Riyadh, missile balistico intercettato/ Forte esplosione e aerei di linea deviati

- Davide Giancristofaro Alberti

A Riyadh un nuovo missile intercettato in volo dopo quello dello scorso 23 gennaio: piovono segnalazioni negli ultimi minuti, ecco cosa è successo

guerra_nave_missile_1_lapresse_2017
Immagine di repertorio (LaPresse)

Un missile balistico sarebbe stato intercettato e fatto esplodere nei cieli sopra Riyadh, capitale dell’Arabia Saudita. La notizia è di pochi minuti fa quindi al momento vi sono poche info ufficiali a riguardo. Quello che si sa giunge per bocca dei giornalisti locali, a cominciare da Mohammed Khalid Alyahya, redattore capo di Al Arabiya, che attraverso la propria pagina Twitter ha scritto: “Breaking news, una forte esplosione è stata udita a Riyadh meno di un minuto fa (il cinguettio pubblicato alle 11:00 ora locali ndr). Un amico a Riyadh con cui sono al telefono ha detto che la sua casa nel quartiere diplomatico ha tremato”.

Quindi in seguito un altro tweet con un breve aggiornamento: “Sembra che un missile sia stato intercettato alle 12:52 ora di Riyad (da noi le 10:52 ndr), secondo i post sui social media e i video con timestamp”. Al momento, come detto sopra, non vi sono notizie certe, ma qualcosa deve essere accaduto anche perchè sempre via social emergono “comportamenti strani” degli aerei in volo su Riyadh, che sono stati deviati dalla zona dove appunto sarebbe stato intercettato il missile balistico.

RIYADH, MISSILE BALISTICO: 3 GIORNI FA L’ATTACCO DELLA MINORANZA HOUTHI

Le autorità non hanno confermato i rapporti sull’intercettazione, ma le segnalazioni di persone che hanno udito l’esplosione e che hanno visto nei cieli lo scoppio del missile, si stanno moltiplicando su Twitter. La notizia del missile balistico giunge a esattamente tre giorni da quella riguardante un altro razzo intercettato sopra i cieli di Riyadh; in quel caso la coalizione guidata dai sauditi che combatte contro il movimento Houthi dello Yemen, aveva spiegato di aver sventato un attacco sulla capitale proprio da parte degli Houthi, così come poi aveva riportato sulla propria pagina Twitter la televisione del regno, Al-Hadath. Il gesto era stato fortemente condannato anche delle tre potenze europee dell’E3, leggasi Francia, Germania e Regno Unito, attraverso una dichiarazione congiunta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA