Rita Pavone e Teddy Reno/ “Il matrimonio è stato carino, ma mio padre non c’era”

- Silvana Palazzo

Rita Pavone a “Da noi… A ruota libera” parla dell’amore per Teddy Reno: “Io illibata, lui ha aspettato… E quando dissi a Patty Pravo che ci sposavamo lei rispose…”

rita pavone a ruota libera
Rita Pavone a Da noi... A ruota libera

Rita Pavone è stata ospite di “Da noi…A ruota libera”, il talk condotto da Francesca Fialdini su Rai1. La cantante di “Cuore” e “Il ballo del mattone” si è confessata a cuore aperto rivelando alcuni aneddoti sulla sua storia d’amore con Teddy Rena. La coppia, tra le più longeve del mondo dello spettacolo, ha raccontato alla Fialdini: “Io e Teddy abbiamo tenuto la storia segreta”. Una scelta legata anche al fatto che Teddy era già impegnato con un’altra donna. Poi la coppia ha deciso di sposarsi, ma la cantante è arrivata illibata, una decisione che il produttore discografico ha rispettato. La Pavone, parlando sempre della storia con Teddy Reno, ha detto: “mio padre non ne sapeva nulla, invece mia madre aveva capito e noi abbiamo tenuto tutto nascosto fino a quando lui non ha ricevuto il divorzio messicano. Poi lui lo ha ottenuto e ci siamo sposati in Svizzera nel ’68″. Il giorno delle nozze è ancora ben impresso nella mente della cantante:”é stato un matrimonio molto carino. Vennero mia madre e mio fratello” – ma grande assente il papà come ha raccontato la Pavone: -” mio padre no, perché non voleva assolutamente. Mi diceva ‘ti accorgerai che stai facendo uno sbaglio enorme’ ed ha lottato fino alla fine. Ad accompagnarmi all’altare è stato mio zio”. (aggiornamento di Emanuele Ambrosio)

“L’amore della mia vita. Io illibata, lui ha aspettato…”

Rita Pavone si è soffermata a “Da noi… A ruota libera” sulla storia d’amore con Teddy Reno e il clamore che suscitò quando uscirono allo scoperto a causa della loro differenza d’età. «Abbiamo tenuto segreta la storia. Sono arrivata illibata all’altare, e lo dico perché mia madre ci teneva molto. Io ho apprezzato anche il fatto che lui abbia aspettato». Da Francesca Fialdini l’artista ha spiegato che suo padre non sapeva nulla, mentre sua madre aveva capito tutto. «Abbiamo aspettato il divorzio in Messico, quindi potevamo sposarci. Ci siamo sposati in Svizzera ed è stato un matrimonio molto carino. Poi ci siamo sposati anche civilmente». Rita Pavone non ha avuto alcun dubbio sull’amore per Teddy Reno. «Sapevo che era l’uomo della mia vita. Se avessi perso quel treno, avrei perso la mia vita. Abbiamo lottato e siamo sposati da 51 anni. E siamo ancora una coppia che si capisce». Alla fine suo padre ha poi fatto un passo indietro. «Mio padre dopo tanti anni, forse avevamo già avuto il secondo figlio, venne a trovarci e mi disse che forse aveva sbagliato alla grande con me», ha concluso Rita Pavone. (agg. di Silvana Palazzo)

RITA PAVONE A “DA NOI… A RUOTA LIBERA”

Rita Pavone a “Da noi… A ruota libera”, il programma condotto da Francesca Fialdini. «Un monumento», così l’ha definita la conduttrice accogliendola in studio. «È come tornare a casa mia», dice la cantante, pronta a raccontare la sua storia e il suo grande amore per Teddy Reno. Si comincia con il racconto dell’amica Lorena che racconta l’infanzia di Rita Pavone. «Quando ci vediamo e la sento cantare è sempre un’emozione. Fa parte della mia vita e della mia storia. Ha saputo mantenere la nostra amicizia pur essendo molto importante», dice l’amica facendo commuovere l’artista. Ma Rita Pavone rivela anche un retroscena su Patty Pravo: «Quando le dissi che mi sarei sposata con Teddy Reno, lei disse a tutti: “Che ve ne importa? Se è felice lei”. L’ho apprezzato molto». Ma parla anche delle sue umili origini: «Io vengo da una famiglia di povera gente, ma dignitosa. Io avrei voluto studiare musica, andare al conservatorio e a scuola. I miei mi dissero di andare a lavorare e l’ho fatto, ma io ho letto molto».

RITA PAVONE, TEDDY RENO E IL SUCCESSO…

Rita Pavone ricorda un anno per lei molto speciale: 1963, quello del suo grande successo. «Non mi rendevo conto di chi avevo incontro. Conoscevo personaggi famosi e non riuscivo neanche ad acchiappare l’essenza di quegli incontri». Le arrivava tutto velocemente, girava il mondo, ma non godeva neppure dei posti che visitava. «Se potessi fermare il tempo, mi godrei tutti quegli incontri». Quella di Rita Pavone è stata comunque una rivoluzione. «Mi tagliai i capelli corti e quindi non c’entravano molto con il look che avevo, quindi capì che dovevo inventarmi qualcosa. Volevo identificarmi in qualcosa». E fece colpo su Teddy Reno, con cui all’epoca non c’era una storia d’amore: «Mi dissi che avevo avuto una bella idea. E lanciai la moda, anche se all’epoca non si parlava di look». Da piccola è stata vittima di bullismo: «Una bambina mi diceva sempre che non sarei più cresciuta. Io le diedi un cazzotto. Sono stata espulsa per una settimana, ma da quel momento lì non mi hanno più bullizzata».

© RIPRODUZIONE RISERVATA