RISULTATI COPPA ITALIA/ Diretta gol live: tutto facile per la Juventus!

- Claudio Franceschini

Risultati Coppa Italia: diretta gol live score delle partite che si giocano per i quarti di finale. L’Atalanta elimina la Lazio vincendo per 3-2 a Bergamo, la Juventus ospita la Spal.

Juventus esultanza Coppa Italia lapresse 2021 640x300
Risultati Coppa Italia, quarti di finale (Foto LaPresse)

RISULTATI COPPA ITALIA: JUVENTUS A VALANGA

I risultati Coppa Italia non ci hanno regalato sorprese questa sera: l’avventura della Spal (ultima rappresentante della Serie B) è dunque finita ai quarti di finale all’Allianz Stadium, al cospetto dei padroni di casa della Juventus, che fin dal primo tempo hanno messo in discesa la contesa con il gol di Morata su calcio di rigore al 16′ minuto, seguito dalla rete di Frabotta al 33′ che di fatto per la Juventus è stato un sigillo sulla qualificazione per la semifinale, dove la Coppa Italia ci proporrà un meraviglioso derby d’Italia con l’Inter su andata e ritorno, visto che le semifinali sono l’unico turno della manifestazione a non prevedere da regolamento la sfida secca. Nel finale sono poi arrivati anche i gol di Kulusevski e Chiesa per il definitivo 4-0; tutto bene per la Juventus dunque, niente sorprese come quelle che nelle scorse settimane ad esempio hanno escluso dalle rispettive Coppe nazionali Bayern Monaco e Real Madrid contro avversarie di categorie inferiori. Ora, per completare il quadro dei risultati Coppa Italia dei quarti di finale manca solamente Napoli Spezia, che si giocherà domani sera nel capoluogo campano. (Aggiornamento di Mauro Mantegazza)

RISULTATI COPPA ITALIA: ATALANTA IN SEMIFINALE

Il primo dei risultati di Coppa Italia per le partite del mercoledì è quello di Bergamo: l’Atalanta batte ed elimina la Lazio volando in semifinale, dove incrocerà la vincente di Napoli Spezia che è in programma domani sera. Partita splendida quella del Gewiss Stadium, come già altre recenti tra queste due squadre: nel primo tempo Berat Djimsiti ha portato in vantaggio l’Atalanta ma Vedat Muriqi ha risposto dopo 10 minuti, poi la Lazio ha addirittura ribaltato il risultato con Francesco Acerbi ma, praticamente nell’azione seguente, è arrivato il pareggio della Dea firmato da Ruslan Malinovskyi. Nella ripresa si è iniziato con ritmi più bassi, ma sono bastati 8 minuti per incendiare nuovamente la contesa: l’Atalanta è rimasta in 10 uomini per l’espulsione diretta di José Luis Palomino. Avrebbero potuto approfittarne i biancocelesti, invece subito dopo Aleksey Miranchuk ha finalizzato un lancio di Cristian Romero riportando avanti gli orobici. Che hanno avuto l’occasione di chiuderla quando si sono visti fischiare un rigore a favore, ma Pepe Reina ha ipnotizzato Duvan Zapata e così la Lazio è rimasta in vita, fermata però in prossimità del 90’ dalla grande parata di Gollini sul colpo di testa di Acerbi. Dunque l’Atalanta raggiunge l’Inter in semifinale di Coppa Italia, tra poco sarà il turno della Juventus che affronta la Spal e vuole prendersi la rivincita contro i nerazzurri, dopo la sconfitta in campionato. (agg. di Claudio Franceschini)

COPPA ITALIA: COMINCIA ATALANTA LAZIO!

Con Atalanta Lazio si apre il mercoledì dedicato ai risultati di Coppa Italia per i quarti di finale. L’anno scorso questo era stato l’ultimo turno disputato prima del lockdown: tra le squadre presenti nel tabellone dell’attuale torneo, anche allora trovavamo Napoli, Lazio, Juventus, Milan e Inter. I partenopei avevano superato i biancocelesti con il gol di Lorenzo Insigne dopo un minuto; i bianconeri avevano avuto ragione della Roma con tre gol nel primo tempo, mentre il Milan ancora una volta aveva faticato tanto per piegare il Torino, pareggiando incredibilmente al 91’ con Hakan Calhanoglu e poi trovando la doppietta di Zlatan Ibrahimovic ai supplementari. L’Inter infine aveva piegato la Fiorentina, come accaduto due settimane fa; le ultime rappresentanti di Serie B, a differenza di questa edizione, erano uscite agli ottavi e si trattava del Perugia (oggi addirittura in Serie C) battuto dal Napoli con due rigori di Insigne, e la Cremonese che aveva incassato un poker dalla Lazio. Adesso siamo finalmente pronti a vedere quello che succederà nelle due partite di oggi, e dunque quali altre squadre riusciranno a qualificarsi per le semifinali: mettiamoci comodi e lasciamo che a parlare sia il Gewiss Stadium di Bergamo, per i risultati di Coppa Italia si torna a giocare! (agg. di Claudio Franceschini)

COPPA ITALIA: LA SORPRESA

Ovviamente la grande sorpresa nei risultati di Coppa Italia attesi per oggi è la Spal: gli estensi arrivano ai quarti di finale dalla Serie B e rappresentano dunque un altro club “minore” che si fa strada nel torneo. Nel 2016 avevamo avuto lo straordinario caso dell’Alessandria, formazione di Serie C che era arrivata a disputare la semifinale contro il Milan; il riferimento resta però, nell’immaginario collettivo, l’Ancona che nel 1994 raggiunse la finale. L’avrebbe persa nettamente contro la Sampdoria; tuttavia i marchigiani, che erano retrocessi l’anno prima, erano una squadra da metà classifica in Serie B (avrebbero chiuso all’ottavo posto) ma lungo il percorso avevano fatto fuori Napoli (impegnato nella difficile ricostruzione post-Maradona) e poi avevano sfruttato i sorteggi fortunati per sbarazzarsi di Avellino e Venezia (anche ottavi e quarti si giocavano in andata e ritorno) per poi far fuori il Torino, che non era certo quello che oggi annaspa in zona retrocessione. Al Del Conero l’Ancona di Vincenzo Guerini aveva anche imposto lo 0-0 alla Sampdoria, che a Marassi aveva stravinto per 6-1 portando a casa la Coppa Italia; dopo un’ultima apparizione in Serie A nel 2004, con record non esattamente positivi, l’Ancona è fallito, ha giocato in Lega Pro ma nel 2017 è dovuto ripartire dalla Prima Categoria. Oggi è in Eccellenza, e sta faticando: la ritroveremo prima o poi ai piani più alti? (agg. di Claudio Franceschini)

IL TREND

Come abbiamo anticipato, i risultati di Coppa Italia che riguardano i quarti di finale mettono a confronto squadre che negli ultimi anni sono riuscite ad arrivare spesso e volentieri in fondo al torneo. Comanda ovviamente la Juventus, capace di fare il record con quattro successi consecutivi e, tra il 2015 e lo scorso giugno, disputare un totale di 5 finali. L’ultima l’ha persa contro il Napoli, che sarà in campo domani e che aveva già vinto il trofeo nel 2012 (proprio contro la Juventus) e ancora contro la Fiorentina, due anni più tardi. La Lazio dal canto suo non può lamentarsi: l’ultimo atto di Coppa Italia l’ha centrato ad anni alterni nel 2013, 2015, 2017 e 2019 (ha vinto la prima e l’ultima partita) e questa dunque sarebbe statisticamente la sua stagione. Nel già citato 2019 in finale ci è arrivata l’Atalanta, mentre dando uno sguardo al derby di ieri notiamo le due finali giocate dal Milan nel 2016 e 2018 – entrambe perse – e quella dell’Inter nel 2011. Dunque, nel decennio appena concluso, su 10 finali e 20 posti “disponibili” 6 sono stati della Juventus, 4 della Lazio, 3 del Napoli, 2 del Milan e uno a testa di Inter e Atalanta: un dominio che ha lasciato margine solo a Palermo (2011), Roma (2013) e Fiorentina (2014), nelle ultime sei edizioni in finale sono arrivate sempre due squadre qualificate ai quarti del torneo in corso. (agg. di Claudio Franceschini)

RISULTATI CO2PA ITALIA: PROSEGUONO I QUARTI DI FINALE

I risultati di Coppa Italia per i quarti di finale riguardano le due partite che si giocano mercoledì 27 gennaio, due delle quattro in programma: ieri abbiamo già vissuto il grande derby Inter Milan, domani il turno si chiuderà con Napoli Spezia mentre oggi alle ore 17:45 ci sarà Atalanta Lazio, seguita alle ore 20:45 da Juventus Spal. Siamo ancora in regime di gara secca, ormai lo sappiamo: negli ultimi anni la formula è cambiata in qualche aspetto (per esempio il sorteggio per definire il fattore campo, laddove prima esisteva un seeding) ma non in questo, dunque l’unico turno che verrà disputato in andata e ritorno sarà la semifinale.

Questo ovviamente aumenta le possibilità di sorprese, come del resto abbiamo già visto: lo Spezia che ha fatto fuori la Roma allo stadio Olimpico (ed era già successo in epoca recente), la Spal che dalla Serie B è arrivata nelle prime otto della competizione, ma anche la Juventus che ha rischiato di arrivare ai rigori, e magari perdere, contro il Genoa. Per questo motivo, e visto che ormai stiamo arrivando in fondo, sarà ancora più interessante valutare quello che succederà per i risultati di Coppa Italia; intanto possiamo fare una rapida valutazione circa le due partite che ci attendono oggi.

RISULTATI COPPA ITALIA: SITUAZIONE E CONTESTO

Per i risultati di Coppa Italia troviamo in campo oggi, ma possiamo già estendere il quadro a domani, tre delle quattro finaliste delle ultime due edizioni: da questo punto di vista il tabellone del torneo non è cambiato più di tanto nelle società che sono riuscite ad arrivare in fondo. Ne parleremo, intanto possiamo dire che a Bergamo si gioca appunto la riedizione della finale del 2019 (dove la Lazio aveva battuto l’Atalanta) e una partita sulla carta splendida, perché gli scontri tra Gian Piero Gasperini e Simone Inzaghi hanno quasi sempre regalato tanti gol e spettacolo. Sulla carta, la Juventus parte nettamente favorita nei confronti della Spal che ha fatto il colpo sul campo del Sassuolo: i bianconeri però stanno ancora cercando la giusta continuità e la sensazione è che nel processo la Coppa Italia possa essere considerata “sacrificabile”. Ad ogni modo stiamo parlando della potenza dominante negli ultimi 9 anni contro un’avversaria che attualmente gioca in Serie B: la differenza è netta, a differenza del match al Gewiss Stadium dove invece Atalanta e Lazio partono sostanzialmente alla pari. Vedremo, intanto possiamo ricordare che il Napoli attende proprio la vincitrice di questa partita.

RISULTATI COPPA ITALIA: QUARTI DI FINALE

Atalanta Lazio 3-2 – 7′ Djimsiti (A), 17′ Muriqi (L), 34′ Acerbi (L), 37′ Malinovskyi (A), 57′ Al. Miranchuk (A). Note: 53′ esp. Palomino (A), 66′ D. Zapata (A) sbaglia rigore (parato)

Juventus Spal 4-0 – 16′ rig. Morata (J), 33′ Frabotta (J), 78′ Kulusevski (J), 94′ Chiesa (J)

© RIPRODUZIONE RISERVATA