova. L’autista del camion prestò subito soccorso all’artista che aveva perso conoscenza. All’epoca si parlò di gravi ferite al torace e al cranio per l’urto contro il parabrezza. Apparso subito in condizioni disperate, morì un’ora l’arrivo dei soccorsi senza aver mai ripreso conoscenza. Come riportato da Tgcom24, l’ambulanza provò a portarlo in ospedale ma cinque ospedali romani lo rifiutarono. Quando arrivò al Gemelli di Roma era troppo tardi.

RINO GAETANO, COME È MORTO? LA “PROFEZIA” AGGHIACCIANTE

L’autopsia rivelò un possibile collasso di Rino Gaetano prima dell’incidente, ma il camionista – come riportato da Il Messaggero – raccontò di aver visto il cantante accasciarsi di lato e cominciare a sbandare per poi riaprire gli occhi poco prima dell’impatto. Dopo la sua prematura morta vi furono numerose polemiche e un’inchiesta parlamentare. Ma nacque anche un sospetto: il cantante aveva previsto la sua morte? Si parla de “La ballata di Renzo”, una lirica mai apparsa in alcun disco e riconducibile al periodo del cosiddetto Folkstudio. È la storia di un giovane che, dopo un incidente d’auto, non riesce a trovare un ospedale per il ricovero. Quello che è accaduto anche a lui. “Quel giorno Renzo uscì, andò lungo quella strada quando un’auto veloce lo investì. Quell’uomo lo aiutò e Renzo allora partì per un ospedale che lo curasse, per guarir”. Ben tre dei cinque ospedali che rifiutarono di prestargli soccorso sono citati nel testo di quella canzone. “La strada molto lunga s’andò al San Camillo e lì non lo vollero per l’orario. La strada tutta scura s’andò al San Giovanni e li non lo accettarono per lo sciopero”. Una coincidenza agghiacciante.

RINO GAETANO, COME È MORTO? LE TEORIE SULL’INCIDENTE

Per molti la morte di Rino Gaetano resta misteriosa, infatti è ancora oggetto di discussione. C’è ad esempio un libro, “Chi ha ucciso Rino Gaetano”, scritto da Bruno Mautone, il quale presentò anche una denuncia a fronte dei dubbi sull’incidente. È convinto che la morte non sia stata casuale e ha indagato sulle modalità del sinistro e sulle inefficienze dei soccorsi. «Nel libro illustro esplicitamente la identità di persone gravitanti attorno al cantautore e che risultano aver operato in ambienti diplomatici e nei Servizi segreti», dichiarò in un’intervista a Nuove Pagine. L’idea è che qualcuno possa aver pianificato la morte di Rino Gaetano perché “dava fastidio”. «Era depositario di informazioni riservatissime, sue fonti di cognizione erano suoi frequentatori a loro volta vicine ad ambienti politici che contano», aggiunse l’autore. In pochi comunque hanno affrontato la vicenda, che peraltro presenterebbe molte anomalie. A partire dall’interrogazione scritta di due senatori solo 48 ore dopo l’incidente. Mautone ha scoperto anche altro. «Un manager dell’artista, nonché caro amico, era in simbiosi con ambienti della politica di vertice (Andreotti), con personaggi della massoneria potentissima e con i Servizi segreti». Tante voci, molte indiscrezioni e una verità ancora lontana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA