Rissa in strada con ascia e sciabola: un ferito grave/ Manduria, terzo uomo ricercato

- Emanuela Longo

Rissa in strada con ascia e sciabola a Manduria: un ferito grave, due arresti ed una terza persona ricercata. Attriti tra i tre soggetti mai sopiti

militare italiano
Immagine di repertorio (Pixabay, 2018)

Incredibile rissa, in quel di Manduria, in provincia di Taranto, dove due persone sono finite in manette ed una terza risulta attualmente ricercata dalle forze dell’ordine locali. Stando a quanto riferisce l’edizione online del Fatto Quotidiano, i tre personaggi protagonisti dell’assurda vicenda sarebbero stati coinvolti in una rissa con armi da taglio di grandi dimensioni tra le strade della cittadina pugliese. Secondo le ricostruzioni dei carabinieri di Manduria, oltre a mani nude lo scontro sarebbe avvenuto anche con un’ascia e una sciabola.

In seguito alla rissa uno degli arrestati, il 54enne Angelo Caniglia, pregiudicato del posto, sarebbe finito in ospedale per via delle gravi ferite riportate nel corso dello scontro. Attualmente si troverebbe presso il nosocomio Giannuzzì di Manduria. Anche un altro partecipante, il 28enne Iordan Ciprian Calugaru, avrebbe riportato ferite ma in questo caso decisamente meno gravi.

RISSA IN STRADA CON ASCIA E SCIABOLA: UN FERITO, DUE ARRESTI

La persona ricercata e che avrebbe preso parte alla rissa in strada con ascia e sciabola sarebbe un 51enne, concittadino degli altri due feriti e residente a Manduria e del quale si sarebbero perse le tracce. Sul posto sono intervenuti i carabinieri che hanno provveduto a bloccare prontamente i tre uomini, disarmandoli ed evitando conseguenze ancora più gravi. Nel frattempo l’uomo che ha riportato ferite più gravi è stato sottoposto ad un intervento chirurgico e le sue condizioni sarebbero molto gravi. Dopo l’accaduto sono state eseguite le doverose perquisizioni a bordo delle vetture dei tre uomini riscontrando ulteriori armi tra cui una seconda ascia, un coltello a serramanico, bastoni in legno ed altri coltelli di uso vietato. Il più giovane si trova attualmente ai domiciliari presso la sua abitazione mentre l’uomo ferito si trova in regime di domiciliari in ospedale. Da quanto appreso la rissa sarebbe stata la conseguenza di vecchi dissapori tra i tre soggetti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA