Ripresa Premier League/ Al via gli allenamenti, ma Kantè non ci sta: troppa paura

- Michela Colombo

Ripresa Premier League: via libera agli allenamenti a gruppi ma Kantè non ci sta, troppa paura di venir contagiato. Esplode la protesta dei giocatori contro la ripartenza.

NGolo Kante Chelsea nera lapresse 2020 640x300
N'Golo Kante, centrocampista francese del Chelsea (Foto LaPresse)

E’ sempre caos per la ripresa della Premier league: a pochi giorni dal via libera per gli allenamenti collettivi (o meglio a piccoli gruppi) ecco che è sempre più forte il grido di protesta dei giocatori, affatto concordi a tornare in campo in tali condizioni, di non sufficienza sicurezza. La polemiche infuria a dir il vero da giorni, ma è stato solo domenica che la situazione è esplosa, quando in seguito a un ulteriore giro di test tra i club sono stati riscontrate sei nuove positività al coronavirus tra staff e giocatori della Premier league. Nello stesso giorno il capitano del Watford Deeney aveva annunciato di non volersi allenare per timore di portare il virus a casa, dove c’è suo figlio con problemi respiratori: una paura legittima e che pure è stata condivisa da molti altri giocatori. L’ultimo è il centrale del Chelsea Kantè, che ha chiesto e ottenuto dal club il permesso di non allenarsi in gruppo, proprio per timore di venir contagiato dal coronavirus. Come ci racconta il Daily Mail il francese è preoccupato per suo suo stato di salute e non si sente pronto a tornare in campo con altri compagni: il club ha accettato la sua posizione rispedendolo a casa.

RIPRESA PREMIER LEAGUE: IL CASO DI MARAPPA

Ma come detto prima, questi non sono certo casi isolati: i giocatori da settimane protestano contro questo precoce rientro in campo e sul protocollo di sicurezza stilato da federazione e club, che a loro dire non li metterebbe in condizione di tornare a giocare senza rischi. Solo ieri Danny Rose, giocatore del Newcastle aveva protestato sui social: “Sto morendo dalla voglia di tornare al calcio, ma vista la situazione non voglio lamentarmi. A parte il fatto che la gente continua a suggerire che dovremmo tornare giocare, come se fossimo cavie o topi da laboratorio. Sperimenteremo questa fase per vedere se funziona o meno. Immagino le persone dire: ‘Guadagnano così tanti soldi che dovrebbero tornare in campo”. E’ dunque parere comune che il protocollo stilato e le misure adottate finora siano insufficienti per garantire un rischio di contagio pari a zero: e il caso di Marappa lo testimonia bene. Il giocatore del Watford è infatti uscito allo scoperto dichiarando di essere uno dei sei nuovi positivi al coronavirus dei test effettuati in questi giorni, non riuscendo però a capacitarsi di come possa aver contratto il virus. “Non ho mai lasciato casa se non per qualche esercizio fisico e passeggiate con i bambini. Per mangiare abbiamo usufruito spesso del delivery e mia moglie è andata al supermercato pochissime volte. Oltretutto non ho avuto sintomi: senza il test non avrei mai pensato di averlo contratto” le parole del giocatore che si dice dunque molto spaventato per la facilità con cui questo virus si trasmette. Assieme a questa testimonianza pure l’indiscrezione che parecchi tamponi non hanno dato alcun esito certo, in mancanza di informazioni precise: i giocatori dunque dovranno sottoporsi nuovamente ai test il cui esito però potrebbe arrivare in ritardo. Insomma tra positività difficilmente spiegabili, caos tamponi, paura e rabbia, la ripresa della Premier league continua ad essere il bilico.







© RIPRODUZIONE RISERVATA