Risultati Serie A live 7^ giornata/ Follie a San Siro: Milan imbattuto e salvo al 93′

- Claudio Franceschini

Risultati Serie A live 7^ giornata: il Milan va sotto di due gol, sbaglia un rigore, viene respinto dal Var al 90′ ma riprende il Verona nel recupero, rimanendo in testa alla classifica.

Crotone Napoli
Video Napoli Sampdoria (Foto repertorio LaPresse)

RISULTATI SERIE A: IL MILAN RESTA IMBATTUTO!

Clamoroso finale a San Siro, nell’ultimo dei risultati di Serie A per la 7^ giornata: il Milan resta imbattuto grazie al 2-2 contro il Verona, che ancora una volta si conferma grande sorpresa e continua la sua ascesa verso l’Europa. Una partita in cui è successo di tutto: avvio scoppiettante e due gol dell’Hellas che con Antonin Barak e un’autorete di Davide Calabria vola, ma poi è Mattia Zaccagni a infilare la sua porta e si riapre tutto. Il Milan conferma comunque di aver subito la botta di Europa League, concedendo altre due reti in casa; nella ripresa però Lovato commette fallo su Kessie e manda Zlatan Ibrahimovic sul dischetto ma, come già successo contro la Roma, lo svedese sbaglia il rigore e questa volta non ha nemmeno il tap-in a disposizione, perché il pallone finisce in curva. Sembra che la prima sconfitta in Serie A per i rossoneri sia vicina, e invece al 90’ Davide Calabria si inventa un grande gol; attimi di gioia subito ricacciati indietro, perché l’arbitro dopo consulto con il Var annulla per un fallo di mano di Ibrahimovic. Il Verona si prepara a festeggiare la vittoria e il terzo posto nella classifica di Serie A, ma deve incassare una doccia ghiacciata: il Milan torna dall’altra parte e trova il clamoroso gol di Ibrahimovic, che va ancora a segno (ottava rete in campionato) e conferma i rossoneri in testa al campionato, con 3 punti di vantaggio su Roma e Napoli alla sosta per le nazionali. (agg. di Claudio Franceschini)

NAPOLI CORSARO A BOLOGNA

E’ arrivato il momento di Milan Verona, la partita che chiude la settima giornata e dunque i risultati di Serie A per questo fine settimana: i rossoneri riusciranno ad allungare sulla concorrenza prima della sosta per le nazionali? Il compito di fermare il Diavolo, che tre giorni fa a San Siro ha incassato la prima sconfitta stagionale – e da marzo – spetta all’Hellas, che ha la difesa migliore del campionato: tifano gialloblu tutte le inseguitrici in classifica, ma nessuna di loro ha fatto il suo dovere perché Sassuolo, Juventus, Atalanta e Inter – e ci mettiamo anche la Lazio – hanno pareggiato. A vincere è stata solo la Roma, che si è portata a -2 dai rossoneri e più delle altre spera in un passo falso della banda di Stefano Pioli; così il Napoli, che dopo aver perso in casa contro il Sassuolo torna a marciare grazie alla vittoria di Bologna. Decide la rete di Victor Osimhen nel primo tempo; l’ex Lille trafigge il portiere avversario e così anche i partenopei si prendono la seconda posizione nella classifica di Serie A, mentre il Bologna non dà continuità alla bella vittoria contro il Cagliari e deve nuovamente preoccuparsi della sua situazione, detto che una sconfitta contro gli azzurri era comunque da tenere in conto, a prescindere da tutto. Adesso però torniamo a far parlare il campo, perché finalmente a San Siro è tutto pronto e per i risultati di Serie A si torna a giocare! (agg. di Claudio Franceschini)

ROMA AL TERZO POSTO

I risultati di Serie A per la domenica pomeriggio ci regalano una Roma che fa un bel passo avanti in classifica, sorpassando la Juventus e prendendosi il terzo posto: è una straordinaria tripletta di Henrik Mkhitaryan a lanciare i giallorossi a Marassi, battendo il Genoa che aveva trovato il temporaneo pareggio con Marko Pjaca. Genoa che è pericolosamente vicino alla zona calda della classifica, dove ci sono anche Torino e Crotone ; i granata non sono riusciti a dare seguito alla vittoria del Ferraris scontrandosi con un Crotone che ottiene il secondo punto nella classifica di Serie A, un flop per Marco Giampaolo che a questo punto rischia già la panchina. Nel finale espulso Luperto, gli squali hanno chiuso in 10 uomini ma sono comunque riusciti a confermare il pareggio, che se non altro dà fiducia appena prima della sosta. A Bergamo invece l’Inter ha sognato il colpo grosso quando, appena prima del quarto d’ora della ripresa, ha trovato il gol con Lautaro Martinez; tuttavia è poi arrivata la prima rete in Serie A di Aleksey Miranchuk, che ha sfruttato la grande accelerazione di un Muriel ancora una volta entrato in campo dalla panchina, ma decisivo nel fornire l’assist al russo. Dunque entrambe le squadre mancano l’esame di maturità, così potremmo dire; uno importante ce l’ha ora il Napoli che sta per scendere in campo al Dall’Ara, da vedere se i partenopei riusciranno a riscattare la sconfitta interna contro il Sassuolo tornando a fare punti in questo campionato di Serie A. (agg. di Claudio Franceschini)

CLAMOROSA BEFFA PER LA JUVENTUS

Stiamo per addentrarci nel vivo di questa domenica pomeriggio dedicata ai risultati della Serie A: solo tra pochi minuti infatti daremo il via ad altri tre incontri per la nona giornata, ma prima dobbiamo senza dubbio celebrare l’incredibile pareggio occorso solo nei pochi minuti di recupero concesso nel finale tra Lazio e Juventus, arrivato all’Olimpico. La formazione di Andrea Pirlo, grazie al gol arrivato dopo appena i primi 15 minuti di gioco a firma di Cristiano Ronaldo (poi costretto a lasciare il campo per un probabile infortunio) era pronta a festeggiare un’importante vittoria, ma al 90+5’ con una vera magia Caicedo ha risparmiato il KO ad Inzaghi. Un pareggio dunque veramente arrivato in extremis, che guasta la festa della vecchia Signora, che dunque dovrà rimandare a dopo la sosta il suo attacco alla vetta della classifica di Serie A. Ma ora non perdiamo altro tempo e diamo la parola al campo per questo settimo turno del primo campionato nazionale: a minuti infatti avranno inizio le sfide tra Torino e Crotone come Genoa-Roma e il big match tra Atalanta e Inter. Si torna a giocare! (Agg Michela Colombo)

INIZIA LAZIO JUVENTUS!

Con Lazio Juventus inizia finalmente la 7^ giornata per i risultati di Serie A. Una partita che l’anno scorso era stata un incubo per i bianconeri: in entrambi i casi, campionato e Supercoppa, avevano perso 3-1 quando avevano fatto visita ai biancocelesti, con un andamento sinistramente simile anche nella scansione dei gol e nell’inferiorità numerica con cui si erano chiuse le gare. Se non altro, al ritorno di Serie A la Juventus si era vendicata prendendosi una vittoria fondamentale: già in affanno nel post-lockdown, aveva battuto la Lazio impedendole di tornare in corsa per lo scudetto e allo stesso tempo tenendo a distanza l’Inter e un’Atalanta minacciosissima. Adesso il contesto è chiaramente diverso anche perché siamo solo all’inizio della stagione, ma Andrea Pirlo sa che la sua squadra deve battere finalmente un primo colpo di spessore contro una squadra di livello, battere la Lazio in trasferta significherebbe anche mandarla a -5 mentre in caso contrario sarebbe sorpasso in classifica. Non resta quindi che metterci comodi, lasciare che a parlare sia il campo e stare a vedere come andranno le cose: finalmente per i risultati di Serie A si torna a giocare! (agg. di Claudio Franceschini)

I PROBLEMI DIFENSIVI DELL’ATALANTA

Nell’analisi dei risultati di Serie A per la 7^ giornata, un approfondimento lo merita sicuramente la situazione dell’Atalanta. La Dea tutto sommato sta facendo bene, o secondo le previsioni: entra nel turno con 12 punti e il terzo posto in classifica, a -4 dal Milan e dunque in piena corsa per lo scudetto che, anche se non viene nominato nell’ambiente, è chiaramente una possibilità concreta. Il problema per Gian Piero Gasperini è che il suo micidiale attacco viaggia quest’anno a pari passo con una difesa più distratta del solito: i problemi nel reparto arretrato la Dea li ha sempre avuti, sono insiti nel suo modo di giocare scommettendo costantemente sui duelli uno contro uno. Tuttavia, i gol incassati sono già 20 nelle due competizioni giocate: il totale è di 9 partite, la media di 2,2 è troppo alta per pensare davvero di andare a prendersi la gloria. Influisce certamente la manita incassata dal Liverpool, ma in nove uscite l’Atalanta ha tenuto inviolata la porta solo contro il Midtjylland e ha preso due gol da Torino e Cagliari in partite pur vinte; Gasperini dovrà lavorare innanzitutto su questo se davvero vuole mantenere il livello degli anni scorsi. (agg. di Claudio Franceschini)

