Risultati Serie A, classifica/ La Juventus non decolla: amaro pareggio a Crotone

- Claudio Franceschini

Risultati Serie A, classifica: si sono giocati gli anticipi della 4^ giornata. Il Milan vince il derby, il Napoli schianta l’Atalanta, la Juventus pareggia a Crotone con Chiesa espulso.

Stefano Pioli Milan derby lapresse 2020 640x300
Probabili formazioni Celtic Milan - Stefano Pioli (Foto LaPresse)

RISULTATI SERIE A: LA JUVENTUS PAREGGIA A CROTONE

La Juventus frena a Crotone: per i risultati di Serie A sono terminati gli anticipi della 4^ giornata e i bianconeri non vanno oltre un pareggio allo Scida, con gli squali che ottengono il primo punto nella classifica di questo campionato, proprio contro la squadra che ha lo scudetto sul petto. Al rigore di Simy risponde quasi subito Alvaro Morata, che timbra il primo gol da quando è tornato a vestire la maglia bianconera; assist al debutto per Federico Chiesa, ma poi l’ex Fiorentina si fa espellere all’ora di gioco e la Juventus deve giocare ancora con l’uomo in meno come già successo a Roma. Morata segna ancora su pregevole iniziativa di Cuadrado; il Var impiega quasi quattro minuti per decretare un fuorigioco che alla fine risulta essere per il solo tacco dell’attaccante spagnolo. Il pareggio scontenta Andrea Pirlo, la cui Juventus non decolla; bene il Crotone che si prende un punto utile per la salvezza, adesso per i bianconeri arriva la Champions League e bisognerà fornire tante risposte, perché vanno bene le assenze – anche questa sera Dybala non ha giocato – ma certamente questa squadra non può permettersi di faticare, con tutto il rispetto per i calabresi che hanno disputato la loro onesta partita, sul campo di una neopromossa. (agg. di Claudio Franceschini)

RISULTATI SERIE A: IL MILAN VINCE IL DERBY!

Nei risultati di Serie A vola il Milan: i rossoneri vincono il derby e sono sempre a punteggio pieno, rivelandosi la grande sorpresa della stagione. Continua il grande lavoro di Stefano Pioli, che ha uno straordinario Zlatan Ibrahimovic: Handanovic gli para il rigore ma lui ribatte in rete, subito dopo timbra la doppietta personale. Due partite, 4 gol: il rendimento dello svedese è quello dei giorni migliori, l’Inter non affonda anzi la riapre subito con Romelu Lukaku sognando la rimonta come l’anno scorso, ma questa volta gli uomini di Antonio Conte devono lasciare la posta piena ai cugini. Che sono a 12 punti in classifica e staccano dunque Atalanta e Napoli, mentre l’Inter ha lasciato per strada 5 punti contro rivali dirette ed esce ridimensionata da questo ottobre, anche se chiaramente siamo solo all’inizio. Nell’altra partita la Sampdoria schianta una Lazio che fino a qui è lontana parente di quella ammirata nell’ultimo campionato di Serie A: Quagliarella, Augello e Damsgaard sanciscono la seconda vittoria consecutiva per i blucerchiati, i biancocelesti adesso devono rimboccarsi le maniche perché martedì c’è la Champions League. Intanto, la Juventus sta per giocare allo Scida contro il Crotone per trovare il passo delle migliori, ma in ogni caso non sarà prima in classifica al termine della 4^ giornata. (agg. di Claudio Franceschini)

RISULTATI SERIE A: NAPOLI STRAORDINARIO!

Il primo dei risultati di Serie A per gli anticipi del sabato fa registrare il trionfo del Napoli: i partenopei giocano un primo tempo mostruoso e salgono a quota 8 punti in classifica, rispondendo subito allo 0-3 a tavolino. Schiantata per 4-1 l’Atalanta, che fino a questo momento aveva volato: la Dea arriva a 9 gol incassati lasciando intendere di poter essere una contendente per lo scudetto solo quando riuscirà a sistemare la sua fase difensiva. Oggi però è stato il Napoli ad essere superlativo: alla mezz’ora il risultato era già di 3-0 grazie alla doppietta del rinato Hirving Lozano, capocannoniere della Serie A insieme ad Alejandro Gomez, e al sigillo di Matteo Politano che hanno preceduto il primo gol italiano di Victor Osimhen. Male l’Atalanta, malissimo: gli orobici avrebbero potuto subire anche più reti nel corso della prima frazione, hanno avuto un sussulto d’orgoglio con Sam Lammers entrato dalla panchina ma era troppo tardi, i partenopei hanno controllato la situazione portando a casa i 3 punti e arrivando a -1 dalla Dea e dal Milan, con i rossoneri che potrebbero prendersi il primo posto solitario nella classifica di Serie A e, vincendo il derby contro l’Inter, andando anche in fuga. Adesso dunque avremo la stracittadina di Milano, ma anche Sampdoria Lazio: sono le due partite che prenderanno il via alle ore 18:00 per i risultati di Serie A che compongono il quadro della 4^ giornata. (agg. di Claudio Franceschini)

RISULTATI SERIE A: SI GIOCA AL SAN PAOLO!

Finalmente prendono il via le partite per i risultati di Serie A legati agli anticipi della 4^ giornata: in particolare si gioca al San Paolo, dove il Napoli frustrato dal ko a tavolino contro la Juventus sfida un’Atalanta che sta letteralmente volando. La Dea ormai non stupisce più nessuno, eppure ogni volta non si può fare a meno di parlarne come di una squadra rivelazione: pure, dal 2017 a oggi non è mai arrivata più sotto del settimo posto, sta per iniziare la sua seconda esperienza consecutiva in Champions League e si è già persa un quarto e un terzo posto che hanno rappresentato ogni volta un record. Di Gian Piero Gasperini abbiamo detto tanto, così come di una realtà nella quale tanti giocatori hanno trovato il giusto ambiente nel quale esplodere; ecco, se proprio volessimo trovare un ago nel pagliaio potremmo dire che questa isola felice potrebbe essere molto simile ad alcune già viste altrove (dal Dortmund di Jurgen Klopp all’Athletic Bilbao di Marcelo Bielsa passando per certe versioni dell’Ajax e sì, anche del Barcellona) e che certi elementi della rosa di Gasperini vadano poi valutati in altri ambiti, perché non tutti (Gomez e Muriel, soprattutto, insegnano) pur facendo bene non erano questi. Tuttavia, il Gasp si ripete da quattro anni e dunque diamogli il giustissimo ed enorme credito: finalmente per i risultati di Serie A si torna a giocare! (agg. di Claudio Franceschini)

RISULTATI SERIE A: IL DERBY PERSONALE DI RANIERI

Se nei risultati di Serie A per gli anticipi della 4^ giornata c’è un derby vero e concreto, a Marassi ne gioca uno personale Claudio Ranieri: lo abbiamo ripetuto più volte, l’attuale allenatore della Sampdoria è romano e romanista doc, per due volte si è seduto sulla panchina giallorossa e per lui le sfide alla Lazio non saranno mai banali. Ancora di più se nel primo percorso romanista, quello durato dal 2009 al 2011, ha vinto tre derby su tre in Serie A: il primo con gol di Marco Cassetti e il secondo con i rigori di Marco Borriello e Mirko Vucinic, ma quello che tutti hanno negli occhi è quello del 18 aprile 2010. La Roma era già prima in classifica, avendo battuto l’Inter: alla quintultima giornata la Lazio passava in vantaggio con Tommaso Rocchi e rischiava di compromettere la rincorsa. All’intervallo Ranieri stupiva tutti: fuori contemporaneamente Totti e De Rossi, giudicati troppo “emotivamente coinvolti” per ribaltare una partita simile. Dal possibile suicidio mediatico, il tecnico era passato alla gloria eterna: doppietta di Vucinic in 10 minuti, vittoria e primato confermato. Peccato che una settimana più tardi Giampaolo Pazzini avrebbe spento i sogni di scudetto della Roma, ma quel derby rimane giustamente nella storia e oggi Ranieri ritrova davanti a sé la Lazio, sperando di cogliere un’altra vittoria che sarebbe altrettanto importante anche se in un contesto del tutto differente. (agg. di Claudio Franceschini)

RISULTATI SERIE A: STEFANO PIOLI L’EX DEL DERBY

Per i risultati di Serie A che sono legati agli anticipi della 4^ giornata, spicca naturalmente la figura di Stefano Pioli: il tecnico parmense è uno dei giocatori o allenatori (non sono pochi a dire il vero) ad aver affrontato il derby della Madonnina da entrambe le sponde del Naviglio. Curiosamente il suo esordio sulla panchina dell’Inter era avvenuto proprio nel derby, e dopo una sosta per le nazionali come oggi: gli aveva detto benissimo perché Ivan Perisic aveva pareggiato sul 2-2 al 92’, ma al ritorno Cristian Zapata lo aveva ripagato con la stessa moneta (al 97’), aggiungendoci la beffa di essere stato in vantaggio per 2-0 fino al minuto 83. Zlatan Ibrahimovic di derby contro il Milan ne ha giocati sei in Serie A: se con la maglia rossonera ha lasciato per strada uno scudetto – i nerazzurri si erano imposti 4-2 con tripletta di Diego Milito, il suo sostituto quando aveva firmato per il Barcellona – con la Beneamata lo svedese ha vinto quattro derby su sei – i due vinti dai rossoneri – ma dopo due gol nelle prime due partite non è più riuscito a ripetersi. Lo farà oggi pomeriggio, spingendo sempre più in alto il sorprendente Milan di quest’anno? (agg. di Claudio Franceschini)

IN CAMPO LE BIG, ATTESA PER IL DERBY INTER-MILAN

Tornano le partite per i risultati di Serie A: archiviata la sosta per le nazionali e assistito ad amichevoli e match di Nations League, il massimo campionato di calcio vive nel fine settimana la sua quarta giornata, che avrà ben quattro anticipi il sabato. Ci lanciamo verso l’esordio delle coppe europee, dunque le squadre che sono impegnate in Champions League anticipano come di consueto: si parte alle ore 15:00 con Napoli Atalanta, poi alle ore 18:00 vivremo il grande spettacolo del derby Inter Milan ma in contemporanea si giocherà anche Sampdoria Lazio, mentre la chiusura – in attesa delle partite della domenica e del Monday Night – sarà alle ore 20:45 con Crotone Juventus. Grande interesse nello scoprire come cambierà la classifica di Serie A dopo queste partite, anche se siamo solo all’inizio del torneo ed è presto per fare valutazioni di un certo tenore questi risultati di Serie A contribuiranno già a darci indicazioni importanti, e allora tuffiamoci in questa atmosfera.

RISULTATI SERIE A: IL CONTESTO

Naturalmente tra i risultati di Serie A attesi per gli anticipi del sabato spicca Inter Milan, il derby della Madonnina: rossoneri a caccia di riscatto dopo aver perso i due dell’ultimo campionato, oggi hanno 2 punti in più in classifica avendo sempre vinto e senza aver incassato gol. I frutti del lavoro di Stefano Pioli stanno iniziando a vedersi, ma chiaramente i nerazzurri non sono da meno e con la conferma travagliata di Antonio Conte puntano con decisione a quello scudetto che l’anno scorso hanno sfiorato per punti ottenuti ma che, sul campo e concretamente, non si sono davvero giocati. La Juventus, campione d’Italia in carica, è già chiamata a fornire adeguate risposte sul campo del Crotone, ma lo farà senza Cristiano Ronaldo che è tra i tanti positivi al Coronavirus: il portoghese ha segnato 3 dei 5 gol bianconeri e sarà senza di lui che Andrea Pirlo dovrà dimostrare di aver trovato la quadratura del cerchio. Abbiamo poi l’Atalanta, altra capolista e già impressionante per lo stato di forma e la produzione offensiva: 13 gol in tre partite per la Dea, ma ce ne sono anche 5 subiti e oggi si va a giocare sul campo del Napoli, una avversaria più che credibile che spera di inserirsi nella corsa allo scudetto ma ha ricevuto la mazzata dello 0-3 a tavolino per non essersi presentata a Torino. Dove vuole entrare anche la Lazio, poco modificata rispetto alla passata stagione ma già ben amalgamata sotto la guida del recordman di presenze Simone Inzaghi, forse la migliore garanzia per questo gruppo.

RISULTATI SERIE A: ANTICIPI 4^ GIORNATA

RISULTATO FINALE Napoli Atalanta 4-1 – 23′ Lozano (N), 27′ Lozano (N), 30′ Politano (N), 43′ Osimhen (N), 69′ Lammers (A)

RISULTATO FINALE Inter Milan 1-2 – 12′ Ibrahimovic (M), 16′ Ibrahimovic (M), 29′ R. Lukaku (I). Note: 12′ Ibrahimovic (M) sbaglia rigore (parato)

RISULTATO FINALE Sampdoria Lazio 3-0 – 33′ Quagliarella, 41′ Augello, 74′ Damsgaard

RISULTATO FINALE Crotone Juventus 1-1 – 12′ rig. Simy (C), 21′ Morata (J). Note: 60′ esp. F. Chiesa (J)

CLASSIFICA SERIE A

Milan 12

Atalanta 9

Napoli (-1), Juventus 8

Sassuolo, Inter 7

Verona, Benevento, Sampdoria 6

Lazio, Roma 4

Genoa*, Bologna, Fiorentina, Spezia, Parma 3

Cagliari, Crotone 1

Torino*, Udinese 0

* una partita in meno

© RIPRODUZIONE RISERVATA