Roberta Vinci ospite a La Musica che Unisce/ Grande Slam e finale agli Us Open

- Claudio Franceschini

Roberta Vinci ospite a La Musica che Unisce: la ex tennista tarantina, 37 anni, ha scritto il suo nome nella storia dello sport italiano con 4 Fed Cup e il Grande Slam nel doppio.

Roberta Vinci viola Roma lapresse 2020 640x300
Roberta Vinci, 37 anni, ex tennista (Foto LaPresse)

Anche Roberta Vinci sarà una delle ospiti di La Musica che Unisce, in onda su Rai Uno e in streaming martedì 31 marzo. Oggi trentasettenne, la sua carriera è terminata quasi due anni fa: la tennista ha scelto di smettere davanti al suo pubblico, quello di Roma e degli Internazionali d’Italia, ricevendo l’ovazione di tifosi e appassionati che, al netto delle vittorie che comunque ci sono state, l’ha amata per il suo carattere sempre solare (e che le ha riservato anche un posto nei ricordi commossi di tante colleghe del circuito Wta). Se vogliamo, i freddi numeri dicono che la Vinci – tarantina di nascita, cresciuta tennisticamente sui campi in terra rossa insieme a Flavia Pennetta – ha vinto 10 titoli; come dicevamo però le statistiche non sono tutto, ed è vero soprattutto nel caso di Roberta.

La Vinci infatti è entrata nel cuore degli italiani: chiaramente ci sono le vittorie di Fed Cup, che sono ben 4 e che l’hanno consacrata nella storia del torneo insieme alle sue connazionali. C’è però una sera di settembre 2015 che l’ha definitivamente consacrata, ovvero la semifinale degli Us Open: sotto di un set, ha battuto Serena Williams che aveva fatto tris a New York e vinto i tre Slam precedenti in stagione. Con quella vittoria storica, la Vinci è andata a giocare una finale Slam tutta italiana contro l’amica Pennetta: ha perso in due set e un match senza storia, ma di quell’edizione l’Italia del tennis ricorda curiosamente l’impresa di Roberta perché, all’epoca, battere la Williams era impresa semi-impossibile.

ROBERTA VINCI OSPITE A LA MUSICA CHE UNISCE

Roberta Vinci avrà dunque modo di raccontare questa sera la sua carriera: c’è un altro motivo per il quale il suo nome rimarrà celebre nel nostro Paese. La tarantina infatti è l’unica donna italiana ad aver vinto almeno un torneo su tutte le superfici. Impresa iniziata sulla terra di Bogotà nel lontano febbraio 2007, proseguita con il cemento indoor del Lussemburgo e poi messa a referto con ‘s-Hertogenbosch 2011 (erba) e il cemento all’aperto del Texas Tennis Open (2012). Tuttavia, il nome della Vinci è legato a filo doppio a quello di Sara Errani: per un lungo periodo le due sono state la miglior coppia di doppio al mondo vincendo la bellezza di 22 titoli, tra cui i Premier Mandatory di Madrid (2012 e 2014) ma soprattutto completando il Grande Slam con Roland Garros, Us Open, Australian Open (due volte consecutive) e Wimbledon. Purtroppo, la coppia si è definitivamente spezzata con la clamorosa sconfitta in Fed Cup subita da Kristina Mladenovic e Caroline Garcia: le Chichi, così conosciute, ci hanno riprovato per le Olimpiadi di Rio ma non è andata bene.



© RIPRODUZIONE RISERVATA