SI INIZIA CON LAZIO JUVENTUS

I risultati di Serie A per la 7^ giornata, per quanto riguarda le partite di domenica 8 novembre, si aprono con il botto per poi proseguire ancora meglio: inevitabile dire così perché Lazio Juventus è il lunch match delle ore 12:30, mentre già alle ore 15:00 vivremo un altro big match in Atalanta Inter che sarà accompagnato da Genoa Roma e Torino Crotone. Avremo poi due posticipi, che questa volta chiuderanno un turno che non prevede il Monday Night: alle ore 18:00 saremo al Dall’Ara per Bologna Napoli, alle ore 20:45 invece si giocherà Milan Verona. Quale sarà l’esito di questi risultati e, soprattutto, come cambierà la classifica di Serie A lo scopriremo strada facendo; adesso possiamo cominciare brevemente a valutare quali possano essere i temi principali di queste partite che ci terranno compagnia nella lunga domenica che sta per iniziare.

RISULTATI SERIE A: LA SITUAZIONE

Analizzando lo spettro dei risultati di Serie A non possiamo che partire dal Milan: imbattuto e capolista con un solo stop – a San Siro contro la Roma – il Diavolo sta davvero iniziando a sognare in grande. Una squadra giovane con un paio di veterani, su tutti quell’Ibrahimovic che potrebbe anche vincere la classifica marcatori per la terza volta: Stefano Pioli ha dimostrato di meritare in pieno la fiducia che la società gli ha dato, sa che la strada è lunga ma per il momento si gode quello che nel post-lockdown è stato un vantaggio, ovvero giocare i preliminari di Europa League e potendo dunque testare la squadra in vista dei primi impegni di campionato. Alle spalle dei rossoneri ci sono poi le altre big, capitanate innanzitutto da Juventus e Atalanta: anche i bianconeri non hanno mai perso ma hanno anche pareggiato tre volte, risultati sorprendenti in negativo contro Crotone e Verona e un amalgama ancora da trovare, pur se Andrea Pirlo sta dando la sensazione di poter invertire la rotta abbastanza rapidamente. Peccato che oggi vada nell’Olimpico biancoceleste, dove l’anno scorso la Juventus ha perso due volte: una era la Supercoppa Italiana, trofeo lasciato per strada da Maurizio Sarri. Tra poco comunque per i risultati di Serie A si comincia a giocare, quindi iniziamo ad accomodarci…

RISULTATI SERIE A E CLASSIFICA: 7^ GIORNATA

RISULTATO FINALE Lazio Juventus 1-1 – 15′ Cristiano Ronaldo (J), 94′ Caicedo (L)

RISULTATO FINALE Atalanta Inter 1-1 – 58′ L. Martinez (I), 79′ Al. Miranchuk (A)

RISULTATO FINALE Genoa Roma 1-3 – 45’+2′ Mkhitaryan (R), 50′ Pjaca (G), 67′ Mkhitaryan (R), 85′ Mkhitaryan (R)

RISULTATO FINALE Torino Crotone 0-0. Note: 88′ esp. Luperto (C)

RISULTATO FINALE Bologna Napoli 0-1 – 23′ Osimhen

RISULTATO FINALE Milan Verona 2-2 – 6′ Barak (V), 19′ aut. Calabria (V), 27′ aut. Magnani (M), 90′ Calabria (M). Note: 66′ Ibrahimovic (M) sbaglia rigore (alto)

 

CLASSIFICA SERIE A

Milan 17

Sassuolo 15

Napoli (-1), Roma 14

Juventus, Atalanta 13

Inter, Verona 12

Lazio 11

Cagliari, Sampdoria 10

Spezia, Fiorentina 8

Parma, Bologna, Benevento 6

Torino, Genoa 5

Udinese 4

Crotone 1

© RIPRODUZIONE RISERVATA