Rita Pavone: “Teddy Reno un pezzo di vita”/ “Elvis Presley mi regalò un dipinto…”

- Alessandro Nidi

Rita Pavone ha parlato della sua lunga storia d’amore con Teddy Reno, della sua carriera, degli USA negati da suo padre e di quando fu Elvis a riconoscere lei

rita pavone 2019 lapresse 640x300
Rita Pavone (La Presse)

Rita Pavone ha concesso un’intervista ai colleghi di “Quotidiano Nazionale”, nella quale ha ripercorso la sua carriera e alcuni aneddoti di vita privata, non ultimo il suo amore per il marito Teddy Reno. La cantante ha rivelato di avere cominciato a cantare in tenera età, a 6-7 anni, sul tavolo di casa (utilizzato come palcoscenico), per poi debuttare a nove anni al teatro “Alfieri” di Torino: “Mio papà mi faceva da manager e mandava in giro foto in cui apparivo più vecchia. Quando gli organizzatori mi vedevano di persona, mi guardavano dall’alto in basso… A me sembrava di essere uno di quei cavalli a cui si guarda in bocca per valutarne l’età. Sa quante volte mi sono sentita dare della nana?”.

L’artista ebbe anche la possibilità di lavorare negli USA, ma il padre glielo impedì: “Ho lavorato due anni negli Stati Uniti d’America, imparando un modo di lavorare tutto diverso dal nostro. Lì, se l’orario è fissato per le nove, si comincia alle nove in un silenzio assoluto. Ho fatto il sold out alla Carnegie Hall, sono stata 5 volte all’Ed Sullivan Show, sono stata accanto a Duke Ellington ed Ella Fitzgerald. Ma, quando mi hanno proposto un contratto, avevo solo 19 anni, e la maggiore età allora era 21. Mio papà si è rifiutato di affidarmi a una governante, e non gliel’ho mai perdonato. Ho avuto una chance incredibile e l’ho buttata a mare, altrimenti oggi, chissà, sarei a cantare a Las Vegas”.

RITA PAVONE E L’INCONTRO CON ELVIS PRESLEY

Nel prosieguo dell’intervista pubblicata su “QN”, Rita Pavone ha ricordato anche l’episodio legato al suo incontro con Elvis Presley: “Ero andata a Nashville mentre incideva un disco. Il suo manager, il famoso colonnello Parker, non voleva farmelo incontrare. Ma quando lui uscì dallo studio mi vide e disse: ‘Ma io ti conosco! Sei stata all’Ed Sullivan show’. Capito? Era Elvis che riconosceva me. Gli chiesi una foto, ma lui mi regalò addirittura un suo dipinto”.

In merito al suo futuro, Rita Pavone ha affermato che ogni artista sa quando è il momento di appendere le scarpe al chiodo, ma lei, a 76 anni, ritiene che quel momento non sia ancora venuto. Intanto, si appresta a festeggiare 54 anni di matrimonio con Teddy Reno: “Non ci dava una lira nessuno, e invece… Non è detto che una bella coppia funzioni per forza. Anche le coppie di sghimbescio, per così dire, possono durare. Certo, Teddy adesso a 96 anni comincia ad avere le sue difficoltà, ma se lo sentisse cantare! Agli altri non piaceva, ma a me sì. Avevo capito che se non avessi preso quel treno avrei perso un pezzo della mia vita”.







© RIPRODUZIONE RISERVATA